LEGGI SCARICA STAMPA

LEGGI SCARICA STAMPA
DOSSIER MEDICINA TERRITORIALE

LINK OECD RAPPORTO POLITICHE SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE

WHO/OMS : Global status report on noncommunicable diseases 2010

INSERIRE EMAIL X RICEVERE INDICE E POST GIORNALIERO

indice sintetico GIORNALIERO


BURL BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE LOMBARDIA LINK CONSULTAZIONE
3 giugno 2011

CAOS SUL MERCATO DELL'ORTOFRUTTA Padania

Padania di venerdì 3 giugno 2011, pagina 24


CAOS SUL MERCATO DELL'ORTOFRUTTA

________________________________________

Batterio killer, la Russia stoppa le importazioni dalla Ue che protesta vivacemente Caos sul mercato dell'ortofrutta Coldiretti: «A rischio esportazioni italiane per 4,4 milioni di euro l'anno» È allarme sui mercati degli ortaggi dopo che la Russia ha posto, ieri, il divieto di importare la verdura fresca proveniente dall'Unione Europea, accusando le autorità di Bruxelles di non aver vegliato a sufficienza contro la diffusione del batterio killer Ercoli. L'agenzia russa per il controllo alimentare, Ruspotrebnadzor, ha deciso l'estensione del bando che fino a ieri si applicava solo alle verdure provenienti da Spagna e Germania. Ispettori sanitari sono stati incaricati di rimuovere e distruggere tutta la verdura fresca di provenienza europea presente nei negozi e nei depositi dell'intero territorio russo. Gennady Onishchenko, direttore del Ruspotrebnadzor, ha duramente attaccato l'efficacia delle leggi sanitarie europee accusando l'Ue di ipocrisia per aver più volte suggerito alla Russia di adottare i propri standard. Questa vicenda - ha detto in una conferenza stampa - è la prova che la tanto lodata legislazione sanitaria europea, che hanno cercato di far seguire anche alla Russia. non funziona.

Dalla mucca pazza all'aviaria, dal latte cinese alla melamina a quello tedesco alla diossina ma anche gmno canadese dall'ocratossina e olio di semi ucraino contaminato da idrocarburi. Gli allarmi provenienti dalle diverse parti del mondo si sono moltiplicati negli ultimi dieci anni con pesanti effetti sull'economia Non penso che i miei colleghi in Germania e altri paesi europei siano poco professionali, ma loro legislazione sanitaria è politicizzata e lega loro le mani.. L'Italia esporta in Russia ortaggi e legumi freschi per un valore di 4,4 milioni di euro all'anno "messi a rischio per effetto dell'assurdo divieto imposto all'importazione di verdure e ortaggi freschi da tutti i paesi dell'Unione Europea, a seguito all'epidemia mortale causata dal batterio E. coli 0104". È quanto afferma la Coldiretti. «Dopo che le analisi delle autorità sanitarie europee hanno scagionato i cetrioli senza individuare al momento il fattore scatenante dell'epidemia, si tratta - sottolinea la Coldiretti - di una misura unilaterale e generalizzata del tutto inopportuna destinata peraltro a generare allarmismo e a far salire i danni subiti dagli incolnevoli produttori nazionali.. «L'allarmismo ingiustificato creato attorno ai cetrioli - precisa la Coldiretti - ha provocato una psicosi nei consumi diffusa in tutta Europa che ha colpito anche le esportazioni nazionali di ortofrutta con perdite stimate in 20 milioni di euro in una settimana. Il crollo dei consumi di frutta e verdura in Germania e in altri Paesi europei cade infatti in una stagione importante per la produzione nazionale di frutta e verdura che - continua la Coldiretti - rappresenta la voce più importante delle esportazioni agroalimentari con un valore per un valore complessivo di 4,1 miliardi di euro, superiore a quello del vino. «Occorre fare immediata chiarezza sull'evoluzione dell'epidemia per superare una psicosi che rischia di essere devastante per la salute e per l'economia. L'allarme per il batterio killer in Europa arriva - ricorda la Coldiretti - a dieci anni esatti dal primo caso di "mucca pazza" fa salire a 5 miliardi i danni provocati dalle psicosi nei consumi generati da emergenze alimentari, vere e presunte, che si sono verificate nell'ultimo decennio». «Dalla mucca pazza all'aviaria, dal latte cinese alla melamina a quello tedesco alla diossina ma anche grano canadese dall'ocra-tossina e olio di semi ucraino contaminato da idrocarburi, gli allarmi provenienti dalle diverse parti del mondo si sono moltiplicati negli ultimi dieci anni con pesanti effetti sull'economia, anche se non sempre - sottolinea la Coldiretti - hanno fatto seguito problemi concreti come sembra accadere nel caso dei cetrioli. Dopo le rassicurazioni del Ministero della Salute, l'unico vero *** pericolo che corre l'Italia è infatti il danno economico peri produttori agricoli.. «Si tratta di una reazione sproporzionata.. È quanto ha dichiarato il portavoce del commissario Ue alla Protezione dei consumatori John Dalli, a proposito della decisione presa dalla Russia. Il portavoce ha sottolineato che l'Unione europea è già in contatto con le autorità russe per risolvere la questione e che la direttrice generale per la sanità della Commissione Ue Paola Testori Coggi, invierà immediatamente una lettera alle autorità russe per dire che la loro decisione "è sproporzionata ed inaccettabile" e in cui si chiederanno riunioni ad hoc alle autorità di Mosca Il valore delle esportazioni di verdura europea in Russia si aggira sui 600 milioni di euro annui. Sono infatti stati tutti negativi i test effettuati sui cetrioli spagnoli inizialmente additati dalle autorità tedesche come possibile fonte del contagio della violenta forma di e.coli che ha già mietuto una decina di vittime accertate tra Germania e Svezia. I risultati definitivi delle analisi arrivati a Bruxelles l'altra sera sia dalla Germania che dalla Spagna hanno confermato che nelle verdure spagnole non c'è traccia del ceppo 0104 dell'e.coli, che provoca la diarrea emorragica che può avere esiti mortali.

AVVISI AI NAVIGANTI

in RUBRICHE in MATERIALI NOMINE DICEMBRE 2010

RACCOLTA DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA DAL n. 1087 AL N. 1131 - DELIBERE DI NOMINA DEI DIRETTORI GENERALI DELLE ASL LOMBARDE, DELLE AZIENDE OSPEDALIERE E DELL'AREU (12 M)



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 29 DICEMBRE

DELIBERAZIONE N. 1208 DEL 29.12.2010 "....RELAZIONE SEMESTRALE SUL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI STRATEGICI SISS (LUGLIO – DICEMBRE 2010)"



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 22/23 DICEMBRE


DELIBERAZIONE N. 1019 DEL 22.12.2010 - PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE “MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 30 DICEMBRE 2009, N. 33 (TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI SANITA’)



DELIBERAZIONE N. 1052 DEL 22.12.2010 - APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI DISCIPLINARE D’INCARICO PER L’AFFIDAMENTO A INFRASTRUTTURE S.P.A. DI INTERVENTO RELATIVO ALL’AZIENDA OSPEDALIERA “OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO”.




DELIBERAZIONE N. 1030 DEL 22.12.2010 -DETERMINAZIONI RELATIVE ALLA RETE REGIONALE DI PRENOTAZIONE DI PRESTAZIONI SANITARIE – REVISIONE CORRISPETTIVI



DELIBERAZIONE N. 1045 DEL 22.12.2010 ALBO REGIONALE DEI DIRETTORI DI AZIENDE DI SERVIZI ALLA PERSONA TRIENNIO 2010/2013 DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA DGR N. IX-216/2010



DELIBERAZIONE N. 1054 DEL 23.12.2010 - DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA REALIZZAZIONE DELLA RETE LOMBARDA PER LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) DELIBERAZIONE N. 1085 DEL 23.12.2010 -PROTOCOLLO D’INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA E GLI IRCCS PUBBLICI LOMBARDI PER LA VALORIZZAZIONE E IL RILANCIO DEL CENTRO DI RICERCA SITO IN NERVIANO



21 DICEMBRE 2010

LINK GIUNTA REGIONE LOMBARDIA: D.G.R. N. IX/1009 15.12.2010 - DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA D.G.R. N. IX/189 DEL 30.06.2010 RELATIVA ALL'AGGIORNAMENTO DEGLI ELENCHI DEGLI IDONEI ALLA NOMINA DI DIRETTORE AMMINISTRATIVO, DIRETTORE SANITARIO E DIRETTORE SOCIALE DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE........



LINK DGR 937 (REGOLE 2011)+ALLEGATO 6



LINK DGR 938 (NUOVA DELIBERA IDONEI ALLA NOMINA)



LINK DGR 965 (ADOZIONE PIANO REGIONALE DISABILITA')



LINK DGR 939 (PIANO REGIONALE EDUCAZIONE SANITARIA E ZOOFILA)



LINK DGR 898 (REQUISITI TECNOLOGICI E STRUTTURALI)


DOWNLOAD

DOWNLOAD
OMS EUROPA: Rapporto europeo prevenzione dei maltrattamenti dell'anziano

REGIONE LOMBARDIA

REGIONE LOMBARDIA
CLICCA su immagine X alcune informazioni sul diritto all'esenzione

Trends in maternal mortality: 1990 to 2008

WORLD ALZHEIMER'S DAY 21 SETTEMBRE 2011

Dossier Consiglio Regionale Lombardia Qualità delle azioni regionali di supporto alla famiglia da un punto di vista socio economico. Stato della legislazione regionale e prospettive