LEGGI SCARICA STAMPA

LEGGI SCARICA STAMPA
DOSSIER MEDICINA TERRITORIALE

LINK OECD RAPPORTO POLITICHE SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE

WHO/OMS : Global status report on noncommunicable diseases 2010

INSERIRE EMAIL X RICEVERE INDICE E POST GIORNALIERO

indice sintetico GIORNALIERO


BURL BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE LOMBARDIA LINK CONSULTAZIONE
6 giugno 2011

CI SI SPOSA SEMPRE MENO. CONVIVENTI, SINGLE, SEPARATI. IN SETTE MILIONI DI CASE SI FA A MENO DEL "PEZZO DI CARTA" Stampa

Stampa di lunedì 6 giugno 2011, pagina 7


CI SI SPOSA SEMPRE MENO. CONVIVENTI, SINGLE, SEPARATI. IN SETTE MILIONI DI CASE SI FA A MENO DEL "PEZZO DI CARTA"

di R.Mas.

________________________________________

Ci si sposa sempre meno Conviventi, single, separati In sette milioni di case si fa a meno del "pezzo di carta" 217 m8a I matrimoni celebrati neI 2010 ROMA In realtà, in Italia la famiglia prospera. Il problema - semmai - è che il modello di famiglia in progressione non è quello canonico e raccomandato dalle autorità religiose: 3 milioni e 800 mila «nuclei» sono costituiti da una persona sola - i cosiddetti single «non vedovi» - che magari hanno un partner ma non intendono sposarsi. 900 mila sono, poi, le famiglie «ricostituite», cioè composte - senza matrimonio - da persone che hanno una separazione o un divorzio alle spalle. Infine ci sono le tanto condannate famiglie di fatto, che sono simili a quelle ricostituite ma senza che ci sia un matrimonio alle spalle, e sono 820 mila, con una crescita esponenziale, se si considera che sei anni fa erano 564 mila. A questo quadro di fuorilegge del matrimonio vanno aggiunte le famiglie monogenitoriali che sono 2 milioni e 214 mila. Sintesi: su 25 milioni di famiglie, oltre 7 milioni non hanno le carte in regola (almeno secondo il Papa).

Se le famiglie di fatto aumentano, quelle di diritto - civile o canonico - diminuiscono: negli ultimi due anni i matrimoni sono scesi di 30 mila unità, sancendo un crollo sistematico che
è iniziato dagli anni Settanta. Solo per fare un raffronto: ne11972 i ma- 820.000 Le coppie di fatto 24.884.000 Altri 900.000 * Le coppie ricostituite senza matrimonio 60.304A00 Totale abitanti in Italia 3.800.000 I single (non vedovi) 'Almeno uno dei due partner ha alle spalle un'esperienza matrimoniale 29.900.000 Totale coniugati Centimetri LA STAMPA trimoni furono 419 mila, lo scorso anno sono stati 217 mila. Il tasso di diminuzione è stato, in media, dell'1,2% nell'ultimo decennio, ma negli ultimi due anni è salito repentinamente al 6%. «La diminuzione delle nozze nel biennio 2009-2010 ha interessato tutte le aree del Paese - dice l'Istat - Tra le grandi regioni, quelle in cui il calo è stato più marcato sono Lazio (-9,4%), Lombardia (-8%), Toscana (-6,7%), Piemonte e Campania, (-6,4% in entrambi i casi)». Anche negli altri Paesi europei il calo dei matrimoni è stato, in media, del 22% da11990 a oggi. Solo cinque anni fa i171 per cento dei matrimoni, su base nazionale, era religioso, ora siamo al 63 per cento, ma con fortissime differenze territoriali: se Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia (ma non la Campania) registrano quote tra 1'82 e 1'87 per cento di matrimoni religiosi, in altre regioni (Piemonte, Valle d'Aosta, Lombardia, Liguria, Friuli, Emilia) siamo a meno della metà, e il Lazio è a cavallo del 50%.

Aumentano anche separazioni e divorzi: le prime (circa 85 mila l'anno) sono cresciute del 3% in 5 anni, ma i secondi (55 mila l'anno) sono quasi quadruplicati ( 23%) in cinque anni. Sul forte incremento delle separazioni hanno agito anche motivazioni fiscali, e cioè il tentativo di evitare il cumulo dei redditi.

AVVISI AI NAVIGANTI

in RUBRICHE in MATERIALI NOMINE DICEMBRE 2010

RACCOLTA DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA DAL n. 1087 AL N. 1131 - DELIBERE DI NOMINA DEI DIRETTORI GENERALI DELLE ASL LOMBARDE, DELLE AZIENDE OSPEDALIERE E DELL'AREU (12 M)



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 29 DICEMBRE

DELIBERAZIONE N. 1208 DEL 29.12.2010 "....RELAZIONE SEMESTRALE SUL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI STRATEGICI SISS (LUGLIO – DICEMBRE 2010)"



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 22/23 DICEMBRE


DELIBERAZIONE N. 1019 DEL 22.12.2010 - PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE “MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 30 DICEMBRE 2009, N. 33 (TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI SANITA’)



DELIBERAZIONE N. 1052 DEL 22.12.2010 - APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI DISCIPLINARE D’INCARICO PER L’AFFIDAMENTO A INFRASTRUTTURE S.P.A. DI INTERVENTO RELATIVO ALL’AZIENDA OSPEDALIERA “OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO”.




DELIBERAZIONE N. 1030 DEL 22.12.2010 -DETERMINAZIONI RELATIVE ALLA RETE REGIONALE DI PRENOTAZIONE DI PRESTAZIONI SANITARIE – REVISIONE CORRISPETTIVI



DELIBERAZIONE N. 1045 DEL 22.12.2010 ALBO REGIONALE DEI DIRETTORI DI AZIENDE DI SERVIZI ALLA PERSONA TRIENNIO 2010/2013 DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA DGR N. IX-216/2010



DELIBERAZIONE N. 1054 DEL 23.12.2010 - DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA REALIZZAZIONE DELLA RETE LOMBARDA PER LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) DELIBERAZIONE N. 1085 DEL 23.12.2010 -PROTOCOLLO D’INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA E GLI IRCCS PUBBLICI LOMBARDI PER LA VALORIZZAZIONE E IL RILANCIO DEL CENTRO DI RICERCA SITO IN NERVIANO



21 DICEMBRE 2010

LINK GIUNTA REGIONE LOMBARDIA: D.G.R. N. IX/1009 15.12.2010 - DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA D.G.R. N. IX/189 DEL 30.06.2010 RELATIVA ALL'AGGIORNAMENTO DEGLI ELENCHI DEGLI IDONEI ALLA NOMINA DI DIRETTORE AMMINISTRATIVO, DIRETTORE SANITARIO E DIRETTORE SOCIALE DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE........



LINK DGR 937 (REGOLE 2011)+ALLEGATO 6



LINK DGR 938 (NUOVA DELIBERA IDONEI ALLA NOMINA)



LINK DGR 965 (ADOZIONE PIANO REGIONALE DISABILITA')



LINK DGR 939 (PIANO REGIONALE EDUCAZIONE SANITARIA E ZOOFILA)



LINK DGR 898 (REQUISITI TECNOLOGICI E STRUTTURALI)


DOWNLOAD

DOWNLOAD
OMS EUROPA: Rapporto europeo prevenzione dei maltrattamenti dell'anziano

REGIONE LOMBARDIA

REGIONE LOMBARDIA
CLICCA su immagine X alcune informazioni sul diritto all'esenzione

Trends in maternal mortality: 1990 to 2008

WORLD ALZHEIMER'S DAY 21 SETTEMBRE 2011

Dossier Consiglio Regionale Lombardia Qualità delle azioni regionali di supporto alla famiglia da un punto di vista socio economico. Stato della legislazione regionale e prospettive