LEGGI SCARICA STAMPA

LEGGI SCARICA STAMPA
DOSSIER MEDICINA TERRITORIALE

LINK OECD RAPPORTO POLITICHE SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE

WHO/OMS : Global status report on noncommunicable diseases 2010

INSERIRE EMAIL X RICEVERE INDICE E POST GIORNALIERO

indice sintetico GIORNALIERO


BURL BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE LOMBARDIA LINK CONSULTAZIONE
5 giugno 2011

REGIONI SENZA SOLDI PER PAGARE LE FORNITURE MEDICHE - SANITÀ, I TAGLI DI B. STROZZANO I FORNITORI

Il Fatto Quotidiano di domenica 5 giugno 2011, pagina 10


REGIONI SENZA SOLDI PER PAGARE LE FORNITURE MEDICHE - SANITÀ, I TAGLI DI B. STROZZANO I FORNITORI

di Reggio Mario

________________________________________

STROZZANO I FORNITORI Le Regioni pagano in ritardo anche di 900 giorni.

E dall'Europa arriva l'ultimatum di Mario Reggio La crisi non guarda in faccia a nessuno e sta mettendo in ginocchio uno dei settori nevralgici della sanità. Sono le aziende che forniscono i dispositivi elettromedicali alle Asl e agli ospedali. Vale a dire i reagenti per gli esami di laboratorio, macchinari come la Tac e la risonanza magnetica, bisturi, strutture per le sale operatorie. Il governo taglia e le Regioni pagano le fatture a distanza di molti mesi. Il record spetta alla Calabria con 912 giorni di media nei ritardi, seguita dalla Campania con 765 e dal Lazio con 403 giorni. In soldoni, i crediti delle aziende ammontano a 5 miliardi e 350 milioni di euro. In crisi verticale soprattutto le piccole e medie imprese che per evitare la bancarotta "scontano" le fatture in banca e si accontentano di incassare subito il 3 per cento in meno del loro credito. Le multinazionali se la passano meglio, ma da qualche mese è iniziata la diaspora verso Paesi dove i tempi di pagamento sono certi. "In Germania le strutture sanitarie pagano entro 30 giorni, in Francia e Inghilterra il termine massimo è di cinquanta", commenta Stefano Rimondi, vicepresidente di Assobiomedica-Con-findustria, con la delega ai rapporti con le Regioni. LA SITUAZIONE, già critica nel 2010, è peggiorata nei primi mesi di quest'anno. "La crisi è ormai verticale, basta leggere i numeri. Si sta poi diffondendo una dinamica atipica - prosegue Rimoldi - all'interno della stessa Regione i ritardi nei pagamenti si sono differenziati. Mentre, ad esempio, Reggio Emilia mantiene un trend quasi virtuoso a Modena la situazione precipita. Stesso discorso a Belluno e Treviso, dove i ritardi ci sono ma contenuti, a Verona e Venezia le fatture vengono pagate con ritardi insostenibili. Vorrei che i presidenti delle Regioni, che hanno il compito di decidere la politica sanitaria, intervengano e non se la cavino con la solita tiritera: pagheremo quando i soldi del Fondo sanitario nazionale arriveranno dal ministero del Tesoro. Non c'è molto tempo da perdere". Perchè? "Se il nostro settore crolla, crolla la sanità pubblica e tutto il sistema va in frantumi - afferma Rimoldi - si rischia di tornare allo stetoscopio e all'esame olfattivo delle urine". Ma il momento della verità si avvicina a grandi passi. Una direttiva europea stabilisce il 16 marzo del 2013 come termine ultimo per tutti i Paesi della Comunità per pagare le forniture entro 60 giorni dalla data della fattura. In caso di ritardo, verrà applicato un tasso di interesse dell'8 per cento da sommarsi con quello Euribor. E per i Paesi inadempienti pesantissime penali. Un altro nodo centrale è quello della ricerca. In Italia tutti discettano, consigliano, invitano, ma nessuno fa nulla. "Se le nostre aziende venissero pagate entro 60 giorni, noi eviteremmo di regalare il 2.5 per cento di interessi sul fatturato alle banche - conclude Rimoldi - prendendo a base l'importo complessivo che è di 6 miliardi l'anno, noi potremmo disporre di 150 milioni di euro da investire nella ricerca. Ci basterebbe questo, non vogliamo soldi dallo Stato, possiamo fare da soli. Comunque non ci servono le promesse ma i fatti". In attesa di un improbabile miracolo lo scenario resta critico: il Tesoro taglia i fondi alle Regioni, queste preferiscono dilazionare i pagamenti alle aziende fornitrici anche a costo di pagare centinaia di milioni di interessi. E LE IMPRESE? Hanno due strade. La prima: affidarsi a uno studio legale, fare causa alla Asl, e aspettare che l'amministrazione pubblica tiri fuori i soldi. Ma questa scelta vuol dire che, nell'attesa, l'azienda è costretta a cercare finanziamenti per mandare avanti l'attività, ma questo vuol dire pagare gli interessi. Un circolo vizioso, diabolico e costoso. Quindi, molto spesso le imprese preferiscono scontare le fatture in banca. Facciamo un esempio: l'azienda ha fornito reagenti per un laboratorio di analisi per 100 euro. La banca diventa titolare del credito e anticipa 97 euro, poi se la vedrà lei, tanto prima o dopo incasserà il dovuto. Ma c'è anche un'altra strada. Quella della cessione del credito a una finanziaria. Ce ne sono  alcune disposte a pagare per intero i 100 euro all'impresa, perché sanno che alla fine l'amministrazione pubblica pagherà 110. Basta avere pazienza. Ma questa strada è irta di incognite e trabocchetti. Il mercato delle finanziarie negli ultimi anni si è gonfiato in modo sospetto. Si è creato un giro di fatture "cedute" per miliardi di euro. E non tutte le finanziarie, spuntate come funghi, hanno il dono della trasparenza. Il sospetto è che nel business siano entrate anche mafia, 'ndrangheta e camorra.

AVVISI AI NAVIGANTI

in RUBRICHE in MATERIALI NOMINE DICEMBRE 2010

RACCOLTA DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA DAL n. 1087 AL N. 1131 - DELIBERE DI NOMINA DEI DIRETTORI GENERALI DELLE ASL LOMBARDE, DELLE AZIENDE OSPEDALIERE E DELL'AREU (12 M)



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 29 DICEMBRE

DELIBERAZIONE N. 1208 DEL 29.12.2010 "....RELAZIONE SEMESTRALE SUL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI STRATEGICI SISS (LUGLIO – DICEMBRE 2010)"



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 22/23 DICEMBRE


DELIBERAZIONE N. 1019 DEL 22.12.2010 - PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE “MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 30 DICEMBRE 2009, N. 33 (TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI SANITA’)



DELIBERAZIONE N. 1052 DEL 22.12.2010 - APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI DISCIPLINARE D’INCARICO PER L’AFFIDAMENTO A INFRASTRUTTURE S.P.A. DI INTERVENTO RELATIVO ALL’AZIENDA OSPEDALIERA “OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO”.




DELIBERAZIONE N. 1030 DEL 22.12.2010 -DETERMINAZIONI RELATIVE ALLA RETE REGIONALE DI PRENOTAZIONE DI PRESTAZIONI SANITARIE – REVISIONE CORRISPETTIVI



DELIBERAZIONE N. 1045 DEL 22.12.2010 ALBO REGIONALE DEI DIRETTORI DI AZIENDE DI SERVIZI ALLA PERSONA TRIENNIO 2010/2013 DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA DGR N. IX-216/2010



DELIBERAZIONE N. 1054 DEL 23.12.2010 - DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA REALIZZAZIONE DELLA RETE LOMBARDA PER LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) DELIBERAZIONE N. 1085 DEL 23.12.2010 -PROTOCOLLO D’INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA E GLI IRCCS PUBBLICI LOMBARDI PER LA VALORIZZAZIONE E IL RILANCIO DEL CENTRO DI RICERCA SITO IN NERVIANO



21 DICEMBRE 2010

LINK GIUNTA REGIONE LOMBARDIA: D.G.R. N. IX/1009 15.12.2010 - DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA D.G.R. N. IX/189 DEL 30.06.2010 RELATIVA ALL'AGGIORNAMENTO DEGLI ELENCHI DEGLI IDONEI ALLA NOMINA DI DIRETTORE AMMINISTRATIVO, DIRETTORE SANITARIO E DIRETTORE SOCIALE DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE........



LINK DGR 937 (REGOLE 2011)+ALLEGATO 6



LINK DGR 938 (NUOVA DELIBERA IDONEI ALLA NOMINA)



LINK DGR 965 (ADOZIONE PIANO REGIONALE DISABILITA')



LINK DGR 939 (PIANO REGIONALE EDUCAZIONE SANITARIA E ZOOFILA)



LINK DGR 898 (REQUISITI TECNOLOGICI E STRUTTURALI)


DOWNLOAD

DOWNLOAD
OMS EUROPA: Rapporto europeo prevenzione dei maltrattamenti dell'anziano

REGIONE LOMBARDIA

REGIONE LOMBARDIA
CLICCA su immagine X alcune informazioni sul diritto all'esenzione

Trends in maternal mortality: 1990 to 2008

WORLD ALZHEIMER'S DAY 21 SETTEMBRE 2011

Dossier Consiglio Regionale Lombardia Qualità delle azioni regionali di supporto alla famiglia da un punto di vista socio economico. Stato della legislazione regionale e prospettive