LEGGI SCARICA STAMPA

LEGGI SCARICA STAMPA
DOSSIER MEDICINA TERRITORIALE

LINK OECD RAPPORTO POLITICHE SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE

WHO/OMS : Global status report on noncommunicable diseases 2010

INSERIRE EMAIL X RICEVERE INDICE E POST GIORNALIERO

indice sintetico GIORNALIERO


BURL BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE LOMBARDIA LINK CONSULTAZIONE
3 giugno 2011

PAURA PER IL BATTERIO IGNOTO - BATTERIO KILLER, DUEMILA CONTAGIATI "E' UNA VARIANTE NUOVA E TOSSICA" Corriere della Sera

Corriere della Sera di venerdì 3 giugno 2011, pagina 2


PAURA PER IL BATTERIO IGNOTO - BATTERIO KILLER, DUEMILA CONTAGIATI "E' UNA VARIANTE NUOVA E TOSSICA"

di Offreddu Luigi

________________________________________

Si tratta di un ceppo mutante. In Germania 17 morti. La Russia: stop all'importazione di verdure Paura per il batterio ignoto Duemila casi in Europa. Gli esperti: è altamente tossico Cresce la paura per il batterio ignoto. Già duemila i casi in Europa in g giorni. L'allarme degli esperti: si tratta di un ceppo mutante, altamente tossico, che per la prima volta si manifesta e perciò sembra particolarmente pericoloso. Come certifica l'Oms, l'Organizzazione mondiale della sanità, finora non era mai stato individuato in un'epidemia. Equipe di scienziati cinesi, che hanno decodificato il suo genoma, confermano che nel batterio «vi sono diversi geni resistenti agli antibiotici». La Russia: stop all'importazione di verdure.

....Questa è l'ultima conta, di ieri sera: l'assassino che colpisce sangue e reni ha già colpito circa duemila volte in Europa, in 9 giorni. E ucciso 18 persone: 17 in Germania, una in Svezia, forse un'altra ancora in Francia. Niente contagi in Italia, almeno finora. Di lui, del batterio intestinale derivato dal ceppo «Escherichia coli», ad ogni ora che passa si sa molto di più, ma quel «di più» non fa che produrre nuova paura, o psicosi: primo, l'assassino non è più un fantasma, è stato identificato nei laboratori e «battezzato» come «•1o4:H4»; ma è probabilmente la prima volta che compare fra noi, perciò sembra ancora più pericoloso: come certifica l'Oms, l'Organizzazione mondiale della sanità, questa è infatti una variante «nuova, estremamente contagiosa e tossica» dell'Escherichia coli, un ceppo «molto raro» che finora non era mai stato individuato in un'epidemia; terzo, come invece attestano alcuni scienziati cinesi che hanno decodificato il suo genoma, in questo stesso batterio o mix di batteri vi sono diversi geni resistenti agli antibiotici, e ciò rende «estremamente arduo» il trattamento antibiotico di un paziente colpito dal contagio. Parere condiviso dal Centro europeo di prevenzione e controllo delle malattie. Infine, la maggior parte dei casi sarebbe stata registrata fra gli adulti, e con una prevalenza fra le donne. E vi sarebbe qualche possibile «parentela» genetica con un altro batterio identificato nella Repubblica Centrafricana. Qui si fermano le certezze, o quasi. E ricominciano i dubbi: è ancora l'Oms a spiegare che è «molto difficile» stabilire la virulenza effettiva di questo killer, e mentre sembra definitivamente escluso che tutto sia stato originato dai cetrioli spagnoli o portoghesi (Spagna e Portogallo dicono ora di voler chiedere i danni, non si sa se all'Unione Europea o al governo tedesco), la fonte prima del contagio resta un mistero. Così come la ragione per cui il Paese preso di mira più di tutti gli altri sia la Germania, e soprattutto il Nord della Germania nella regione di Amburgo. Gran parte dei contagiati abitavano infatti in quella nazione, o vi avevano appena compiuto un viaggio. Gli altri Paesi finora coinvolti sono otto, forse nove: Svezia (46 contagi e un morto), Danimarca (17 contagi), e poi Gran Bretagna, Francia, Olanda, Norvegia, Spagna, Svizzera, Austria. Ma non si sa ancora perché il contagio segua questi percorsi, e perché tanti altri Paesi siano stati invece risparmiati. «Nessun rischio per l'Italia», è comunque il messaggio che giunge dall'Istituto superiore di sanità, con l'invito reiterato ad applicare le normali norme igieniche quotidiane: «Lavare bene gli alimenti, sbucciare possibilmente le verdure e non contaminarle con carne cruda». Nonostante tutte le rassicurazioni, i sintomi di una psicosi incombente cominciano però a manifestarsi un po' dovunque. E a volte, basta una parola o una sigla ad alimentarli: come «Seu», o «sindrome emolitico-uremica», l'arma con cui il batterio colpisce l'organismo dei contagiati. Davanti a una situazione così incerta, c'è anche chi ha pensato bene di adottare la misura estrema di precauzione: la Russia ha decretato il blocco di tutte le importazioni dalla Ue di legumi e ortaggi in genere. Immediata la risposta di La mappa del contagio I dati dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) sono aggiornati al 1 giugno Le persone infettate in tutta Europa, di cui 499 casi di Sindrome emolitica e uremica (Seu) e 1.115 quelli di Escherichia Coli (Eceh) I giorni di incubazione della malattia Spagna Cinque regole per conservare gli alimenti in «sicurezza» 3 Gran Bretagna 8 Olanda 6 Francia 1 Bruxelles, che con una lettera ha chiesto il ritiro dell'embargo (solo per l'Italia, secondo dati della Coldiretti, il danno potenziale si aggirerebbe sui 4,4 milioni di euro all'anno). Quella russa, dice la Commissione Europea, è una reazione «sproporzionata e inaccettabile». Mosca però non sembra intenzionata a cedere: e così, le tensioni commerciali si sovrappongono alla paura del contagio. Sempre da Bruxelles è giunta anche una parola di moderazione contro tutte le ondate di panico: «La situazione è preoccupante per la zona a Nord della Germania e non per tutta l'Europa — ha spiegato all'agenzia Ansa la direttrice generale della sanità della Commissione Europea, l'italiana Paola Testori Coggi — siamo in costante contatto con le autorità tedesche per scoprire la fonte della contaminazione. Tutte le persone che si sono ammalate vengono da quella zona... Chiunque si deve recare per lavoro nella zona di Amburgo deve seguire regole severe di igiene e fare attenzione a ciò che mangia, mentre nel resto dell'Ue valgono le regole di base».

AVVISI AI NAVIGANTI

in RUBRICHE in MATERIALI NOMINE DICEMBRE 2010

RACCOLTA DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA DAL n. 1087 AL N. 1131 - DELIBERE DI NOMINA DEI DIRETTORI GENERALI DELLE ASL LOMBARDE, DELLE AZIENDE OSPEDALIERE E DELL'AREU (12 M)



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 29 DICEMBRE

DELIBERAZIONE N. 1208 DEL 29.12.2010 "....RELAZIONE SEMESTRALE SUL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI STRATEGICI SISS (LUGLIO – DICEMBRE 2010)"



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 22/23 DICEMBRE


DELIBERAZIONE N. 1019 DEL 22.12.2010 - PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE “MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 30 DICEMBRE 2009, N. 33 (TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI SANITA’)



DELIBERAZIONE N. 1052 DEL 22.12.2010 - APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI DISCIPLINARE D’INCARICO PER L’AFFIDAMENTO A INFRASTRUTTURE S.P.A. DI INTERVENTO RELATIVO ALL’AZIENDA OSPEDALIERA “OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO”.




DELIBERAZIONE N. 1030 DEL 22.12.2010 -DETERMINAZIONI RELATIVE ALLA RETE REGIONALE DI PRENOTAZIONE DI PRESTAZIONI SANITARIE – REVISIONE CORRISPETTIVI



DELIBERAZIONE N. 1045 DEL 22.12.2010 ALBO REGIONALE DEI DIRETTORI DI AZIENDE DI SERVIZI ALLA PERSONA TRIENNIO 2010/2013 DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA DGR N. IX-216/2010



DELIBERAZIONE N. 1054 DEL 23.12.2010 - DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA REALIZZAZIONE DELLA RETE LOMBARDA PER LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) DELIBERAZIONE N. 1085 DEL 23.12.2010 -PROTOCOLLO D’INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA E GLI IRCCS PUBBLICI LOMBARDI PER LA VALORIZZAZIONE E IL RILANCIO DEL CENTRO DI RICERCA SITO IN NERVIANO



21 DICEMBRE 2010

LINK GIUNTA REGIONE LOMBARDIA: D.G.R. N. IX/1009 15.12.2010 - DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA D.G.R. N. IX/189 DEL 30.06.2010 RELATIVA ALL'AGGIORNAMENTO DEGLI ELENCHI DEGLI IDONEI ALLA NOMINA DI DIRETTORE AMMINISTRATIVO, DIRETTORE SANITARIO E DIRETTORE SOCIALE DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE........



LINK DGR 937 (REGOLE 2011)+ALLEGATO 6



LINK DGR 938 (NUOVA DELIBERA IDONEI ALLA NOMINA)



LINK DGR 965 (ADOZIONE PIANO REGIONALE DISABILITA')



LINK DGR 939 (PIANO REGIONALE EDUCAZIONE SANITARIA E ZOOFILA)



LINK DGR 898 (REQUISITI TECNOLOGICI E STRUTTURALI)


DOWNLOAD

DOWNLOAD
OMS EUROPA: Rapporto europeo prevenzione dei maltrattamenti dell'anziano

REGIONE LOMBARDIA

REGIONE LOMBARDIA
CLICCA su immagine X alcune informazioni sul diritto all'esenzione

Trends in maternal mortality: 1990 to 2008

WORLD ALZHEIMER'S DAY 21 SETTEMBRE 2011

Dossier Consiglio Regionale Lombardia Qualità delle azioni regionali di supporto alla famiglia da un punto di vista socio economico. Stato della legislazione regionale e prospettive