indice sintetico GIORNALIERO

FLASH NEWS 1

Loading...

FLASH NEWS 2

Loading...

AVVISI AI NAVIGANTI

in RUBRICHE in MATERIALI NOMINE DICEMBRE 2010

RACCOLTA DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA DAL n. 1087 AL N. 1131 - DELIBERE DI NOMINA DEI DIRETTORI GENERALI DELLE ASL LOMBARDE, DELLE AZIENDE OSPEDALIERE E DELL'AREU (12 M)



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 29 DICEMBRE

DELIBERAZIONE N. 1208 DEL 29.12.2010 "....RELAZIONE SEMESTRALE SUL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI STRATEGICI SISS (LUGLIO – DICEMBRE 2010)"



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 22/23 DICEMBRE


DELIBERAZIONE N. 1019 DEL 22.12.2010 - PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE “MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 30 DICEMBRE 2009, N. 33 (TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI SANITA’)



DELIBERAZIONE N. 1052 DEL 22.12.2010 - APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI DISCIPLINARE D’INCARICO PER L’AFFIDAMENTO A INFRASTRUTTURE S.P.A. DI INTERVENTO RELATIVO ALL’AZIENDA OSPEDALIERA “OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO”.




DELIBERAZIONE N. 1030 DEL 22.12.2010 -DETERMINAZIONI RELATIVE ALLA RETE REGIONALE DI PRENOTAZIONE DI PRESTAZIONI SANITARIE – REVISIONE CORRISPETTIVI



DELIBERAZIONE N. 1045 DEL 22.12.2010 ALBO REGIONALE DEI DIRETTORI DI AZIENDE DI SERVIZI ALLA PERSONA TRIENNIO 2010/2013 DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA DGR N. IX-216/2010



DELIBERAZIONE N. 1054 DEL 23.12.2010 - DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA REALIZZAZIONE DELLA RETE LOMBARDA PER LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) DELIBERAZIONE N. 1085 DEL 23.12.2010 -PROTOCOLLO D’INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA E GLI IRCCS PUBBLICI LOMBARDI PER LA VALORIZZAZIONE E IL RILANCIO DEL CENTRO DI RICERCA SITO IN NERVIANO



21 DICEMBRE 2010

LINK GIUNTA REGIONE LOMBARDIA: D.G.R. N. IX/1009 15.12.2010 - DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA D.G.R. N. IX/189 DEL 30.06.2010 RELATIVA ALL'AGGIORNAMENTO DEGLI ELENCHI DEGLI IDONEI ALLA NOMINA DI DIRETTORE AMMINISTRATIVO, DIRETTORE SANITARIO E DIRETTORE SOCIALE DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE........



LINK DGR 937 (REGOLE 2011)+ALLEGATO 6



LINK DGR 938 (NUOVA DELIBERA IDONEI ALLA NOMINA)



LINK DGR 965 (ADOZIONE PIANO REGIONALE DISABILITA')



LINK DGR 939 (PIANO REGIONALE EDUCAZIONE SANITARIA E ZOOFILA)



LINK DGR 898 (REQUISITI TECNOLOGICI E STRUTTURALI)



BURL BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE LOMBARDIA LINK CONSULTAZIONE

INSERIRE EMAIL X RICEVERE INDICE E POST GIORNALIERO

11 gennaio 2012

Il Fatto Quotidiano 11.1.2012
IL SAN RAFFAELE AL RAS DEGLI OSPEDALI

Fuori lor e Malacalza

Rotelli si aggiudica l'istituto all'asta

di Giovanna Lantini

Un potenziale di oltre 5mila posti letto e più di un miliardo di euro di rimborsi pubblici, 700 milioni dei quali dalla sola Re­gione Lombardia. Bilanci alla mano, significa più o meno questo l'acquisizione del San Raffaele da parte di Giuseppe Rotelli, patron del gruppo San Donato che conta già 16 "stabilimenti", come li defini­sce lui, tra ospedali conven­zionati e cliniche private per un totale di oltre 800 milioni di fatturato nel 2010, un pri­mato nazionale che rappre­senta il 9% del valore dei ri­coveri ordinari del sistema ospedaliero lombardo. Detto in altri termini, l'acqui­sizione del polo ospedaliero creato da don Verzè da parte di Rotelli significa la nascita di un interlocutore di peso più che rilevante per la Regione Lombardia di Roberto Formi­goni sulla quale la voce sanità pesa oltre 15 miliardi di euro l'anno. E questo succede pro­prio quando, con l'arresto di Pierangelo Daccò, l'inchiesta sui fondi neri del San Raffaele è arrivata alle porte del Pirel­Ione. DI SICURO Rotelli che è an­che il secondo azionista del Corriere della Sera, non è un novellino in Regione. Non solo per la potenza di fuoco di cui già dispone, ma anche e so­prattutto per il suo lungo cur­riculum che per il lontano 1972, con il presidente Piero Bassetti (Dc) alla Regione Lombardia, registra il suo in­gresso nel primo nucleo di esperti dell'Ufficio Legale del­la Giunta regionale. Il profes­sore di Pavia, poi, è stato per ben 15 anni tra i componenti del Comitato di Consulenza le­gislativa del Pirellone. Non so­lo. Due volte presidente del Comitato regionale per la Pro­grammazione sanitaria, sem­pre della Regione Lombardia, Rotelli figura tra gli estensori del Piano ospedaliero regiona­le, approvato nel 1974. Di qui la preparazione che gli ha con­sentito di accedere a incarichi di prestigio come la consulen­za a tre ministri della Sanità. Tra questi, sotto il governo Berlusconi, Girolamo Sirchia. Per accedere ai piani alti dei dicasteri, bisogna avere tante amicizie: Bettino Craxi, per esempio, Rotelli lo conosceva bene ed è stato referente per la materia sanitaria del Partito socialista italiano. È stato vici­no a Giuliano Amato, a Carlo Tognoli, allo stesso Formigo­ni, all'ex premier Silvio Berlu­sconi, che a maggio 2009 ha presenziato all' inaugurazione del nuovo Policlinico San Do­nato e al costruttore siculo-milanese Salvatore Ligresti che in queste settimane sta lottando per restare a galla. Nel 2000 quando Antonino, fratello di Salvatore, vendette le sue cli­niche in seguito al tragico in­cidente del Galeazzi fu pro­prio Rotelli a farsi avanti con 500 miliardi di lire. Dando lo slancio finale a quello che ap­punto oggi è il primo gruppo ospedaliero del Paese. UNA REALTÀ imprendito­riale che beneficia della con­correnza pubblico-privato nella sanità lombarda, voluta da Formigoni negli anni No­vanta, politicamente figlia, se­condo i più, anche -…e benedetta da Ber­lusconi. E oggi è a un passo dal farsi un vero e proprio gigante che lo stesso Formigoni ieri ha salutato con soddisfazione. "Fa piacere che ad aggiudicar­si la gara sia un gruppo italiano e ancor più lombardo. Aveva­mo ragione nel sostenere che non fosse necessario un inter­vento del pubblico - e in par­ticolare della Regione - per sal­vare dal fallimento un istituto di assoluta eccellenza", ha det­to il governatore secondo il quale si è aperta una "nuova fase". Rotelli ha vinto grazie a un'of­ferta di 405 milioni che ha bat­tuto la concorrenza dello Ior (la banca del Vaticano) alleato con l'imprenditore genovese Vittorio Malacalza, intervenu­ti l'estate scorsa per salvare dal crac l'ospedale di Don Verzè. Fine della storia? Non è detto. Nella saga del San Raffaele non si possono escludere nuovi colpi di scena. La procedura del concordato, infatti, preve­de che chi fosse interessato a rilevare l'ospedale milanese possa ancora presentare un'offerta direttamente nelle mani del giudice fallimentare entro il 23 gennaio. Quel gior­no, infatti, i creditori per oltre 1,5 miliardi di euro verso il gruppo ospedaliero si riuni­ranno per votare la proposta di concordato migliorata da Rotelli, contro i 250 milioni of­ferti da Ior e Malacalza. La prossima settimana è inoltre attesa la relazione dei tre com­missari nominati dal tribunale di Milano. Nella più rosea del­le previsioni, con il doppio ri­lancio di Rotelli il rimborso ai creditori ai creditori chirogra­fari (banche che non hanno mutui ipotecari e i fornitori) potrebbe salire fino all'80% contro il 50% calcolato sulla base della precedente offerta. E mentre i consiglieri della fondazione Monte Tabor (a cui fa capo l'ospedale) in quo­ta Vaticano si sono dichiarati pronti a rimettere il mandato nelle mani del giudice, a Mi­lano c'è ancora chi non esclu­de del tutto un ritorno sulla scena dell'ormai ex partner dello Ior, Vittorio Malacalza.

ricerca nel blog

Caricamento in corso...

REGIONE LOMBARDIA

REGIONE LOMBARDIA
CLICCA su immagine X alcune informazioni sul diritto all'esenzione

WORLD ALZHEIMER'S DAY 21 SETTEMBRE 2011

DOWNLOAD

DOWNLOAD
OMS EUROPA: Rapporto europeo prevenzione dei maltrattamenti dell'anziano

WHO/OMS : Global status report on noncommunicable diseases 2010

LINK OECD RAPPORTO POLITICHE SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE

LEGGI SCARICA STAMPA

LEGGI SCARICA STAMPA
DOSSIER MEDICINA TERRITORIALE

Trends in maternal mortality: 1990 to 2008

Dossier Consiglio Regionale Lombardia Qualità delle azioni regionali di supporto alla famiglia da un punto di vista socio economico. Stato della legislazione regionale e prospettive