LEGGI SCARICA STAMPA

LEGGI SCARICA STAMPA
DOSSIER MEDICINA TERRITORIALE

LINK OECD RAPPORTO POLITICHE SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE

WHO/OMS : Global status report on noncommunicable diseases 2010

INSERIRE EMAIL X RICEVERE INDICE E POST GIORNALIERO

indice sintetico GIORNALIERO


BURL BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE LOMBARDIA LINK CONSULTAZIONE
6 giugno 2011

L'INFEZIONE - ALFREDO CAPRIOLI, DELL'ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ "COLPITE DI PIÙ LE DONNE, UN GIALLO" Corriere della Sera

Corriere della Sera di lunedì 6 giugno 2011, pagina 21


L'INFEZIONE - ALFREDO CAPRIOLI, DELL'ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ "COLPITE DI PIÙ LE DONNE, UN GIALLO"

di De Bac Margherita

________________________________________

L'infezione Alfredo Caprioli, dell'Istituto superiore di sanità «Colpite di più le donne, un giallo» ROMA — Non si stupisce Alfredo Caprioli, responsabile del laboratorio di riferimento per l'Escherichia coli in campo veterinario dell'Istituto superiore di sanità: «Ero convinto che i ricercatori tedeschi avessero considerato l'ipotesi dei germogli di soia perché sono stati responsabili di altre epidemie, alcune delle quali molto significative sul piano del numero dei casi. Almeno altri tre focolai epidemici sono stati associati al consumo di questo vegetale molto utilizzato per preparare insalate». Ma il batterio era già presente nel seme o riguarda la pianta? «Il batterio era già nel seme e deve essere rimasto in stato di blocco fino a quando non ha avuto modo di crescere. I precedenti suggeriscono dunque che proprio i semi siano la fonte della contaminazione. Bisogna capire come questo ceppo di Escherichia coli sia finito nei semi». Non si poteva sospettare prima dei germogli di soglia? «Effettivamente è strano che chi ha indagato oltre a cetriolo, pomodori, lattuga non abbia concentrato l'attenzione su questo vegetale che si trova spesso mischiato nelle insalate, soprattutto nei Paesi del Nord. Viene confermata inoltre l'ipotesi che la causa del focolaio fosse molto localizzata in una certa zona della Germania». Come si spiega il fatto che la maggior parte delle infezioni riguardano adulti sopra i 20 anni? «E l'anomalia di questa infezione.

La forma renale grave sviluppata dal ceppo di Escherichia coli classico, la sindrome uremico emolitica, colpisce bambini sotto i 5 anni. Qui invece sono interessati gli adulti. Probabilmente il batterio coinvolto ha caratteristiche diverse e possiede la capacità di aderire alla loro parete intestinale. Ecco perché risulta più aggressivo e interessa una popolazione di solito meno esposta». Il batterio ha un secondo comportamento insolito: si è rivelato più insidioso con le donne. «Si può spiegare in due modi. Le donne potrebbero avere una maggiore suscettibilità per motivi che andranno accertati. Oppure è un fenomeno di tipo epidemiologico. Sono le maggiori consumatrici di insalate e verdure crude. Inoltre sono loro a frequentare di più la cucina rispetto ai maschi e dunque sono più esposte alla contaminazione perché maneggiano gli alimenti nel prepararli».

AVVISI AI NAVIGANTI

in RUBRICHE in MATERIALI NOMINE DICEMBRE 2010

RACCOLTA DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA DAL n. 1087 AL N. 1131 - DELIBERE DI NOMINA DEI DIRETTORI GENERALI DELLE ASL LOMBARDE, DELLE AZIENDE OSPEDALIERE E DELL'AREU (12 M)



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 29 DICEMBRE

DELIBERAZIONE N. 1208 DEL 29.12.2010 "....RELAZIONE SEMESTRALE SUL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI STRATEGICI SISS (LUGLIO – DICEMBRE 2010)"



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 22/23 DICEMBRE


DELIBERAZIONE N. 1019 DEL 22.12.2010 - PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE “MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 30 DICEMBRE 2009, N. 33 (TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI SANITA’)



DELIBERAZIONE N. 1052 DEL 22.12.2010 - APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI DISCIPLINARE D’INCARICO PER L’AFFIDAMENTO A INFRASTRUTTURE S.P.A. DI INTERVENTO RELATIVO ALL’AZIENDA OSPEDALIERA “OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO”.




DELIBERAZIONE N. 1030 DEL 22.12.2010 -DETERMINAZIONI RELATIVE ALLA RETE REGIONALE DI PRENOTAZIONE DI PRESTAZIONI SANITARIE – REVISIONE CORRISPETTIVI



DELIBERAZIONE N. 1045 DEL 22.12.2010 ALBO REGIONALE DEI DIRETTORI DI AZIENDE DI SERVIZI ALLA PERSONA TRIENNIO 2010/2013 DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA DGR N. IX-216/2010



DELIBERAZIONE N. 1054 DEL 23.12.2010 - DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA REALIZZAZIONE DELLA RETE LOMBARDA PER LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) DELIBERAZIONE N. 1085 DEL 23.12.2010 -PROTOCOLLO D’INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA E GLI IRCCS PUBBLICI LOMBARDI PER LA VALORIZZAZIONE E IL RILANCIO DEL CENTRO DI RICERCA SITO IN NERVIANO



21 DICEMBRE 2010

LINK GIUNTA REGIONE LOMBARDIA: D.G.R. N. IX/1009 15.12.2010 - DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA D.G.R. N. IX/189 DEL 30.06.2010 RELATIVA ALL'AGGIORNAMENTO DEGLI ELENCHI DEGLI IDONEI ALLA NOMINA DI DIRETTORE AMMINISTRATIVO, DIRETTORE SANITARIO E DIRETTORE SOCIALE DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE........



LINK DGR 937 (REGOLE 2011)+ALLEGATO 6



LINK DGR 938 (NUOVA DELIBERA IDONEI ALLA NOMINA)



LINK DGR 965 (ADOZIONE PIANO REGIONALE DISABILITA')



LINK DGR 939 (PIANO REGIONALE EDUCAZIONE SANITARIA E ZOOFILA)



LINK DGR 898 (REQUISITI TECNOLOGICI E STRUTTURALI)


DOWNLOAD

DOWNLOAD
OMS EUROPA: Rapporto europeo prevenzione dei maltrattamenti dell'anziano

REGIONE LOMBARDIA

REGIONE LOMBARDIA
CLICCA su immagine X alcune informazioni sul diritto all'esenzione

Trends in maternal mortality: 1990 to 2008

WORLD ALZHEIMER'S DAY 21 SETTEMBRE 2011

Dossier Consiglio Regionale Lombardia Qualità delle azioni regionali di supporto alla famiglia da un punto di vista socio economico. Stato della legislazione regionale e prospettive