LEGGI SCARICA STAMPA

LEGGI SCARICA STAMPA
DOSSIER MEDICINA TERRITORIALE

LINK OECD RAPPORTO POLITICHE SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE

WHO/OMS : Global status report on noncommunicable diseases 2010

INSERIRE EMAIL X RICEVERE INDICE E POST GIORNALIERO

indice sintetico GIORNALIERO


BURL BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE LOMBARDIA LINK CONSULTAZIONE
3 giugno 2011

EDITORIALE - I MEDICI INGLESI E L'EUTANASIA NASCOSTA. LA SOLUZIONE "PRATICA" Avvenire

Avvenire di venerdì 3 giugno 2011, pagina 1


EDITORIALE - I MEDICI INGLESI E L'EUTANASIA NASCOSTA. LA SOLUZIONE "PRATICA"

di Morresi Assuntina

________________________________________

Una soluzione pratica a un problema reale, decisa senza tentennamenti di tipo etico»: questo l'incredibile commento che si leggeva ieri su un quotidiano italiano al nuovo sistema per affrontare il «problema» dei malati terminali in Gran Bretagna. Per loro la «soluzione pratica» trovata dai medici di base inglesi - senza discussioni di sorta su questioni etiche - sarebbe semplice: le volontà dei pazienti terminali sui trattamenti sanitari di fine vita vanno messe per iscritto, e si devono rispettare. In altre parole, i medici di famiglia e gli infermien inglesi hanno condiviso e diffuso linee di indirizzo che rendono vincolanti le «necessità e i desideri» dei propri malati «vicini alla fine della loro vita», purché messi nero su bianco. Non si parla di consenso informato ma di volontà, e niente viene detto sulla natura delle possibili richieste dei pazienti terminali: i medici si impegnano ad ascoltarli, a sostenerli insieme ai loro cari e a dare loro le migliori cure possibili - e fin qui tutto giusto, ovviamente - ma soprattutto promettono di mettere in atto le loro volontà qualunque esse siano, e di farle rispettare da ogni medico si trovasse ad assisterli. Una soluzione sicuramente molto «pratica», e per diversi motivi. Innanzitutto, è la strada più semplice: il malato dispone e il medico esegue, senza entrare nel merito delle richieste. In secondo luogo, un'iniziativa come quella assunta dai medici di base inglesi evita il fastidioso iter parlamentare di una legge ricorrendo alla scorciatoia già utilizzata in molti Paesi: si elaborano linee di indirizzo per instaurare una prassi che, una volta diffusa, prima o poi sarà riconosciuta e legittimata dalla giurisprudenza e dalla legislazione. Il documento ora diffuso è stato accusato di apertura a eutanasia e suicidio assistito, ma l'ordine professionale dei medici inglesi ha respinto ogni obiezione sostenendo che queste indicazioni condivise sul fine vita servono solo ner «nmteavere» medici e familiari dall'intervento dé magistrati «quando mancano evidenze certe». Qualora così fosse, l'accusa sarebbe purtroppo confermata: se le richieste del malato diventano legittime e vincolanti solo per il fatto di essere evidenti perché messe chiaramente per iscritto, senza individuare il tipo di trattamenti che si possono effettuare e distinguendoli comunque da atti eutanasici, la porta per la legalizzazione di eutanasia e suicidio assistito è praticamente spalancata. Il punto di arrivo di iniziative come quella inglese è chiaro: non si tratta di tenere conto - come è giusto - delle intenzioni espresse da chi è malato inguaribile, ma piuttosto di legittimare la "buona morte" e farla entrare nell'ordinamento giuridico senza chiamarla per nome. La parola maledetta - «eutanasia» - scompare magicamente se c'è una richiesta esplicita e scritta di un malato terminale, e si trasforma in volontà da rispettare. Le parole scomode vengono insabbiate perché certe idee possano diffondersi incontrando la minima resistenza possibile: se si circoscrive sempre più l'uso della parola «eutanasia», limitandolo a casi estremi molto eclatanti (arriveremo a considerarla solo come «omicidio del non consenziente»?), si tende a sbiadirne il significato, fino a farlo quasi scomparire, per renderlo accettabile. Non c'è dubbio: una bella «soluzione pratica». E, naturalmente, senza tentennamenti - ohibò - etici...

AVVISI AI NAVIGANTI

in RUBRICHE in MATERIALI NOMINE DICEMBRE 2010

RACCOLTA DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA DAL n. 1087 AL N. 1131 - DELIBERE DI NOMINA DEI DIRETTORI GENERALI DELLE ASL LOMBARDE, DELLE AZIENDE OSPEDALIERE E DELL'AREU (12 M)



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 29 DICEMBRE

DELIBERAZIONE N. 1208 DEL 29.12.2010 "....RELAZIONE SEMESTRALE SUL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI STRATEGICI SISS (LUGLIO – DICEMBRE 2010)"



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 22/23 DICEMBRE


DELIBERAZIONE N. 1019 DEL 22.12.2010 - PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE “MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 30 DICEMBRE 2009, N. 33 (TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI SANITA’)



DELIBERAZIONE N. 1052 DEL 22.12.2010 - APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI DISCIPLINARE D’INCARICO PER L’AFFIDAMENTO A INFRASTRUTTURE S.P.A. DI INTERVENTO RELATIVO ALL’AZIENDA OSPEDALIERA “OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO”.




DELIBERAZIONE N. 1030 DEL 22.12.2010 -DETERMINAZIONI RELATIVE ALLA RETE REGIONALE DI PRENOTAZIONE DI PRESTAZIONI SANITARIE – REVISIONE CORRISPETTIVI



DELIBERAZIONE N. 1045 DEL 22.12.2010 ALBO REGIONALE DEI DIRETTORI DI AZIENDE DI SERVIZI ALLA PERSONA TRIENNIO 2010/2013 DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA DGR N. IX-216/2010



DELIBERAZIONE N. 1054 DEL 23.12.2010 - DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA REALIZZAZIONE DELLA RETE LOMBARDA PER LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) DELIBERAZIONE N. 1085 DEL 23.12.2010 -PROTOCOLLO D’INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA E GLI IRCCS PUBBLICI LOMBARDI PER LA VALORIZZAZIONE E IL RILANCIO DEL CENTRO DI RICERCA SITO IN NERVIANO



21 DICEMBRE 2010

LINK GIUNTA REGIONE LOMBARDIA: D.G.R. N. IX/1009 15.12.2010 - DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA D.G.R. N. IX/189 DEL 30.06.2010 RELATIVA ALL'AGGIORNAMENTO DEGLI ELENCHI DEGLI IDONEI ALLA NOMINA DI DIRETTORE AMMINISTRATIVO, DIRETTORE SANITARIO E DIRETTORE SOCIALE DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE........



LINK DGR 937 (REGOLE 2011)+ALLEGATO 6



LINK DGR 938 (NUOVA DELIBERA IDONEI ALLA NOMINA)



LINK DGR 965 (ADOZIONE PIANO REGIONALE DISABILITA')



LINK DGR 939 (PIANO REGIONALE EDUCAZIONE SANITARIA E ZOOFILA)



LINK DGR 898 (REQUISITI TECNOLOGICI E STRUTTURALI)


DOWNLOAD

DOWNLOAD
OMS EUROPA: Rapporto europeo prevenzione dei maltrattamenti dell'anziano

REGIONE LOMBARDIA

REGIONE LOMBARDIA
CLICCA su immagine X alcune informazioni sul diritto all'esenzione

Trends in maternal mortality: 1990 to 2008

WORLD ALZHEIMER'S DAY 21 SETTEMBRE 2011

Dossier Consiglio Regionale Lombardia Qualità delle azioni regionali di supporto alla famiglia da un punto di vista socio economico. Stato della legislazione regionale e prospettive