LEGGI SCARICA STAMPA

LEGGI SCARICA STAMPA
DOSSIER MEDICINA TERRITORIALE

LINK OECD RAPPORTO POLITICHE SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE

WHO/OMS : Global status report on noncommunicable diseases 2010

INSERIRE EMAIL X RICEVERE INDICE E POST GIORNALIERO

indice sintetico GIORNALIERO


BURL BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE LOMBARDIA LINK CONSULTAZIONE
2 giugno 2011

INTERVISTA A GIUSEPPE DE RITA - DE RITA: È FINITO IL CICLO POLITICO DEL "TUTTO È MIO" Stampa

Stampa

INTERVISTA A GIUSEPPE DE RITA - DE RITA: È FINITO IL CICLO POLITICO DEL "TUTTO È MIO"


di Martini Fabio

________________________________________

Ha raccontato, talora con grande anticipo, i cambiamenti dell'Italia degli ultimi 40 anni, ha coniato neologisimi diventati proverbiali e ora Giuseppe De Rita fa una nuova previsione: «Il berlusconismo avrà una coda, ma è destinato ad esaurirsi perché sta finendo qualcosa che precede Berlusconi: il ciclo individualista del "tutto è mio". La soggettività è stata la regina degli ultimi decenni, ma sta finendo e dunque i suoi interpreti, dopo averne tratto i benefici, sono destinati a cadere». Romano, classe 1932, fondatore del Censis, il primo centro di studi sociali di carattere privato, De Rita da «fenomenologo» quale si definisce, tende a non prender parte, ma le sue analisi sulla struttura sociale hanno sempre avuto un'implicazione politica.

Milano e Napoli sono città socialmente e psicologicamente distanti: il risultato convergente dice che sta cambiando qualcosa di profondo nel Paese o più semplicemente c'è un rigetto verso un leader stanco? «Da alcuni anni sembra essere entrato in scadenza il ciclo della soggettività ad oltranza. Il ciclo del "tutto è mio": il partito è mio, la moglie è mia, la vita è mia, la morte è mia. L'onda era già bella gonfia dagli anni Settanta e Berlusconi l'ha cavalcata in modo, forse anche sincero. Quando disse: sono uno di voi, sono un piccolo imprenditore, sono uno che va a lavorare la mattina».

Un ciclo lungo che ha avuto una sua vitalità... «La soggettività - nata nell'Italia della censura con l'obiezione di coscienza di don Milani - è stata grande, perché ci ha liberato e ha liberato tante cose: l'energia della piccola impresa, i consumi, il sommerso. Ma ora il declino di Berlusconi fa da icona alla fine di quel lungo ciclo».

Ci sono i cicli, ma sembra non funzionare più il leader ansiolitico che cerca di tenere alto l'umore del Paese con promesse inevase... «Sì, c'è anche un declino più personalizzato, legato alla sua stanchezza, alla scarsa lucidità, ai suoi nervosismi contro i giudici. Questo ha prodotto la sua improvvisa incapacità di comunicare. L'immagine di Berlusconi con Obama hanno fatto il giro del mondo. E' chiaro che se lui fosse stato ancora in Publitalia, non sarebbe andato da un potenziale acquirente dei suoi prodotti, mettendo una mano sulla spalla del suo interlocutore. Semmai gli avrebbe fatto una riverenza». Ma la personalizzazione le pare in esaurimento? «La personalizzazione su De Magi-stris, ma anche su Pisapia, è totale. Vendola e Renzi continueranno ad insistere. Da questo punto di vista il ciclo berlusconiano sembra proseguire. Ma quanto durerà? Sul livello comunale è molto probabile, ma a livello generale non si ripeteranno i duelli rusticani di questi anni».

Segni palpabili di un cambiamento cosi profondo? «L' inizio di un ritorno alla logica politica tradizionale, al partito. Fino a due settimane fa si ripeteva: chi, come la Lega, sta sul territorio e fa il sindacato di territorio vince. Non è andata così. Non so se sia vero - come dice Enrico Letta - che il Pd ha vinto quasi ovunque, ma certamente l'etichetta partitica nazionale ha avuto proporzionalmente più effetto dell'etichetta territoriale».

Ma la credibilità dei partiti sembra ancora bassissima, o no? «Certo, la forma partito è molto screditata, impiccata sul nome del capo. Con partiti personali che sono corti più o meno servili. Ma la solitudine è la malattia di questo Paese e presto, non potendo più confidare sulle proprie forze e sul "tutto è mio", si dovrà trovare un nuovo modo per stare assieme agli altri, siano essi gli immigrati o i condomini del tuo palazzo. Le associazioni di categoria si stanno già riunificando tutte, con un'aggregazione molto forte verso il collettivo. Torneremo alle parrocchie e alle sezioni di partito? Presumibilmente no, ma se andremo verso una nuova dimensione comunitaria - locale, di prossimità, professionale, di Facebook - la leadership sarà di un gruppo presuntivamente partitico. Ci saranno sempre più squadre e sempre meno soggettività emotiva. Certo, le elezioni dei 2013 le darei per perse: si gestiranno le code precedenti. Personalizzazione, partiti-personali. E peserà anche la coda del berlusconismo».

di giovedì 2 giugno 2011, pagina 10

AVVISI AI NAVIGANTI

in RUBRICHE in MATERIALI NOMINE DICEMBRE 2010

RACCOLTA DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA DAL n. 1087 AL N. 1131 - DELIBERE DI NOMINA DEI DIRETTORI GENERALI DELLE ASL LOMBARDE, DELLE AZIENDE OSPEDALIERE E DELL'AREU (12 M)



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 29 DICEMBRE

DELIBERAZIONE N. 1208 DEL 29.12.2010 "....RELAZIONE SEMESTRALE SUL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI STRATEGICI SISS (LUGLIO – DICEMBRE 2010)"



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 22/23 DICEMBRE


DELIBERAZIONE N. 1019 DEL 22.12.2010 - PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE “MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 30 DICEMBRE 2009, N. 33 (TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI SANITA’)



DELIBERAZIONE N. 1052 DEL 22.12.2010 - APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI DISCIPLINARE D’INCARICO PER L’AFFIDAMENTO A INFRASTRUTTURE S.P.A. DI INTERVENTO RELATIVO ALL’AZIENDA OSPEDALIERA “OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO”.




DELIBERAZIONE N. 1030 DEL 22.12.2010 -DETERMINAZIONI RELATIVE ALLA RETE REGIONALE DI PRENOTAZIONE DI PRESTAZIONI SANITARIE – REVISIONE CORRISPETTIVI



DELIBERAZIONE N. 1045 DEL 22.12.2010 ALBO REGIONALE DEI DIRETTORI DI AZIENDE DI SERVIZI ALLA PERSONA TRIENNIO 2010/2013 DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA DGR N. IX-216/2010



DELIBERAZIONE N. 1054 DEL 23.12.2010 - DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA REALIZZAZIONE DELLA RETE LOMBARDA PER LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) DELIBERAZIONE N. 1085 DEL 23.12.2010 -PROTOCOLLO D’INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA E GLI IRCCS PUBBLICI LOMBARDI PER LA VALORIZZAZIONE E IL RILANCIO DEL CENTRO DI RICERCA SITO IN NERVIANO



21 DICEMBRE 2010

LINK GIUNTA REGIONE LOMBARDIA: D.G.R. N. IX/1009 15.12.2010 - DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA D.G.R. N. IX/189 DEL 30.06.2010 RELATIVA ALL'AGGIORNAMENTO DEGLI ELENCHI DEGLI IDONEI ALLA NOMINA DI DIRETTORE AMMINISTRATIVO, DIRETTORE SANITARIO E DIRETTORE SOCIALE DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE........



LINK DGR 937 (REGOLE 2011)+ALLEGATO 6



LINK DGR 938 (NUOVA DELIBERA IDONEI ALLA NOMINA)



LINK DGR 965 (ADOZIONE PIANO REGIONALE DISABILITA')



LINK DGR 939 (PIANO REGIONALE EDUCAZIONE SANITARIA E ZOOFILA)



LINK DGR 898 (REQUISITI TECNOLOGICI E STRUTTURALI)


DOWNLOAD

DOWNLOAD
OMS EUROPA: Rapporto europeo prevenzione dei maltrattamenti dell'anziano

REGIONE LOMBARDIA

REGIONE LOMBARDIA
CLICCA su immagine X alcune informazioni sul diritto all'esenzione

Trends in maternal mortality: 1990 to 2008

WORLD ALZHEIMER'S DAY 21 SETTEMBRE 2011

Dossier Consiglio Regionale Lombardia Qualità delle azioni regionali di supporto alla famiglia da un punto di vista socio economico. Stato della legislazione regionale e prospettive