LEGGI SCARICA STAMPA

LEGGI SCARICA STAMPA
DOSSIER MEDICINA TERRITORIALE

LINK OECD RAPPORTO POLITICHE SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE

WHO/OMS : Global status report on noncommunicable diseases 2010

INSERIRE EMAIL X RICEVERE INDICE E POST GIORNALIERO

indice sintetico GIORNALIERO


BURL BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE LOMBARDIA LINK CONSULTAZIONE
6 giugno 2011

LA NUOVA LEGGE RISCHIA DI TRASFORMARE I BAMBINI DA "CONDIVISI" A "DIVISI" Stampa

Stampa di lunedì 6 giugno 2011, pagina 7


LA NUOVA LEGGE RISCHIA DI TRASFORMARE I BAMBINI DA "CONDIVISI" A "DIVISI"

di Rimini Carlo

________________________________________

La nuova legge rischia di trasformare i bambini da "condii-psi' a "divisi" In discussione al Senato le modifiche alla norma che regola l'affido dei minori Calo) RIMINI Finiziata in Commissione giustizia del Senato la discussione sul disegno di legge n. 957 - presentato da alcuni senatori della maggioranza -che mira a modificare le norme sull'affidamento condiviso dei figli nei giudizi di separazione e divorzio.

La legge sull'affidamento condiviso è stata approvata solo cinque armi fa dopo un lungo dibattito che ha prodotto un risultato tutto sommato equilibrato. Si è previsto che, in generale, dopo il fallimento del matrimonio, i figli debbano essere affidati ad entrambi i genitori. Ciò significa che entrambi hanno gli stessi diritti e le stesse responsabilità nell'assumere le decisioni relative ai figli, nel guidarne l'educazione e la crescita. Pur essendo condiviso l'affidamento, i figli non vengono ovviamente divisi a metà fra l'uno e l'altro genitore: la legge approvata nel 2006 lascia al giudice il potere di determinare i tempi e le modalità della presenza del bambino presso ciascun genitore e questo potere è stato interpretato dalla maggior parte dei tribunali individuando comunque il genitore con cui il bambino continuerà a vivere dopo la separazione, pur prevedendo ampi spazi di frequentazione per l'altro genitore. Generalmente, nella prassi nei nostri tribunali, si prevede che il figlio, su un ciclo di due settimane, passi circa 10 giorni conil genitore convivente e quattro con l'altro (con un'equa divisione dei fine settimana e del tempo libero). Questo perché un bambino non pub avere due case, due camere, due scrivanie su cui fare i compiti, due armadi. Un bambino deve essere in grado di rispondere ad una domanda semplice: «dove abiti?». Se è costretto a rispondere «un po' di qua e un po' di là» non è un bambino «condiviso», ma diviso, dissociato. Un bambino, almeno in generale, non è in grado di reggere allo stress provocato dal dividere il proprio tempo a metà fra due mondi. Non ci riesce spesso neppure un adulto! Il disegno di legge in discussione al Senato mira invece espressamente a contrastare la prassi attuale che viene definita, nella relazione introduttiva, come una «insidiosa forma di non applicazione della legge del 2006». Se il disegno di legge sarà approvato, il giudice dovrà necessariamente stabilire che il bambino abbia il domicilio presso entrambi i genitori. Quindi, poiché i genitori vivono separati, il figlio avrà due case, due luoghi di residenza, e dividerà il suo tempo fra questi due luoghi «pariteticamente, salvi i casi di impossibilità materiale». Non c'è alcun dubbio sul fatto che per un genitore possa essere una grande sofferenza perdere il rapporto quotidiano con suo figlio durante i giorni di scuola e recuperarlo solo durante il fine settimana, ma le regole devono tenere conto dell'interesse dei figli e non dell'interesse dei genitori. Sei genitori, nonostante la separazione, riescono ancora a condividere il loro ruolo di educatori, prendendo assieme le decisioni, consultandosi nei momenti difficili, mostrando solidarietà reciproca, il bambino non subirà conseguenze negative dalla separazione; se invece uno cerca di sovrastare l'altro e questo reagisce denigrando il primo, il bambino patirà un danno irreparabile. In questo contesto, dividere il tempo del bambino a metà, come una mela, non giova al fl glio e serve solo a farlo soffrire. Non cambiate quella legge! Ordinario di Diritto privato all'Università di Milano

AVVISI AI NAVIGANTI

in RUBRICHE in MATERIALI NOMINE DICEMBRE 2010

RACCOLTA DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA DAL n. 1087 AL N. 1131 - DELIBERE DI NOMINA DEI DIRETTORI GENERALI DELLE ASL LOMBARDE, DELLE AZIENDE OSPEDALIERE E DELL'AREU (12 M)



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 29 DICEMBRE

DELIBERAZIONE N. 1208 DEL 29.12.2010 "....RELAZIONE SEMESTRALE SUL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI STRATEGICI SISS (LUGLIO – DICEMBRE 2010)"



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 22/23 DICEMBRE


DELIBERAZIONE N. 1019 DEL 22.12.2010 - PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE “MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 30 DICEMBRE 2009, N. 33 (TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI SANITA’)



DELIBERAZIONE N. 1052 DEL 22.12.2010 - APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI DISCIPLINARE D’INCARICO PER L’AFFIDAMENTO A INFRASTRUTTURE S.P.A. DI INTERVENTO RELATIVO ALL’AZIENDA OSPEDALIERA “OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO”.




DELIBERAZIONE N. 1030 DEL 22.12.2010 -DETERMINAZIONI RELATIVE ALLA RETE REGIONALE DI PRENOTAZIONE DI PRESTAZIONI SANITARIE – REVISIONE CORRISPETTIVI



DELIBERAZIONE N. 1045 DEL 22.12.2010 ALBO REGIONALE DEI DIRETTORI DI AZIENDE DI SERVIZI ALLA PERSONA TRIENNIO 2010/2013 DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA DGR N. IX-216/2010



DELIBERAZIONE N. 1054 DEL 23.12.2010 - DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA REALIZZAZIONE DELLA RETE LOMBARDA PER LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) DELIBERAZIONE N. 1085 DEL 23.12.2010 -PROTOCOLLO D’INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA E GLI IRCCS PUBBLICI LOMBARDI PER LA VALORIZZAZIONE E IL RILANCIO DEL CENTRO DI RICERCA SITO IN NERVIANO



21 DICEMBRE 2010

LINK GIUNTA REGIONE LOMBARDIA: D.G.R. N. IX/1009 15.12.2010 - DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA D.G.R. N. IX/189 DEL 30.06.2010 RELATIVA ALL'AGGIORNAMENTO DEGLI ELENCHI DEGLI IDONEI ALLA NOMINA DI DIRETTORE AMMINISTRATIVO, DIRETTORE SANITARIO E DIRETTORE SOCIALE DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE........



LINK DGR 937 (REGOLE 2011)+ALLEGATO 6



LINK DGR 938 (NUOVA DELIBERA IDONEI ALLA NOMINA)



LINK DGR 965 (ADOZIONE PIANO REGIONALE DISABILITA')



LINK DGR 939 (PIANO REGIONALE EDUCAZIONE SANITARIA E ZOOFILA)



LINK DGR 898 (REQUISITI TECNOLOGICI E STRUTTURALI)


DOWNLOAD

DOWNLOAD
OMS EUROPA: Rapporto europeo prevenzione dei maltrattamenti dell'anziano

REGIONE LOMBARDIA

REGIONE LOMBARDIA
CLICCA su immagine X alcune informazioni sul diritto all'esenzione

Trends in maternal mortality: 1990 to 2008

WORLD ALZHEIMER'S DAY 21 SETTEMBRE 2011

Dossier Consiglio Regionale Lombardia Qualità delle azioni regionali di supporto alla famiglia da un punto di vista socio economico. Stato della legislazione regionale e prospettive