LEGGI SCARICA STAMPA

LEGGI SCARICA STAMPA
DOSSIER MEDICINA TERRITORIALE

LINK OECD RAPPORTO POLITICHE SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE

WHO/OMS : Global status report on noncommunicable diseases 2010

INSERIRE EMAIL X RICEVERE INDICE E POST GIORNALIERO

indice sintetico GIORNALIERO


BURL BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE LOMBARDIA LINK CONSULTAZIONE
7 giugno 2011

TEST NEGATIVI SUI GERMOGLI DI SOIA. IL BATTERIO KILLER UCCIDE ANCORA Unita'

Unita' di martedì 7 giugno 2011, pagina 26


TEST NEGATIVI SUI GERMOGLI DI SOIA. IL BATTERIO KILLER UCCIDE ANCORA

di Mastroluca Marina

________________________________________

I germogli di soia potrebbero essere innocenti, al pari dei cetrioli. Dopo aver puntato il dito su una fattoria biologica di Uelzen, in Bassa Sassonia, le autorità tedesche fanno un passo indietro. Gli esami di laboratorio non danno conferme. Su 40 campioni esaminati 23 sono risultati negativi all'Escherichia Coli 0104:H4, il ceppo altamente tossico del batterio che sta seminando il panico in Europa. Per altri 17 campioni i test non sono stati ancora conclusi, ci vorranno giorni. E intanto arriva la conferma di una nuova vittima, la 23esima su 2333 persone colpite: è una donna di 90 anni morta venerdì scorso nello Schleswig Holstein. Un primo caso di contagio confermato in Polonia, un altro in Lussemburgo ma non si tratta di nuovi focolai, entrambe le persone colpite erano appena rientrate dalla Germania. Il problema è qui, ma le autorità tedesche non riescono a mettere a fuoco il punto d'origine. «La ricerca della causa dell'epidemia è molto difficile perchè dal suo presunto inizio sono passate alcune settimane», spiega una nota del ministero dell'agricoltura di Berlino. Il batterio non è stato rintracciato, ma questo non esclude che i germogli di soia distribuiti nelle scorse settimane non fossero contaminati. Il governo tedesco rinnova comunque l'invito a non consumare verdure crude, in particolare cetrioli, pomodori e insalata. Nella lista sono stati inseriti anche i germogli di soia. Sui quali resta un'ombra di dubbio nell'attesa degli ultimi test. Nella fattoria di Uelzen non sanno spiegarsi come potrebbe essere avvenuta una eventuale contaminazione: l'E.coli è un batterio di origine fecale, spesso presente nelle deiezioni animali. Se utilizzate tal quali come concime, senza un opportuno processo di maturazione, le feci animali possono trasmettere t1 batterio. Ma nell'azienda gioiello messa sotto accusa non si allevano animali né si utilizza concime. «I germogli da insalata si sviluppano solo dai semi e dall'acqua», spiega Klaus Verbeck, amministratore della fattoria. I semi, appunto. Anche se ora il batterio non si trova, potrebbe essere stato questo il veicolo. Ne parla il tabloid Bild, chiamando in causa fornitori cinesi. Semi contaminati furono all'origine di un'analoga epidemia verificatasi anni fa in Giappone, come confermano anche diversi ricercatori europei: i germogli di soia sono in contatto diretto con il seme, il contatto con batteri eventualmente presenti è inevitabile. Ma resta sempre aperta l'ipotesi, anche se meno accreditata, di una possibile contaminazione in_ una fase successiva alla produzione. SETTORE IN CRISI Un rompicapo per le autorità tedesche, che non nascondono il rischio di non riuscire ad individuare l'origine dell'epidemia. Ci vorrà tempo e non è detto che si arrivi ad una causa certa. Esperti europei sono a Berlino, anche la Russia ha offerto aiuto, mentre i ministri della salute Ue chiedono di rafforzare i controlli in Germania. Nell'attesa c'è però da far fronte non solo all'emergenza sanitaria - gli ospedali tedeschi faticano a  prestare assistenza alle persone colpite che necessitano in molti casi di trasfusioni e dialisi - ma anche a quella economica. La Russia mantiene l'embargo sugli ortaggi europei, una decisione che la Ue giudica «sproporzionata» e che si spera Mosca possa ritirare prima del bilaterale di giovedì e venerdì prossimi. Parleranno anche di questo i ministri dell'agricoltura europei convocati per un summit straordinario oggi in Lussemburgo, alla presenza anche dei commissario europeo del settore, Dacian Ciolos, e di quello alla Sanità, John Dalli. Il danno economico è importante, e non solo per l'embargo russo - Mosca importa ortaggi Ue per 600 milioni di euro all'anno. I produttori spagnoli, i primi ad essere chiamati in causa per il sospetto sui cetrioli, hanno stimato perdite che ammontano finora a 200 milioni di euro alla settimana. Madrid ha chiesto risarcimenti alla Germania per l'allarme infondato sui suoi cetrioli. Ma è tutto il settore agricolo europeo a soffrire, in Italia la Coldiretti parla di danni per 100 milioni di euro. La Ue non esclude i risarcimenti, ma sarà possibile fare una valutazione solo una volta accertate causa e entità del danno. La Spagna ha chiesto intanto la revisione del meccanismo di allerta alimentare Ue, «per evitare che questo tipo di situazione si ripeta». :-

AVVISI AI NAVIGANTI

in RUBRICHE in MATERIALI NOMINE DICEMBRE 2010

RACCOLTA DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA DAL n. 1087 AL N. 1131 - DELIBERE DI NOMINA DEI DIRETTORI GENERALI DELLE ASL LOMBARDE, DELLE AZIENDE OSPEDALIERE E DELL'AREU (12 M)



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 29 DICEMBRE

DELIBERAZIONE N. 1208 DEL 29.12.2010 "....RELAZIONE SEMESTRALE SUL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI STRATEGICI SISS (LUGLIO – DICEMBRE 2010)"



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 22/23 DICEMBRE


DELIBERAZIONE N. 1019 DEL 22.12.2010 - PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE “MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 30 DICEMBRE 2009, N. 33 (TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI SANITA’)



DELIBERAZIONE N. 1052 DEL 22.12.2010 - APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI DISCIPLINARE D’INCARICO PER L’AFFIDAMENTO A INFRASTRUTTURE S.P.A. DI INTERVENTO RELATIVO ALL’AZIENDA OSPEDALIERA “OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO”.




DELIBERAZIONE N. 1030 DEL 22.12.2010 -DETERMINAZIONI RELATIVE ALLA RETE REGIONALE DI PRENOTAZIONE DI PRESTAZIONI SANITARIE – REVISIONE CORRISPETTIVI



DELIBERAZIONE N. 1045 DEL 22.12.2010 ALBO REGIONALE DEI DIRETTORI DI AZIENDE DI SERVIZI ALLA PERSONA TRIENNIO 2010/2013 DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA DGR N. IX-216/2010



DELIBERAZIONE N. 1054 DEL 23.12.2010 - DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA REALIZZAZIONE DELLA RETE LOMBARDA PER LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) DELIBERAZIONE N. 1085 DEL 23.12.2010 -PROTOCOLLO D’INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA E GLI IRCCS PUBBLICI LOMBARDI PER LA VALORIZZAZIONE E IL RILANCIO DEL CENTRO DI RICERCA SITO IN NERVIANO



21 DICEMBRE 2010

LINK GIUNTA REGIONE LOMBARDIA: D.G.R. N. IX/1009 15.12.2010 - DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA D.G.R. N. IX/189 DEL 30.06.2010 RELATIVA ALL'AGGIORNAMENTO DEGLI ELENCHI DEGLI IDONEI ALLA NOMINA DI DIRETTORE AMMINISTRATIVO, DIRETTORE SANITARIO E DIRETTORE SOCIALE DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE........



LINK DGR 937 (REGOLE 2011)+ALLEGATO 6



LINK DGR 938 (NUOVA DELIBERA IDONEI ALLA NOMINA)



LINK DGR 965 (ADOZIONE PIANO REGIONALE DISABILITA')



LINK DGR 939 (PIANO REGIONALE EDUCAZIONE SANITARIA E ZOOFILA)



LINK DGR 898 (REQUISITI TECNOLOGICI E STRUTTURALI)


DOWNLOAD

DOWNLOAD
OMS EUROPA: Rapporto europeo prevenzione dei maltrattamenti dell'anziano

REGIONE LOMBARDIA

REGIONE LOMBARDIA
CLICCA su immagine X alcune informazioni sul diritto all'esenzione

Trends in maternal mortality: 1990 to 2008

WORLD ALZHEIMER'S DAY 21 SETTEMBRE 2011

Dossier Consiglio Regionale Lombardia Qualità delle azioni regionali di supporto alla famiglia da un punto di vista socio economico. Stato della legislazione regionale e prospettive