LEGGI SCARICA STAMPA

LEGGI SCARICA STAMPA
DOSSIER MEDICINA TERRITORIALE

LINK OECD RAPPORTO POLITICHE SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE

WHO/OMS : Global status report on noncommunicable diseases 2010

INSERIRE EMAIL X RICEVERE INDICE E POST GIORNALIERO

indice sintetico GIORNALIERO


BURL BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE LOMBARDIA LINK CONSULTAZIONE
1 giugno 2011

"SÌ, C'È PIÙ RISCHIO". "NO, MANCA LA PROVA" COSÌ I TELEFONINI DIVIDONO GLI SCIENZIATI Repubblica

Repubblica di mercoledì 1 giugno 2011, pagina 25


"Sì, c'è più rischio". "No, manca la prova" così i telefonini dividono gli scienziati

di Staglianò Riccardo

________________________________________

BUON'ULTIMA è arrivata l'Organizzazione mondiale della sanità. I cellulari potrebbero causare tumori al cervello, ha detto ieri la sua agenzia Iarc. Ma quella della pericolosità dei telefonini è una storia infinita, e infinitamente confusa. Sempl ifi cando, da una parte c'è l'Interphone UP), uno studio decennale terminato l'estate scorsa che ha coinvolto tredici paesi, Italia inclusa. Nelle sue conclusioni afferma che «non c'è un legame conclusivo tra l'uso dei cellulari e i tumori al cervello» mentre in un'appendice si scopre che il rischio di glioma tra chi ha usato il cellulare da dieci anni o più risulta quasi doppio rispetto a chi non lo usa. Dal l' altro versante ci sono gli studi dello svedese Lennart Hardell, con un campione demograficamente più ampio e un numero di lungo-esposti maggiore, che dimostrerebbero in maniera più univoca il nesso: per ogni 100 ore di uso il rischio di gliomi e neuromi aumenta del 5 per cento; dopo 10 o più anni del 280 e, per quelli che hanno cominciato ad adoperarlo da ragazzini, addirittura del 420 per cento. Sino a ieri l'Oms aveva negato qualsiasi potenziale carcinogeno peri cellulari. Oggi invece si esprime negli stessi termini usati poco tempo fa da Elisa-beth Cardis, l'epidemiologa spagnola che aveva coordinato Crescita Aumentano le dimensioni della testa e diminuisce l'influsso delle radiazioni i vari team dell'IP. Liberatasi dal suo ruolo istituzionale ha firmato, assieme alla collega israeliana Siegal Sadetzky, un articolo su Occupational and Environmental Medicine in cui avverte: «Ciò che osserviamo già è la maggiore incidenza di tumori nel lobo temporale, vicino a dove si tiene il telefono, e di quelli ipsilaterali. Più che abbastanza per suggerire cautela». Ovvero: «Misure semplici ed economiche, come l'uso di sms, auricolari e viva voce potrebbero sostanzialmente ridurre l'esposizione del cervello». Particolarmente per i giovani. Una cautela che, all'Istituto superiore di sanità, la sua omologa Susanna Lagorio ancora poche settimane fa non condivideva affatto: «Se qualcuno è preoccupato e vuole usare l'auricolare lo faccia, ma non sarò io a consigliarglielo perché con i dati attuali non ne vedo la necessità». Si era anche arrabbiata per una sentenza del tribunale del lavoro di Brescia che, primo in Italia se non nel mondo, a dicembre 2009 ha condannato l'Inail a versare una pensione di invalidità a un manager, riconoscendo un nesso di causalità tra il suo tumore al nervo trigemino e una media giornaliera di cinque ore tra cellulare e cordless. Angelo Gino Levis, già ordinario di mutagenesi ambientale che di quella causa è stato perito di parte, denuncia il tema del conflitto di interessi: «Negli studifiEffetti In età adulta gli effetti del campo elettro magnetico sul cervello sono ancora minori nanziati dall'industria c'è il 28 per cento di probabilità di trovare la conferma di un qualsiasi effetto dall'esposizione alle frequenze elettromagnetiche contro il 67 per cento di quelli indipendenti». E mentre prima si indagavano come nocivi solo gli effetti termici del cellulare, il riscaldamento della zona dove poggia, di recente Nora Volkow, direttrice del National Institute on Drug Abuse, ha dimostrato come l'esposizione al telefonino modifich i il metabo -lismo del glucosio nel cervello, abbia quindi effetti biologici. Sino a ieri la potente GsmAssociation, che raggruppa produttori e operatori, cominciava le sue risposte ai giornalisti proprio citando l'Oms: «Seguiamo il suo avviso per cui nessun effetto avverso alla salute è stato stabilito circa i segnali radio dei telefoni mobili». Da oggi dovranno cambiare fonte. E forse trovare risposte più convincenti anche rispetto ad alcune non tranquillizzanti avvertenze nei manuali di istruzioni di popolari smartphone, dal Blackberry all' iPhone, che consigliano di usarli rispettivamente a 2,5 o 1,5 centimetri dal corpo. Di nuovo: basta un auricolare, e passa la paura.

AVVISI AI NAVIGANTI

in RUBRICHE in MATERIALI NOMINE DICEMBRE 2010

RACCOLTA DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA DAL n. 1087 AL N. 1131 - DELIBERE DI NOMINA DEI DIRETTORI GENERALI DELLE ASL LOMBARDE, DELLE AZIENDE OSPEDALIERE E DELL'AREU (12 M)



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 29 DICEMBRE

DELIBERAZIONE N. 1208 DEL 29.12.2010 "....RELAZIONE SEMESTRALE SUL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI STRATEGICI SISS (LUGLIO – DICEMBRE 2010)"



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 22/23 DICEMBRE


DELIBERAZIONE N. 1019 DEL 22.12.2010 - PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE “MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 30 DICEMBRE 2009, N. 33 (TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI SANITA’)



DELIBERAZIONE N. 1052 DEL 22.12.2010 - APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI DISCIPLINARE D’INCARICO PER L’AFFIDAMENTO A INFRASTRUTTURE S.P.A. DI INTERVENTO RELATIVO ALL’AZIENDA OSPEDALIERA “OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO”.




DELIBERAZIONE N. 1030 DEL 22.12.2010 -DETERMINAZIONI RELATIVE ALLA RETE REGIONALE DI PRENOTAZIONE DI PRESTAZIONI SANITARIE – REVISIONE CORRISPETTIVI



DELIBERAZIONE N. 1045 DEL 22.12.2010 ALBO REGIONALE DEI DIRETTORI DI AZIENDE DI SERVIZI ALLA PERSONA TRIENNIO 2010/2013 DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA DGR N. IX-216/2010



DELIBERAZIONE N. 1054 DEL 23.12.2010 - DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA REALIZZAZIONE DELLA RETE LOMBARDA PER LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) DELIBERAZIONE N. 1085 DEL 23.12.2010 -PROTOCOLLO D’INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA E GLI IRCCS PUBBLICI LOMBARDI PER LA VALORIZZAZIONE E IL RILANCIO DEL CENTRO DI RICERCA SITO IN NERVIANO



21 DICEMBRE 2010

LINK GIUNTA REGIONE LOMBARDIA: D.G.R. N. IX/1009 15.12.2010 - DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA D.G.R. N. IX/189 DEL 30.06.2010 RELATIVA ALL'AGGIORNAMENTO DEGLI ELENCHI DEGLI IDONEI ALLA NOMINA DI DIRETTORE AMMINISTRATIVO, DIRETTORE SANITARIO E DIRETTORE SOCIALE DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE........



LINK DGR 937 (REGOLE 2011)+ALLEGATO 6



LINK DGR 938 (NUOVA DELIBERA IDONEI ALLA NOMINA)



LINK DGR 965 (ADOZIONE PIANO REGIONALE DISABILITA')



LINK DGR 939 (PIANO REGIONALE EDUCAZIONE SANITARIA E ZOOFILA)



LINK DGR 898 (REQUISITI TECNOLOGICI E STRUTTURALI)


DOWNLOAD

DOWNLOAD
OMS EUROPA: Rapporto europeo prevenzione dei maltrattamenti dell'anziano

REGIONE LOMBARDIA

REGIONE LOMBARDIA
CLICCA su immagine X alcune informazioni sul diritto all'esenzione

Trends in maternal mortality: 1990 to 2008

WORLD ALZHEIMER'S DAY 21 SETTEMBRE 2011

Dossier Consiglio Regionale Lombardia Qualità delle azioni regionali di supporto alla famiglia da un punto di vista socio economico. Stato della legislazione regionale e prospettive