LEGGI SCARICA STAMPA

LEGGI SCARICA STAMPA
DOSSIER MEDICINA TERRITORIALE

LINK OECD RAPPORTO POLITICHE SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE

WHO/OMS : Global status report on noncommunicable diseases 2010

INSERIRE EMAIL X RICEVERE INDICE E POST GIORNALIERO

indice sintetico GIORNALIERO


BURL BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE LOMBARDIA LINK CONSULTAZIONE
8 giugno 2011

CATTIVI, DEPRESSI, IMBARBARITI. IL CENSIS VUOLE FARCI LA MORALE Libero Quotidiano

Libero Quotidiano di martedì 7 giugno 2011, pagina 16


CATTIVI, DEPRESSI, IMBARBARITI. IL CENSIS VUOLE FARCI LA MORALE

di Morigi Andrea

________________________________________

Indagine sulle pulsioni nostrane Cattivi, depressi, imbarbariti II Censis vuole farci la morale Non bastava dipingere un Paese in crisi. Ora ci processa; «ma Silvio non c'entra» ::: ANDREA MORIGI Abbandonati a se stessi, ci s'imbarbarisce. Al Censis tentano di misurare il fenomeno della «crescente regolazione delle pulsioni» in Italia el'indagine, diffusa ieri, effettivamente fa spavento. Il territorio nazionale appare come trasformato in un megacentro sociale, una zona temporaneamente autonoma dove crescono le dipendenze da droghe, alcol e gioco d'azzardo, e l'aggressività, che si manifesta in minacce, lesioni e percosse. Di contro, le medesime tendenze si rivelano anche autodistruttive: il consumo di farmaci antidepressivi è più che raddoppiato dal 2001 al 2009. È una «crisi antropologica» quella che stanno vivendo gli italiani, il frutto di comportamenti trasgressivi che si autogiustificano, marcando una tendenza verso una libertà senza limiti. I sociologi hanno tracciato anche una correlazione fra quel che si fa e quel che si crede, tra comportamenti e ideologia. Emerge così «l'idea della relatività delle regole, da una parte c'è il primato della coscienza (1'85,5%degli italiani ritiene che dovrebbe essere l'arbitro unico dei propri comportamenti), dall'altra sono descritte tutta una serie di situazioni e di contesti in cui le regole possono essere tralasciate o relativizzate (nel divertimento è ammessa la trasgressione, è l'opinione soprattutto di una quota non irrilevante (44,8%) dei più giovani, quando è il caso bisogna difendersi da sé anche con le cattive (48,6% che diventa 61,3% per chi vive nelle grandi città), per raggiungere i propri obiettivi bisogna accettare qualche compromesso (46,4%), si può essere ::: IL RAPPORTO COLPA DI SILVIO C'è un eccesso di «individualismo» nella società, ha affermato il presidente del Censis, Giuseppe De Rita. «La crescente sregolazione delle pulsioni non finirà con il beriusconismo», ha affermato De Rita. Tra il 2004 e il 2009, ricorda il Censis, le minacce e le ingiurie sono aumentate del 35,3%, le lesioni e le percosse del 26,5%, i reati sessuali del 26,3%. In 10 anni, dal 2001 al 2009, il consumo degli antidepressivi è raddoppiato ( 114,2%). CHIRURGIA ESTETICA Nel 2010 in Italia sono stati eseguiti 450mila interventi di chirurgia estetica. L'indagine Censis, riportando i dati Doxa Pharma, ha stimato che, tra le donne che si affidano alla chirurgia estetica, il 95% lo fa per correggere un difetto fisico. Per 1'87 % , poi, la chirurgia aiuta a piacere di più agli altri o a correggere i segni dell'invecchiamento (85%). buoni cattolici anche senza tener conto della morale cattolica in materia di sessualità (63,5%, che sfiora l'80% tra i più giovani)». Già all'inizio del secolo scorso, un romanziere come Paul Bourget avrebbe commentato: «Bisogna vivere come si pensa, altrimenti si finirà per pensare come si è vissuto». Si delinea cos) un processo, in parte già consumato, generato dal «depotenziamento della legge, del padre, del dettato religioso, della coscienza, della stessa autoregolamentazione», afferma la ricerca. E la solita ramanzina che periodicamente il presidente dell'istituto Giuseppe De Rita ci propina. E all'immancabile domanda sull'eventuale responsabilità del presidente del Consiglio, in un primo momento nega: «Silvio Berlusconi non è l'autore di questo ciclo individualistico, ma solo un navigatore sull'onda. II ciclo resterà anche dopo la fine del berlusconismo: l'unica speranza è il ritorno del rapporto tra moralità e peccato e la fine del pensiero secondo cui ci sono io e l'altro non esiste». Insomma, elenca i guai derivati dalla rivolta sessantottina contro l'autorità, che si è prodotta persino all'interno della Chiesa, per venirci a raccontare in conferenza stampa che «il berlusconismo siamo stati noi, abbiamo determinato noi l'individualismo, che ora si rivela una realtà da curare». Tutto questo nell'ultimo diciassettennio? Rimane da spiegare come mai, se il male che disgrega le relazioni sociali s'identifica con il berlusconismo, chi gli si oppone si faccia volentieri interprete della cultura dello sballo, che emerge come uno dei fattori di rischio per la popolazione. A meno che gli si voglia attribuire qualche superpotere, non si può addebitare a un uomo solo la dimensione narcisistica delle pulsioni, legata al bisogno di apparire, che si tradotta in 450mila interventi di chirurgia estetica effettuati in Italia nel 2010. Altrimenti, si finisce per banalizzare e concentrare su un individuo, che si è fatto qualche "ritocchino" alle palpebre e un trapianto di capelli, tutto un fenomeno sociale più esteso, che riguarda gli ambienti, i costumi, la civiltà stessa.

AVVISI AI NAVIGANTI

in RUBRICHE in MATERIALI NOMINE DICEMBRE 2010

RACCOLTA DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA DAL n. 1087 AL N. 1131 - DELIBERE DI NOMINA DEI DIRETTORI GENERALI DELLE ASL LOMBARDE, DELLE AZIENDE OSPEDALIERE E DELL'AREU (12 M)



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 29 DICEMBRE

DELIBERAZIONE N. 1208 DEL 29.12.2010 "....RELAZIONE SEMESTRALE SUL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI STRATEGICI SISS (LUGLIO – DICEMBRE 2010)"



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 22/23 DICEMBRE


DELIBERAZIONE N. 1019 DEL 22.12.2010 - PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE “MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 30 DICEMBRE 2009, N. 33 (TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI SANITA’)



DELIBERAZIONE N. 1052 DEL 22.12.2010 - APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI DISCIPLINARE D’INCARICO PER L’AFFIDAMENTO A INFRASTRUTTURE S.P.A. DI INTERVENTO RELATIVO ALL’AZIENDA OSPEDALIERA “OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO”.




DELIBERAZIONE N. 1030 DEL 22.12.2010 -DETERMINAZIONI RELATIVE ALLA RETE REGIONALE DI PRENOTAZIONE DI PRESTAZIONI SANITARIE – REVISIONE CORRISPETTIVI



DELIBERAZIONE N. 1045 DEL 22.12.2010 ALBO REGIONALE DEI DIRETTORI DI AZIENDE DI SERVIZI ALLA PERSONA TRIENNIO 2010/2013 DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA DGR N. IX-216/2010



DELIBERAZIONE N. 1054 DEL 23.12.2010 - DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA REALIZZAZIONE DELLA RETE LOMBARDA PER LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) DELIBERAZIONE N. 1085 DEL 23.12.2010 -PROTOCOLLO D’INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA E GLI IRCCS PUBBLICI LOMBARDI PER LA VALORIZZAZIONE E IL RILANCIO DEL CENTRO DI RICERCA SITO IN NERVIANO



21 DICEMBRE 2010

LINK GIUNTA REGIONE LOMBARDIA: D.G.R. N. IX/1009 15.12.2010 - DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA D.G.R. N. IX/189 DEL 30.06.2010 RELATIVA ALL'AGGIORNAMENTO DEGLI ELENCHI DEGLI IDONEI ALLA NOMINA DI DIRETTORE AMMINISTRATIVO, DIRETTORE SANITARIO E DIRETTORE SOCIALE DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE........



LINK DGR 937 (REGOLE 2011)+ALLEGATO 6



LINK DGR 938 (NUOVA DELIBERA IDONEI ALLA NOMINA)



LINK DGR 965 (ADOZIONE PIANO REGIONALE DISABILITA')



LINK DGR 939 (PIANO REGIONALE EDUCAZIONE SANITARIA E ZOOFILA)



LINK DGR 898 (REQUISITI TECNOLOGICI E STRUTTURALI)


DOWNLOAD

DOWNLOAD
OMS EUROPA: Rapporto europeo prevenzione dei maltrattamenti dell'anziano

REGIONE LOMBARDIA

REGIONE LOMBARDIA
CLICCA su immagine X alcune informazioni sul diritto all'esenzione

Trends in maternal mortality: 1990 to 2008

WORLD ALZHEIMER'S DAY 21 SETTEMBRE 2011

Dossier Consiglio Regionale Lombardia Qualità delle azioni regionali di supporto alla famiglia da un punto di vista socio economico. Stato della legislazione regionale e prospettive