LEGGI SCARICA STAMPA

LEGGI SCARICA STAMPA
DOSSIER MEDICINA TERRITORIALE

LINK OECD RAPPORTO POLITICHE SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE

WHO/OMS : Global status report on noncommunicable diseases 2010

INSERIRE EMAIL X RICEVERE INDICE E POST GIORNALIERO

indice sintetico GIORNALIERO


BURL BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE LOMBARDIA LINK CONSULTAZIONE
4 giugno 2011

DILAGA IL BATTERIO KILLER IN 12 PAESI GLI INFETTATI RAGGIUNGONO QUOTA 1.600 : Gazzetta del Mezzogiorno

Gazzetta del Mezzogiorno di sabato 4 giugno 2011, pagina 5


DILAGA IL BATTERIO KILLER IN 12 PAESI GLI INFETTATI RAGGIUNGONO QUOTA 1.600

________________________________________

TENSIONE IL MINISTRO FAZIO: NESSUN ALLARME IN ITALIA Dilaga il batterio killer in 12 Paesi gli infettati raggiungono quota 1.600 • ROMA. Si stanno stabilizzando i casi provocati dal cosiddetto batterio killer e, contemporaneamente, salgono le tensioni. I 1.112 casi di infezione da Esche-richia coli e i 502 della pericolosa Sindrome emolitica uremica (Seu) si sono verificati in 11 Paesi europei e negli Stati Uniti, ma tutti (ad eccezione di 2) ruotano intorno alla Germania settentrionale. Le vittime sono 18, delle quali 17 (tra confermate e presunte) in Germania. «Nessun allarme in Italia», ha detto il ministro della Salute, Ferruccio Fazio in un'intervista All'indomani del divieto all'importazione di verdure fresche dall'Unione Europea a causa dell'infezione provocata da un ceppo particolarmente aggressivo del batterio Escherichia Coli, la Russia impone alcune condizioni. Tuttavia l'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) ribadisce che «non sono raccomandante restrizioni al commercio in relazione all'infezione». Sempre ieri il rappresentante dell'Unione europea in Russia, Fernando Valenzuela, ha detto che il divieto russo viola le norme dell'Organizzazione mondiale del commercio (Wto) alla quale Mosca vuole aderire quest'anno. Assolti i cetrioli spagnoli, additati come colpevoli dalla Germania dopo la comparsa dei primi casi, nei laboratori di tutta Europa si sta lavorando per ricostruire l'origine dell'infezione. È proprio la conferma della causa che ha scatenato il batterio killer che la Russia pretende dall'Unione Europea, come condizione per ritirare il bando. Mosca chiede inoltre all'Europa di dimostrare che la situazione è sotto controllo e di pubblicare una lista delle misure adottate per bloccare la diffusione dell'epidemia. Individuare la causa è la priorità indicata giovedì sera, in una conversazione telefonica, dalla cancelliera tedesca Angela Merkel e dal premier spagnolo Josè Luis Rodriguez Zapatero. La Germania continua ad essere il Paese più colpito, con 11 vittime confermate e 6 sospette. Nell'arco di 2 giorni l'istituto Robert Koch di Amburgo, che sta seguendo l'infezione fm dall'inizio, ha registrato altri 50 casi. Nel resto d'Europa il maggior numero di casi si registra in Svezia (28 infezioni e 15 Seu), seguita da Danimarca (10 e 7), Olanda (4 e 4), Gran Bretagna (4 e 3), Francia (6 infezioni), Austria (2 infezioni), Svizzera (2 infezioni), Repubblica Ceca (1 infezione), Norvegia (1 infezione) e Spagna (2 casi di Seu). Negli Stati Uniti di registrano 2 casi di Seu. «Tutti questi casi, ad eccezione di 2, riguardano persone che risiedono o che hanno visitato recentemente la Germania settentrionale nel periodo di incubazione dell'infezione, pari a 3-4 giorni», rileva 1'Oms in una nota.

AVVISI AI NAVIGANTI

in RUBRICHE in MATERIALI NOMINE DICEMBRE 2010

RACCOLTA DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA DAL n. 1087 AL N. 1131 - DELIBERE DI NOMINA DEI DIRETTORI GENERALI DELLE ASL LOMBARDE, DELLE AZIENDE OSPEDALIERE E DELL'AREU (12 M)



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 29 DICEMBRE

DELIBERAZIONE N. 1208 DEL 29.12.2010 "....RELAZIONE SEMESTRALE SUL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI STRATEGICI SISS (LUGLIO – DICEMBRE 2010)"



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 22/23 DICEMBRE


DELIBERAZIONE N. 1019 DEL 22.12.2010 - PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE “MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 30 DICEMBRE 2009, N. 33 (TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI SANITA’)



DELIBERAZIONE N. 1052 DEL 22.12.2010 - APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI DISCIPLINARE D’INCARICO PER L’AFFIDAMENTO A INFRASTRUTTURE S.P.A. DI INTERVENTO RELATIVO ALL’AZIENDA OSPEDALIERA “OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO”.




DELIBERAZIONE N. 1030 DEL 22.12.2010 -DETERMINAZIONI RELATIVE ALLA RETE REGIONALE DI PRENOTAZIONE DI PRESTAZIONI SANITARIE – REVISIONE CORRISPETTIVI



DELIBERAZIONE N. 1045 DEL 22.12.2010 ALBO REGIONALE DEI DIRETTORI DI AZIENDE DI SERVIZI ALLA PERSONA TRIENNIO 2010/2013 DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA DGR N. IX-216/2010



DELIBERAZIONE N. 1054 DEL 23.12.2010 - DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA REALIZZAZIONE DELLA RETE LOMBARDA PER LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) DELIBERAZIONE N. 1085 DEL 23.12.2010 -PROTOCOLLO D’INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA E GLI IRCCS PUBBLICI LOMBARDI PER LA VALORIZZAZIONE E IL RILANCIO DEL CENTRO DI RICERCA SITO IN NERVIANO



21 DICEMBRE 2010

LINK GIUNTA REGIONE LOMBARDIA: D.G.R. N. IX/1009 15.12.2010 - DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA D.G.R. N. IX/189 DEL 30.06.2010 RELATIVA ALL'AGGIORNAMENTO DEGLI ELENCHI DEGLI IDONEI ALLA NOMINA DI DIRETTORE AMMINISTRATIVO, DIRETTORE SANITARIO E DIRETTORE SOCIALE DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE........



LINK DGR 937 (REGOLE 2011)+ALLEGATO 6



LINK DGR 938 (NUOVA DELIBERA IDONEI ALLA NOMINA)



LINK DGR 965 (ADOZIONE PIANO REGIONALE DISABILITA')



LINK DGR 939 (PIANO REGIONALE EDUCAZIONE SANITARIA E ZOOFILA)



LINK DGR 898 (REQUISITI TECNOLOGICI E STRUTTURALI)


DOWNLOAD

DOWNLOAD
OMS EUROPA: Rapporto europeo prevenzione dei maltrattamenti dell'anziano

REGIONE LOMBARDIA

REGIONE LOMBARDIA
CLICCA su immagine X alcune informazioni sul diritto all'esenzione

Trends in maternal mortality: 1990 to 2008

WORLD ALZHEIMER'S DAY 21 SETTEMBRE 2011

Dossier Consiglio Regionale Lombardia Qualità delle azioni regionali di supporto alla famiglia da un punto di vista socio economico. Stato della legislazione regionale e prospettive