LEGGI SCARICA STAMPA

LEGGI SCARICA STAMPA
DOSSIER MEDICINA TERRITORIALE

LINK OECD RAPPORTO POLITICHE SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE

WHO/OMS : Global status report on noncommunicable diseases 2010

INSERIRE EMAIL X RICEVERE INDICE E POST GIORNALIERO

indice sintetico GIORNALIERO


BURL BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE LOMBARDIA LINK CONSULTAZIONE
8 giugno 2011

CHE FLOP L'UE: SUL BATTERIO SOLO FALSI ALLARMI Giornale

Giornale di martedì 7 giugno 2011, pagina 18


CHE FLOP L'UE: SUL BATTERIO SOLO FALSI ALLARMI

di Cusmai Enza

________________________________________

L'EPIDEMIA IN GERMANIA Che flop l'Ve: sul batterio solo falsi allarmi I test scagionano anche i germogli di soia E dopo l'ennesimo annuncio tedesco risultato fasullo, i Paesi europei si ribellano. La Spagna chiede di cambiare il sistema di allerta e Bruxelles sarà costretta a risarcire gli agricoltori Enza Cusmai — Ieri mattina nei supermercati i germogli di soia erano piazzati in bella vista ma tutti invenduti. Precauzione ovvia visto che domenica la Germania aveva lanciato il secondo allerta comunitario, per mettere al bando l'ortaggio preferito dai vegetariani. Invece anche la soia non c'entra. È stata assolta così come era già successo per il cetriolo. I test di laboratorio su 23 dei 40 campioni sequestrati nell'azienda del villaggio di Bienenbuettel hanno escluso che sia la soia responsabile del batterio killer. Così il mistero dell'epidemia causato dal ceppo cattivo dell'E.coli ritorna fitto. Si ricomincia tutto daccapo. Fino all'ennesima allerta. Già, perché i tedeschi ormai riescono a terrorizzare la comunità internazionale un giorno si e uno no. Creando panico, diffidenza e grandi perdite economiche. Solo in Italia si stimano 100 milioni di danni per la merce invenduta. Non parliamo della Spagna che ce l'ha a morte con la leggerezza con cui i tedeschi puntano il dito su un prodotto piuttosto che un altro senza prima fare i riscontri necessari. Ieri a Lussemburgo il ministro spagnolo per la Salute Leire Pajin ha detto con forza, che il sistema europeo di allerta rapida per le contaminazioni alimentari deve venire attivato solo quando c'è la certezza che il prodotto in questione sia la causa effettiva del contagio. E ha chiesto una revisione del meccanismo. Ci sono pure critiche interne. L'opposizionetedescaattaccailgover- do il ministro potrebbero es-no per la gestione della crisi e sere solo un vettore, ma non la sua politica di informazio- la causa dell'infezione, che ne decentrata. E l'Unione sarebbe determinata da circostanze e condizioni am- DANNI Solo in Italia cento milioni di perdite stimate. Oggi il vertice dei ministri europei consumatori ritiene «poco felice» che l'annuncio sui germogli di soia sia giunto da un ministero regionale della Bassa Sassonia e non dall'Istituto Koch, centro epidemiologico nazionale. Anche l'esperto italiano Alfredo Caprioli, dell'istituto superiore di Sanità ritiene che la Germania «usi l'allerta in modo poco razionale» perché va data quando c'è un pericolo che riguarda gli altri paesi. «E da un mese che questo batterio circola solo in una determinata zona della Germania - spiega Caprioli - e quindi si deve avvertire la popolazione locale ma non l'intera Europa». Altra pecca, in fatto di indagini. «Bisogna analizzare anche i confezionamenti - sottolinea l'esperto - Se la verdura viene messa in cassette contaminate e non ripulite il batterio circola e loro non lo troveranno mai se continuano a analizzare solo i singoli prodotti». Anche Fazio la pensa allo stesso modo e ieri a Bruxelles ha chiesto con forza di «concentrare gli sforzi su controlli sanitari a tappeto su tutta l'area dei Laender della Germania settentrionale in cui si è sviluppata l'infezione». I singoli ortaggi, seconbientali: la contaminazione per contatto con acqua o feci o carni infette, ma anche il trasporto, il confezionamento o qualunque altra fase del percorso fino all'arrivo del prodotto al consumatore finale. Fazio ha chiesto inoltre che siano rafforzati i controlli sanitari sui prodotti biologici, che «spesso si basano su autocertificazioni e godono di deroghe e facilitazioni non previste per gli alimenti tradizionali». Suggerimenti saggi ma che non sembrano convincere il ministero dell'Agricoltura tedesco. Nonostante l'esito negativo dei test ha deciso di mantenere l'allerta sui germogli di soia, cetrioli, pomodori, lattuga. Insomma dice a tutta la popolazione di non mangiare questi prodotti. Compresi quelli importati dall'estero (vedi Italia). Un danno per tutto il comparto. Secondo la Coldiretti, potrebbe sfiorare i cento milioni di euro il conto finale delle perdite subite dal made in Italy alimentare. E oggi se ne parlerà nel Consiglio straordinario dei ministri dell'Agricoltura dell'Ue, in cui la Commissione europea proporrà indennizzi agli agricoltori. Dal fronte sanitario, invece, laPolonia segnala il primo contagio di una donna residente nella regione di Amburgo. I decessi sono 23 e le infezioni da sindrome emolitica hanno superati i 2.300 casi.

AVVISI AI NAVIGANTI

in RUBRICHE in MATERIALI NOMINE DICEMBRE 2010

RACCOLTA DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA DAL n. 1087 AL N. 1131 - DELIBERE DI NOMINA DEI DIRETTORI GENERALI DELLE ASL LOMBARDE, DELLE AZIENDE OSPEDALIERE E DELL'AREU (12 M)



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 29 DICEMBRE

DELIBERAZIONE N. 1208 DEL 29.12.2010 "....RELAZIONE SEMESTRALE SUL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI STRATEGICI SISS (LUGLIO – DICEMBRE 2010)"



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 22/23 DICEMBRE


DELIBERAZIONE N. 1019 DEL 22.12.2010 - PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE “MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 30 DICEMBRE 2009, N. 33 (TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI SANITA’)



DELIBERAZIONE N. 1052 DEL 22.12.2010 - APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI DISCIPLINARE D’INCARICO PER L’AFFIDAMENTO A INFRASTRUTTURE S.P.A. DI INTERVENTO RELATIVO ALL’AZIENDA OSPEDALIERA “OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO”.




DELIBERAZIONE N. 1030 DEL 22.12.2010 -DETERMINAZIONI RELATIVE ALLA RETE REGIONALE DI PRENOTAZIONE DI PRESTAZIONI SANITARIE – REVISIONE CORRISPETTIVI



DELIBERAZIONE N. 1045 DEL 22.12.2010 ALBO REGIONALE DEI DIRETTORI DI AZIENDE DI SERVIZI ALLA PERSONA TRIENNIO 2010/2013 DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA DGR N. IX-216/2010



DELIBERAZIONE N. 1054 DEL 23.12.2010 - DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA REALIZZAZIONE DELLA RETE LOMBARDA PER LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) DELIBERAZIONE N. 1085 DEL 23.12.2010 -PROTOCOLLO D’INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA E GLI IRCCS PUBBLICI LOMBARDI PER LA VALORIZZAZIONE E IL RILANCIO DEL CENTRO DI RICERCA SITO IN NERVIANO



21 DICEMBRE 2010

LINK GIUNTA REGIONE LOMBARDIA: D.G.R. N. IX/1009 15.12.2010 - DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA D.G.R. N. IX/189 DEL 30.06.2010 RELATIVA ALL'AGGIORNAMENTO DEGLI ELENCHI DEGLI IDONEI ALLA NOMINA DI DIRETTORE AMMINISTRATIVO, DIRETTORE SANITARIO E DIRETTORE SOCIALE DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE........



LINK DGR 937 (REGOLE 2011)+ALLEGATO 6



LINK DGR 938 (NUOVA DELIBERA IDONEI ALLA NOMINA)



LINK DGR 965 (ADOZIONE PIANO REGIONALE DISABILITA')



LINK DGR 939 (PIANO REGIONALE EDUCAZIONE SANITARIA E ZOOFILA)



LINK DGR 898 (REQUISITI TECNOLOGICI E STRUTTURALI)


DOWNLOAD

DOWNLOAD
OMS EUROPA: Rapporto europeo prevenzione dei maltrattamenti dell'anziano

REGIONE LOMBARDIA

REGIONE LOMBARDIA
CLICCA su immagine X alcune informazioni sul diritto all'esenzione

Trends in maternal mortality: 1990 to 2008

WORLD ALZHEIMER'S DAY 21 SETTEMBRE 2011

Dossier Consiglio Regionale Lombardia Qualità delle azioni regionali di supporto alla famiglia da un punto di vista socio economico. Stato della legislazione regionale e prospettive