LEGGI SCARICA STAMPA

LEGGI SCARICA STAMPA
DOSSIER MEDICINA TERRITORIALE

LINK OECD RAPPORTO POLITICHE SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE

WHO/OMS : Global status report on noncommunicable diseases 2010

INSERIRE EMAIL X RICEVERE INDICE E POST GIORNALIERO

indice sintetico GIORNALIERO


BURL BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE LOMBARDIA LINK CONSULTAZIONE
6 giugno 2011

"TRASMETTONO FACILMENTE IL MORBO MA IN ITALIA LI MANGIANO IN POCHI" Repubblica

Repubblica di lunedì 6 giugno 2011, pagina 19


"TRASMETTONO FACILMENTE IL MORBO MA IN ITALIA LI MANGIANO IN POCHI"

di Bocci Michele

________________________________________

La Coldiretti: usati soprattutto nella cucina macrobiotica, da noi vengono coltivati al nord "Trasmettono facilmente il morbo ma in Italia li mangiano in pochi" Il caso MICHELE BOCCI ROMA — Un prodotto di nicchia, usato per il buon apporto di proteine da chi segue diete vegetariane ma non solo. Non esiste nemmeno un codice doganale per identificare i germogli di soia, tanto è ridotta l'importazione nel nostro paese. «E un prodotto che da noi si usa quasi esclusivamente fresco, per questo nei supermercati si trova prevalentemente quello prodotto in Italia», spiega Lorenzo Bazzana, responsabile economico di Coldiretti. Dall'associazione non hanno dati sul giro di affari dei germogli, che al consumatore costano tra i 4 e i 6 euro al chilo. Normalmente vengono venduti in buste, in vassoi, in scatole ma si sta anche diffondendo la produzione in casa, con i germoglia-tori. Si parte dal seme, lo si coltiva con la tecnica idroponica cioè senza usare terra, e si crea una "pianta in embrione", che di fatto è un legume giovane. Il nutrizionista Giorgio Calabrese spiega che «i semi di soia germogliati sono in pectore ricchi di vitamine, proteine, minerali ed enzimi. In pectore perché tutti questi elementi sono presenti solo in piccole quantità». I germogli sono molto usati dai vegetariani e dagli amanti della cucina macrobiotica e vengono spesso utilizzati in insalata. «Si mangiano crudi, sono un cibo facile da digerire che non ha praticamente scarti», dice Calabrese: «Il mercato si è sviluppato soprattutto al nord negli ultimi 15 anni». Nel 1996 dei germogli sono stati il veicolo di una grave epidemia di escherichia coli in Giappone, nella zona di Sakai, dove si ammalarono 10mila persone. «Il batterio èin grado di fissars i con successo sulla soia, tanto che alcune proteine di questa pianta vengono utilizzate per il brodo di coltura dell'escherichia coli», spiega Rolando Manfredini, responsabilesicurezzaaliinentare di Coldiretti. Alfredo Caprioli, il direttore del laboratorio di riferimento europeo perl'escherichiacoli dell'Istituto superiore di sanità sottolinea come il batterio sia capace di restare in uno stato di quiescenza nel seme essiccato. «Per poi tornare attivo quando nascono i germogli. Per quanto riguarda la Germania posso solo dire che visto come si è sviluppata l'epidemia, che ha colpito persone che sono passate nella stessa zona, difficilmente si tratta di alimenti che vengono esportati nel nostro o in altri paesi».

AVVISI AI NAVIGANTI

in RUBRICHE in MATERIALI NOMINE DICEMBRE 2010

RACCOLTA DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA DAL n. 1087 AL N. 1131 - DELIBERE DI NOMINA DEI DIRETTORI GENERALI DELLE ASL LOMBARDE, DELLE AZIENDE OSPEDALIERE E DELL'AREU (12 M)



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 29 DICEMBRE

DELIBERAZIONE N. 1208 DEL 29.12.2010 "....RELAZIONE SEMESTRALE SUL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI STRATEGICI SISS (LUGLIO – DICEMBRE 2010)"



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 22/23 DICEMBRE


DELIBERAZIONE N. 1019 DEL 22.12.2010 - PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE “MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 30 DICEMBRE 2009, N. 33 (TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI SANITA’)



DELIBERAZIONE N. 1052 DEL 22.12.2010 - APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI DISCIPLINARE D’INCARICO PER L’AFFIDAMENTO A INFRASTRUTTURE S.P.A. DI INTERVENTO RELATIVO ALL’AZIENDA OSPEDALIERA “OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO”.




DELIBERAZIONE N. 1030 DEL 22.12.2010 -DETERMINAZIONI RELATIVE ALLA RETE REGIONALE DI PRENOTAZIONE DI PRESTAZIONI SANITARIE – REVISIONE CORRISPETTIVI



DELIBERAZIONE N. 1045 DEL 22.12.2010 ALBO REGIONALE DEI DIRETTORI DI AZIENDE DI SERVIZI ALLA PERSONA TRIENNIO 2010/2013 DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA DGR N. IX-216/2010



DELIBERAZIONE N. 1054 DEL 23.12.2010 - DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA REALIZZAZIONE DELLA RETE LOMBARDA PER LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) DELIBERAZIONE N. 1085 DEL 23.12.2010 -PROTOCOLLO D’INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA E GLI IRCCS PUBBLICI LOMBARDI PER LA VALORIZZAZIONE E IL RILANCIO DEL CENTRO DI RICERCA SITO IN NERVIANO



21 DICEMBRE 2010

LINK GIUNTA REGIONE LOMBARDIA: D.G.R. N. IX/1009 15.12.2010 - DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA D.G.R. N. IX/189 DEL 30.06.2010 RELATIVA ALL'AGGIORNAMENTO DEGLI ELENCHI DEGLI IDONEI ALLA NOMINA DI DIRETTORE AMMINISTRATIVO, DIRETTORE SANITARIO E DIRETTORE SOCIALE DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE........



LINK DGR 937 (REGOLE 2011)+ALLEGATO 6



LINK DGR 938 (NUOVA DELIBERA IDONEI ALLA NOMINA)



LINK DGR 965 (ADOZIONE PIANO REGIONALE DISABILITA')



LINK DGR 939 (PIANO REGIONALE EDUCAZIONE SANITARIA E ZOOFILA)



LINK DGR 898 (REQUISITI TECNOLOGICI E STRUTTURALI)


DOWNLOAD

DOWNLOAD
OMS EUROPA: Rapporto europeo prevenzione dei maltrattamenti dell'anziano

REGIONE LOMBARDIA

REGIONE LOMBARDIA
CLICCA su immagine X alcune informazioni sul diritto all'esenzione

Trends in maternal mortality: 1990 to 2008

WORLD ALZHEIMER'S DAY 21 SETTEMBRE 2011

Dossier Consiglio Regionale Lombardia Qualità delle azioni regionali di supporto alla famiglia da un punto di vista socio economico. Stato della legislazione regionale e prospettive