LEGGI SCARICA STAMPA

LEGGI SCARICA STAMPA
DOSSIER MEDICINA TERRITORIALE

LINK OECD RAPPORTO POLITICHE SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE

WHO/OMS : Global status report on noncommunicable diseases 2010

INSERIRE EMAIL X RICEVERE INDICE E POST GIORNALIERO

indice sintetico GIORNALIERO


BURL BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE LOMBARDIA LINK CONSULTAZIONE
5 giugno 2011

BATTERIO, FALSI ALLARMI E PSICOSI, ITALIA PRONTA AL PIANO D'EMERGENZA Corriere della Sera

Corriere della Sera di domenica 5 giugno 2011, pagina 26


BATTERIO, FALSI ALLARMI E PSICOSI, ITALIA PRONTA AL PIANO D'EMERGENZA

di De Bac Margherita

Rientrano nella storia delle epidemie i falsi allarmi. Ieri il primo caso sospetto italiano. Un turista tedesco ricoverato all'ospedale di Merano con problemi intestinali. La provenienza e i sintomi hanno fatto subito pensare al batterio responsabile del focolaio in Germania, notizia anticipata dal quotidiano locale Dolomiten. I test specifici hanno però accertato la presenza di un'infezione diversa. Subito escluso invece il sospetto relativo alla morte di una donna di 62 anni portata all'ospedale Gareggi, Firenze, con una diagnosi di gastroenterite. Che dovrà essere confermata dall'autopsia. I due casi sono la spia dell'attenzione con cui anche il nostro sistema sanitario, come il resto dell'Ue, sta monitorando la situazione. Intensificati i controlli da parte delle Asl negli ospedali. I Nas hanno alzato il livello di guardia sugli alimenti. Campioni di salame di cervo, prelevati in Toscana e analizzati su segnalazione dell'Austria, sono risultati negativi. L'origine del batterio sembra localizzata nel nord della Germania e non c'è ragione, al momento, di considerare che anche le nostre verdure possano nascondere l'insidia di contaminazione da Escherichia Coli 104, il ceppo incriminato. Il ministro della Salute Ferruccio Fazio ieri è tornato a tranquillizzare. «In Italia non c'è da preoccuparsi. Si può mangiare verdura cruda senza problemi, lavandola bene. Non c'è mai stata emergenza. Chi è diretto ad Amburgo deve solo prestare maggiore attenzione perché non sappiamo ancora da dove arriva questo germe. Non dovremo sorprenderci se ci saranno italiani infettati di ritorno dalle zone interessate dal focolaio epidemico». Alle autorità tedesche è stato chiesto di effettuare analisi mirate su certi imballaggi utilizzati per il confezionamento di cibi. L'agente infettivo infatti, ha riferito Fazio, potrebbe essere diffuso in modo «trasversale e non essere limitato a un unico alimento». Nonostante il quadro per il momento sia sgombro da rischi si osservano comportamenti ingiustificati, e non nuovi, da parte dei cittadini messi di fronte a un pericolo ipotetico e non ben identificato. Il mercato di ortaggi e legumi è in crisi, il danno economico ammonterebbe a 25 milioni di euro (stima di Coldiretti). In Veneto i danni raggiungono i 600 mila euro al giorno (affermazione del governatore Luca Zaia). Un europeo su 3 ha cambiato dieta (dati Eurobarometro). Le associazioni (Codacons, Federconsumatori) denunciano l'inadeguatezza dei controlli. In realtà da qualche giorno i Nas hanno intensificato l'attività concentrando l'attenzione sui rivenditori di frutta e verdura. L'Oms (Organizzazione mondiale della sanità) non le indica come possibili fonti di infezioni e raccomanda il rispetto di banali regole igieniche. Ministero della Salute e Istituto superiore di Sanità, ciascuno per le rispettive competenze, hanno allertato le società scientifiche (nefrologi, microbiologi e laboratoristi), Regioni, autorità portuali e dogane. Sono state diffuse linee guida con l'indicazione dei test che dovrebbero essere svolti quando ci sono pazienti sospetti. I veterinari dell'associazione nazionali (Anmvi) si stanno preparando ad un eventuale emergenza. Da domani, per tre giorni, si riuniscono a Cremona per simulare un'azione di blocco dei mercati alimentari. I siti www.ministerosalute.it e www.iss.it contengono focus speciali sull'argomento. Il centro di riferimento italiano per l'E.Coli è in contatto con i centri europei e collabora alle analisi.  Si può trasmettere da uomo-uomo? Questo batterio è intestinale e non si trasmette per via aerea, attraverso il respiro e gli starnuti (come ad esempio avviene per il virus dell'influenza). Il passaggio da uomo a uomo si verifica sempre per ingestione di un alimento dunque è necessario che il germe di una persona infetta venga veicolato a una seconda persona da un oggetto contaminato o dalle mani. Il contagio avviene solo se il batterio viene ingerito da un altro soggetto «sano» Gli antibiotici Seu sono efficaci? Sta per sindrome emolitico-uremica: Il fatto che il batterio sia complicanza resistente agli antibiotici, come di un'infezione hanno scoperto i ricercatori, significa intestinale poco o nulla sul piano della diffusione e batterica, del successo delle terapie anche perché sostenuta da questi farmaci non dovrebbero essere ceppi di E.Coli utilizzati per trattare le infezioni intestinali. Il motivo è semplice: in questo caso aumenterebbero (anzi) l'aggressività dell'Escherichia coli che produce una tossina molto dannosa per il rene Possono far male frutta e verdura crude? Frutta e verdura possono essere consumate anche crude, dopo un accurato lavaggio che dovrebbe essere sempre la prima regola in cucina. Le indagini di laboratorio non hanno per il momento supportato l'ipotesi dei vegetali contaminati quale fonte di infezione in Germania. Comunque anche il ministero della Sanità, per maggiore sicurezza, consiglia al consumatore di verificare l'origine italiana degli ortaggi

AVVISI AI NAVIGANTI

in RUBRICHE in MATERIALI NOMINE DICEMBRE 2010

RACCOLTA DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA DAL n. 1087 AL N. 1131 - DELIBERE DI NOMINA DEI DIRETTORI GENERALI DELLE ASL LOMBARDE, DELLE AZIENDE OSPEDALIERE E DELL'AREU (12 M)



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 29 DICEMBRE

DELIBERAZIONE N. 1208 DEL 29.12.2010 "....RELAZIONE SEMESTRALE SUL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI STRATEGICI SISS (LUGLIO – DICEMBRE 2010)"



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 22/23 DICEMBRE


DELIBERAZIONE N. 1019 DEL 22.12.2010 - PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE “MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 30 DICEMBRE 2009, N. 33 (TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI SANITA’)



DELIBERAZIONE N. 1052 DEL 22.12.2010 - APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI DISCIPLINARE D’INCARICO PER L’AFFIDAMENTO A INFRASTRUTTURE S.P.A. DI INTERVENTO RELATIVO ALL’AZIENDA OSPEDALIERA “OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO”.




DELIBERAZIONE N. 1030 DEL 22.12.2010 -DETERMINAZIONI RELATIVE ALLA RETE REGIONALE DI PRENOTAZIONE DI PRESTAZIONI SANITARIE – REVISIONE CORRISPETTIVI



DELIBERAZIONE N. 1045 DEL 22.12.2010 ALBO REGIONALE DEI DIRETTORI DI AZIENDE DI SERVIZI ALLA PERSONA TRIENNIO 2010/2013 DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA DGR N. IX-216/2010



DELIBERAZIONE N. 1054 DEL 23.12.2010 - DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA REALIZZAZIONE DELLA RETE LOMBARDA PER LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) DELIBERAZIONE N. 1085 DEL 23.12.2010 -PROTOCOLLO D’INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA E GLI IRCCS PUBBLICI LOMBARDI PER LA VALORIZZAZIONE E IL RILANCIO DEL CENTRO DI RICERCA SITO IN NERVIANO



21 DICEMBRE 2010

LINK GIUNTA REGIONE LOMBARDIA: D.G.R. N. IX/1009 15.12.2010 - DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA D.G.R. N. IX/189 DEL 30.06.2010 RELATIVA ALL'AGGIORNAMENTO DEGLI ELENCHI DEGLI IDONEI ALLA NOMINA DI DIRETTORE AMMINISTRATIVO, DIRETTORE SANITARIO E DIRETTORE SOCIALE DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE........



LINK DGR 937 (REGOLE 2011)+ALLEGATO 6



LINK DGR 938 (NUOVA DELIBERA IDONEI ALLA NOMINA)



LINK DGR 965 (ADOZIONE PIANO REGIONALE DISABILITA')



LINK DGR 939 (PIANO REGIONALE EDUCAZIONE SANITARIA E ZOOFILA)



LINK DGR 898 (REQUISITI TECNOLOGICI E STRUTTURALI)


DOWNLOAD

DOWNLOAD
OMS EUROPA: Rapporto europeo prevenzione dei maltrattamenti dell'anziano

REGIONE LOMBARDIA

REGIONE LOMBARDIA
CLICCA su immagine X alcune informazioni sul diritto all'esenzione

Trends in maternal mortality: 1990 to 2008

WORLD ALZHEIMER'S DAY 21 SETTEMBRE 2011

Dossier Consiglio Regionale Lombardia Qualità delle azioni regionali di supporto alla famiglia da un punto di vista socio economico. Stato della legislazione regionale e prospettive