LEGGI SCARICA STAMPA

LEGGI SCARICA STAMPA
DOSSIER MEDICINA TERRITORIALE

LINK OECD RAPPORTO POLITICHE SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE

WHO/OMS : Global status report on noncommunicable diseases 2010

INSERIRE EMAIL X RICEVERE INDICE E POST GIORNALIERO

indice sintetico GIORNALIERO


BURL BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE LOMBARDIA LINK CONSULTAZIONE
3 giugno 2011

LA PESTE DI AMBURGO - AGGIORNATO Foglio

Foglio di venerdì 3 giugno 2011, pagina 1


La peste di Amburgo - aggiornato

________________________________________

LA PESTE DI AMBURGO Il germe mutante che preoccupa (stavolta a ragione) l'Europa Roma. "Non è mai stata vista prima in un focolaio di infezione" la variante del batterio Escherichia coli che sta contagiando migliaia di persone. Soprattutto in Germania — con la zona di Amburgo considerata il primo focolaio — con più di 1.400 casi e diciassette morti fino a ieri sera, ma anche in Svezia (43 contagiati), in Danimarca (14), Francia (6), Olanda (4), Norvegia (1), Spagna (1), Austria (2), Svizzera (2) e Gran Bretagna (7). Tutti i colpiti sono reduci da viaggi in Germania. E' tutto quello che il portavoce dell'Organizzazione mondiale della sanità, Aphaluck Bhatiasevi, ha potuto annunciare ieri, mentre la paura per quel batterio di elevatissima aggressività — è resistente agli antibiotici e produce tossine letali — si sta diffondendo in Europa. A preoccupare è anche il permanere dell'incertezza sui modi del contagio: "Le cause sono tuttora allo studio", ha precisato il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc), tagliando corto con le ipotesi frettolosamente fatte nei giorni scorsi su cetrioli spagnoli e vegetali in genere. E' un'incertezza di fronte alla quale ci scopriamo sgomenti, da che la barriera di controlli e regolamentazioni dell'occidente evoluto e igienicamente garantito, e le conoscenze scientifiche sui meccanismi di contaminazione dei cibi, ci hanno abituato a far risalire ogni effetto indesiderato a una chiara causa, e a immaginare per ogni causa un antidoto efficace. Questa incertezza genera così mostri da racconto noir, come l'idea che il batterio mutato sia uscito per errore dal laboratorio di qualche apprendista stregone. L'epidemiologo Donato Greco, esperto di malattie infettive e consulente sia del-l'Ecdc sia dell'Istituto superiore di sanità, dove è stato a lungo dirigente di ricerca, ci spiega invece che non è il caso di immaginare copioni di fantagenetica per qualcosa che può avere cause banali: "Gli Escherichia coli sono abituali, fondamentali e benefici germi che abitano normalmente in noi e partecipano al metabolismo del corpo umano, e senza i quali non ci sarebbe possibile vivere. Ma, come tutti gli altri batteri, formano una grande famiglia, all'interno della quale esistono differenze legate al sierotipo' (vale a dire la risposta a certi anticorpi) e oggi identificabili anche attraverso il dna. Quando parliamo di Escherichia coli parliamo quindi di centinaia di individui diversi, la cui stragrande maggioranza è buona o innocente. Ne conosciamo solo due o tre tipi cattivi, come quello sospettato all'inizio di questa storia". Sospettato ingiustamente, si è scoperto, perché "attraverso la sequenza genetica si è visto che il germe coinvolto nell'attuale contagio non era stato mai individuato prima".

Si tratta di un patogeno di notevole aggressività, spiega ancora l'epidemiologo, "anche perché la sua caratteristica peculiare è la capacità di produrre una tossina molto nociva. Lo fanno tutti gli Escherichia coli, quasi sempre in quantità trascurabile, ma stavolta siamo di fronte a un veleno potente che dà problemi di per sé. Chi è contagiato non soffre solo le conseguenze della forte diarrea, ma subisce una tossinfezione che può diventare fatale". Si diceva che l'improvvisa insorgenza, apparentemente dal nulla, di un germe così pericoloso, può far pensare a qualche esperimento sfuggito di mano. A torto, dice Greco: "Stiamo parlando di esseri mono-cellulari, primordiali, che subiscono naturalmente mutazioni nei miliardi di 'individui' prodotti anche solo in un giorno. Ci sono sempre piccole variazioni, in popolazioni di germi così numerose, e c'è una pressione del tutto naturale di selezione genetica e quindi anche di espressione di genotipi nuovi, mai visti prima. Ogni anno si individuano decine di nuovi batteri e virus. In alcuni — rari — casi il grande pubblico ne viene a conoscenza (pensiamo ai virus dell'influenza), ma nella gran parte dei casi la notizia arriva solo agli addetti ai lavori". E' possibile che questa mutazione, l'insorgere di questo particolare e pericoloso componente della famiglia dell'Escherichia coli, sia il frutto di un uso sbagliato o smodato di antibiotici? "Gli antibiotici naturalmente contribuiscono alla selezione dei germi. In questo caso non mi riferisco a quelli assunti dall'uomo, ma agli antibiotici usati per l'alimentazione negli allevamenti per far aumentare il peso degli animali". Si tratta di un uso illegale... "Certo, ma purtroppo sappiamo che può essere praticato. In passato, i tipi di Escherichia coli più pericolosi li avevamo sempre trovati in certe carni mal cotte. Negli hamburger, per esempio. Nei vegetali invece non si era mai visto, e anche stavolta la questione appare dubbia, nonostante le notizie circolate nei giorni scorsi. Comunque sì, la pressione ambientale, di cui gli antibiotici sono una parte, possono sicuramente influenzare questi processi di selezione dei germi. Del resto, già il fatto che questo tipo così nocivo di Escherichia coli sia stato identificato come resistente ad alcuni antibiotici fa pensare che qualche contatto con quelle sostanze ci sia stato".

Quali precauzioni? "Se vogliamo essere onesti dobbiamo aspettare, e speriamo sia solo questione di ore, perché ci si sta lavorando giorno e notte. Ma fino a quando non si individua il modo di contagio non si può dire nulla. E' probabile che sia alimentare, ma nemmeno questo è ancora chiaro. Escluderei l'acqua, perché la cifra dei colpiti sarebbe infinitamente più elevata".



AVVISI AI NAVIGANTI

in RUBRICHE in MATERIALI NOMINE DICEMBRE 2010

RACCOLTA DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA DAL n. 1087 AL N. 1131 - DELIBERE DI NOMINA DEI DIRETTORI GENERALI DELLE ASL LOMBARDE, DELLE AZIENDE OSPEDALIERE E DELL'AREU (12 M)



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 29 DICEMBRE

DELIBERAZIONE N. 1208 DEL 29.12.2010 "....RELAZIONE SEMESTRALE SUL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI STRATEGICI SISS (LUGLIO – DICEMBRE 2010)"



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 22/23 DICEMBRE


DELIBERAZIONE N. 1019 DEL 22.12.2010 - PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE “MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 30 DICEMBRE 2009, N. 33 (TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI SANITA’)



DELIBERAZIONE N. 1052 DEL 22.12.2010 - APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI DISCIPLINARE D’INCARICO PER L’AFFIDAMENTO A INFRASTRUTTURE S.P.A. DI INTERVENTO RELATIVO ALL’AZIENDA OSPEDALIERA “OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO”.




DELIBERAZIONE N. 1030 DEL 22.12.2010 -DETERMINAZIONI RELATIVE ALLA RETE REGIONALE DI PRENOTAZIONE DI PRESTAZIONI SANITARIE – REVISIONE CORRISPETTIVI



DELIBERAZIONE N. 1045 DEL 22.12.2010 ALBO REGIONALE DEI DIRETTORI DI AZIENDE DI SERVIZI ALLA PERSONA TRIENNIO 2010/2013 DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA DGR N. IX-216/2010



DELIBERAZIONE N. 1054 DEL 23.12.2010 - DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA REALIZZAZIONE DELLA RETE LOMBARDA PER LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) DELIBERAZIONE N. 1085 DEL 23.12.2010 -PROTOCOLLO D’INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA E GLI IRCCS PUBBLICI LOMBARDI PER LA VALORIZZAZIONE E IL RILANCIO DEL CENTRO DI RICERCA SITO IN NERVIANO



21 DICEMBRE 2010

LINK GIUNTA REGIONE LOMBARDIA: D.G.R. N. IX/1009 15.12.2010 - DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA D.G.R. N. IX/189 DEL 30.06.2010 RELATIVA ALL'AGGIORNAMENTO DEGLI ELENCHI DEGLI IDONEI ALLA NOMINA DI DIRETTORE AMMINISTRATIVO, DIRETTORE SANITARIO E DIRETTORE SOCIALE DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE........



LINK DGR 937 (REGOLE 2011)+ALLEGATO 6



LINK DGR 938 (NUOVA DELIBERA IDONEI ALLA NOMINA)



LINK DGR 965 (ADOZIONE PIANO REGIONALE DISABILITA')



LINK DGR 939 (PIANO REGIONALE EDUCAZIONE SANITARIA E ZOOFILA)



LINK DGR 898 (REQUISITI TECNOLOGICI E STRUTTURALI)


DOWNLOAD

DOWNLOAD
OMS EUROPA: Rapporto europeo prevenzione dei maltrattamenti dell'anziano

REGIONE LOMBARDIA

REGIONE LOMBARDIA
CLICCA su immagine X alcune informazioni sul diritto all'esenzione

Trends in maternal mortality: 1990 to 2008

WORLD ALZHEIMER'S DAY 21 SETTEMBRE 2011

Dossier Consiglio Regionale Lombardia Qualità delle azioni regionali di supporto alla famiglia da un punto di vista socio economico. Stato della legislazione regionale e prospettive