LEGGI SCARICA STAMPA

LEGGI SCARICA STAMPA
DOSSIER MEDICINA TERRITORIALE

LINK OECD RAPPORTO POLITICHE SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE

WHO/OMS : Global status report on noncommunicable diseases 2010

INSERIRE EMAIL X RICEVERE INDICE E POST GIORNALIERO

indice sintetico GIORNALIERO


BURL BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE LOMBARDIA LINK CONSULTAZIONE
3 giugno 2011

BIOTECNOLOGIE 2 - UN LABORATORIO-PAESE PER TUTTO IL MONDO, COSÌ PARTE LA RISCOSSA FARMACEUTICA Mondo

Mondo di venerdì 10 giugno 2011, pagina 53


BIOTECNOLOGIE 2 - UN LABORATORIO-PAESE PER TUTTO IL MONDO, COSÌ PARTE LA RISCOSSA FARMACEUTICA

di P.L.

________________________________________

BIOTECNOLOGIE 2 TERZO POSTO IN EUROPA CON 375 AZIENDE SPECIALIZZATE Un laboratorio-Paese per tutto il mondo, così parte la riscossa farmaceutica Italia e biotech, ovvero: l'eccellenza che non ti aspetti. Il nostro Paese è il terzo d'Europa per numero di imprese, 375, di cui 246 operano nel settore della salute umana (Red biotech) e, di queste, 185 in modo interamente dedicato. Il comparto dovrebbe diventare più competitivo a livello internazionale, ma intanto crescono gli investimenti in ricerca (in media il 24% del fatturato) e il giro d'affari: 7,4 miliardi per l'intero settore biotech, generato per quasi il 90% dalle imprese del farmaco. In più, la nostra pipeline biotecnologica conta 237 progetti e prodotti in sviluppo, di cui circa 150 già in fase clinica, con applicazione soprattutto nell'oncologia e nella neurologia. «Ma non definitela semplicemente industria», avverte il presidente di Farmindustria, Sergio Dompé: «Le biotecnologie sono un approccio organizzativo e scientifico. Hanno rivoluzionato il modo di fare ricerca, visto che affrontano la cura utilizzando non sostanze esogene, come nei farmaci tradizionali, ma sostanze prodotte da microorganismi biologici». Fare del biotech un vero business non è tuttavia scontato: l'attività di ricerca (per i prodotti biotecnologici in media occorrono 250 test di qualità e monitoraggio, contro i 50 di un composto chimico tradizionale) può assorbire il 100% delle risorse in fase di start-up e circa 90% del giro d'affari in Italia si deve ancora ad appena 15-20 aziende, con in testa Amgen, Biogen, Genentech e Genzyme, leader mondiale nella ricerca nelle malattie rare. «Ci sono pochi esempi di grande successo economico, mentre il 95% delle imprese è in passivo e vive di sforzi e promesse», rivela Dompé. «Anche all'estero è cosl: è fisiologico nel settore. Le aziende che concentrano il fatturato sono quelle arrivate in anticipo sul mercato e in particolare i grandi gruppi internazionali, soprattutto del made in Usa, che è il Paese-bandiera dello sviluppo dell'economia della conoscenza». Ma le opportunità sono grandi per tutti, se si pensa che le industrie farmaceutiche fanno ricerca insieme a laboratori pubblici e privati e ad altre società, come le imprese biotech. «A livello internazionale, ogni anno più di 50 miliardi di euro in ricerca finanziati dalle industrie farmaceutiche sono investiti al di fuori delle aziende e quindi le società biotech in Italia potrebbero catturarne una parte sempre più consistente», conclude Dompé: «L'Italia ha tutte le potenzialità per entrare in questo mercato».

AVVISI AI NAVIGANTI

in RUBRICHE in MATERIALI NOMINE DICEMBRE 2010

RACCOLTA DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA DAL n. 1087 AL N. 1131 - DELIBERE DI NOMINA DEI DIRETTORI GENERALI DELLE ASL LOMBARDE, DELLE AZIENDE OSPEDALIERE E DELL'AREU (12 M)



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 29 DICEMBRE

DELIBERAZIONE N. 1208 DEL 29.12.2010 "....RELAZIONE SEMESTRALE SUL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI STRATEGICI SISS (LUGLIO – DICEMBRE 2010)"



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 22/23 DICEMBRE


DELIBERAZIONE N. 1019 DEL 22.12.2010 - PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE “MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 30 DICEMBRE 2009, N. 33 (TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI SANITA’)



DELIBERAZIONE N. 1052 DEL 22.12.2010 - APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI DISCIPLINARE D’INCARICO PER L’AFFIDAMENTO A INFRASTRUTTURE S.P.A. DI INTERVENTO RELATIVO ALL’AZIENDA OSPEDALIERA “OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO”.




DELIBERAZIONE N. 1030 DEL 22.12.2010 -DETERMINAZIONI RELATIVE ALLA RETE REGIONALE DI PRENOTAZIONE DI PRESTAZIONI SANITARIE – REVISIONE CORRISPETTIVI



DELIBERAZIONE N. 1045 DEL 22.12.2010 ALBO REGIONALE DEI DIRETTORI DI AZIENDE DI SERVIZI ALLA PERSONA TRIENNIO 2010/2013 DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA DGR N. IX-216/2010



DELIBERAZIONE N. 1054 DEL 23.12.2010 - DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA REALIZZAZIONE DELLA RETE LOMBARDA PER LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) DELIBERAZIONE N. 1085 DEL 23.12.2010 -PROTOCOLLO D’INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA E GLI IRCCS PUBBLICI LOMBARDI PER LA VALORIZZAZIONE E IL RILANCIO DEL CENTRO DI RICERCA SITO IN NERVIANO



21 DICEMBRE 2010

LINK GIUNTA REGIONE LOMBARDIA: D.G.R. N. IX/1009 15.12.2010 - DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA D.G.R. N. IX/189 DEL 30.06.2010 RELATIVA ALL'AGGIORNAMENTO DEGLI ELENCHI DEGLI IDONEI ALLA NOMINA DI DIRETTORE AMMINISTRATIVO, DIRETTORE SANITARIO E DIRETTORE SOCIALE DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE........



LINK DGR 937 (REGOLE 2011)+ALLEGATO 6



LINK DGR 938 (NUOVA DELIBERA IDONEI ALLA NOMINA)



LINK DGR 965 (ADOZIONE PIANO REGIONALE DISABILITA')



LINK DGR 939 (PIANO REGIONALE EDUCAZIONE SANITARIA E ZOOFILA)



LINK DGR 898 (REQUISITI TECNOLOGICI E STRUTTURALI)


DOWNLOAD

DOWNLOAD
OMS EUROPA: Rapporto europeo prevenzione dei maltrattamenti dell'anziano

REGIONE LOMBARDIA

REGIONE LOMBARDIA
CLICCA su immagine X alcune informazioni sul diritto all'esenzione

Trends in maternal mortality: 1990 to 2008

WORLD ALZHEIMER'S DAY 21 SETTEMBRE 2011

Dossier Consiglio Regionale Lombardia Qualità delle azioni regionali di supporto alla famiglia da un punto di vista socio economico. Stato della legislazione regionale e prospettive