LEGGI SCARICA STAMPA

LEGGI SCARICA STAMPA
DOSSIER MEDICINA TERRITORIALE

LINK OECD RAPPORTO POLITICHE SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE

WHO/OMS : Global status report on noncommunicable diseases 2010

INSERIRE EMAIL X RICEVERE INDICE E POST GIORNALIERO

indice sintetico GIORNALIERO


BURL BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE LOMBARDIA LINK CONSULTAZIONE
1 giugno 2011

BATTERIO KILLER, PRIMA VITTIMA NON TEDESCA. FAZIO: "NESSUN PERICOLO CON GIUSTA IGIENE" Italia Sera

Italia Sera di mercoledì 1 giugno 2011, pagina 3


BATTERIO KILLER, PRIMA VITTIMA NON TEDESCA. FAZIO: "NESSUN PERICOLO CON GIUSTA IGIENE"

di Del Buono Fabio

________________________________________

Una donna di 50 anni svedese è morta. In Veneto attivata la sorveglianza sanitaria Batterio killer, prima vittima non tedesca Fazio; "Nessun pericolo con giusta igiene" Una donna svedese di 50 anni è morta in un ospedale dell'area Sud-occidentale del Paese scandinavo, per l'infezione da esche-richia coli che in diverse nazioni d'Europa ha colpito oltre 300 persone provocando 14 decessi, tutti concentrati in Germania. La donna, che probabilmente è stata contagiata proprio durante un soggiorno in Germania, è la prima vittima dell'epidemia al di fuori del Paese. Secondo il ministro della Salute di Amburgo, Pruefer-Storcks non sono i cetrioli spagnoli quelli alla base dell'epidemia provocata dal batterio E.coli in Germania. Dall'Italia arrivano, intanto, rassicurazioni dal ministro della Salute, Fazio: se anche il batterio dovesse arrivare, non si corre il pericolo di infezione rispettando le comuni norme igieniche. "Bisogna le;r ere le etichette -raccomanda- e guardare la provenienza delle verdure. Peri cetrioli die vengono dall'Italia i consumatori non devono temere nulla, quelli di provenienza non italiana devono essere lavati accuratamente, e allora non avranno nulla da temere". Per il ministro "non si può escludere" che la variante di E.coli responsabile dell'epidemia "possa arrivare in Italia. Ma -spiega- poidzé le contaminazioni delle verdure sono esterne, si può escludere che a seguito di lavaggi accurati delle mani, e soprattutto dei prodotti, si possa trasmettere l'infezione". "Nelle ultime 24 ore i nostri uffici hanno ricevuto tre comunicazioni di allerta europee, ma nessuna riguarda l'Italia". Lo ha riferito l'assessore regionale alla sanità, Coletto. "Ia situazione sanitaria legata all'escherichia coli -assicura- è assolutamente tranquilla. Da un lato le Ulss stanno già applicando il protocollo di controllo sulla sintomatologia definito dal ministero della salute; dall'altro il servizio igiene alimentare è in costante contatto con le autoritàsanitarie europee e nazionali, che non segnalano alcun problema per noi, ed ha allertato i suoi servizi territoriali, pronti ad intervenire nel caso di situazioni sospette. Un'ulteriore garanzia è data dall'attività dei Nas dei Carabinieri'.

AVVISI AI NAVIGANTI

in RUBRICHE in MATERIALI NOMINE DICEMBRE 2010

RACCOLTA DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA DAL n. 1087 AL N. 1131 - DELIBERE DI NOMINA DEI DIRETTORI GENERALI DELLE ASL LOMBARDE, DELLE AZIENDE OSPEDALIERE E DELL'AREU (12 M)



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 29 DICEMBRE

DELIBERAZIONE N. 1208 DEL 29.12.2010 "....RELAZIONE SEMESTRALE SUL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI STRATEGICI SISS (LUGLIO – DICEMBRE 2010)"



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 22/23 DICEMBRE


DELIBERAZIONE N. 1019 DEL 22.12.2010 - PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE “MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 30 DICEMBRE 2009, N. 33 (TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI SANITA’)



DELIBERAZIONE N. 1052 DEL 22.12.2010 - APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI DISCIPLINARE D’INCARICO PER L’AFFIDAMENTO A INFRASTRUTTURE S.P.A. DI INTERVENTO RELATIVO ALL’AZIENDA OSPEDALIERA “OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO”.




DELIBERAZIONE N. 1030 DEL 22.12.2010 -DETERMINAZIONI RELATIVE ALLA RETE REGIONALE DI PRENOTAZIONE DI PRESTAZIONI SANITARIE – REVISIONE CORRISPETTIVI



DELIBERAZIONE N. 1045 DEL 22.12.2010 ALBO REGIONALE DEI DIRETTORI DI AZIENDE DI SERVIZI ALLA PERSONA TRIENNIO 2010/2013 DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA DGR N. IX-216/2010



DELIBERAZIONE N. 1054 DEL 23.12.2010 - DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA REALIZZAZIONE DELLA RETE LOMBARDA PER LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) DELIBERAZIONE N. 1085 DEL 23.12.2010 -PROTOCOLLO D’INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA E GLI IRCCS PUBBLICI LOMBARDI PER LA VALORIZZAZIONE E IL RILANCIO DEL CENTRO DI RICERCA SITO IN NERVIANO



21 DICEMBRE 2010

LINK GIUNTA REGIONE LOMBARDIA: D.G.R. N. IX/1009 15.12.2010 - DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA D.G.R. N. IX/189 DEL 30.06.2010 RELATIVA ALL'AGGIORNAMENTO DEGLI ELENCHI DEGLI IDONEI ALLA NOMINA DI DIRETTORE AMMINISTRATIVO, DIRETTORE SANITARIO E DIRETTORE SOCIALE DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE........



LINK DGR 937 (REGOLE 2011)+ALLEGATO 6



LINK DGR 938 (NUOVA DELIBERA IDONEI ALLA NOMINA)



LINK DGR 965 (ADOZIONE PIANO REGIONALE DISABILITA')



LINK DGR 939 (PIANO REGIONALE EDUCAZIONE SANITARIA E ZOOFILA)



LINK DGR 898 (REQUISITI TECNOLOGICI E STRUTTURALI)


DOWNLOAD

DOWNLOAD
OMS EUROPA: Rapporto europeo prevenzione dei maltrattamenti dell'anziano

REGIONE LOMBARDIA

REGIONE LOMBARDIA
CLICCA su immagine X alcune informazioni sul diritto all'esenzione

Trends in maternal mortality: 1990 to 2008

WORLD ALZHEIMER'S DAY 21 SETTEMBRE 2011

Dossier Consiglio Regionale Lombardia Qualità delle azioni regionali di supporto alla famiglia da un punto di vista socio economico. Stato della legislazione regionale e prospettive