LEGGI SCARICA STAMPA

LEGGI SCARICA STAMPA
DOSSIER MEDICINA TERRITORIALE

LINK OECD RAPPORTO POLITICHE SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE

WHO/OMS : Global status report on noncommunicable diseases 2010

INSERIRE EMAIL X RICEVERE INDICE E POST GIORNALIERO

indice sintetico GIORNALIERO


BURL BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE LOMBARDIA LINK CONSULTAZIONE
31 maggio 2011

UN'ONCOLOGIA DA GALANTUOMINI Sole 24 Ore Sanita'

Sole 24 Ore Sanita' di martedì 31 maggio 2011, pagina 12


UN'ONCOLOGIA DA GALANTUOMINI

di Fasola Gianpiero

________________________________________

L'oncologia ha superato le malattie cardiovascolari come prima causa di morte in un Paese europeo, l'Olanda (nel 2008 33.900 persone morte per cancro contro 33.100 di malattie cardiovascolari) e se le tendenze in atto si consolideranno, i tumori potrebbero diventare la prima causa di morte nel mondo occidentale. Un dato allarmante, che se unito al secondo fenomeno, quello dell'aumento dei costi (negli Stati Uniti la spesa per le cure oncologiche è cresciuta da 27 miliardi di dollari nel 1990 a oltre 90 miliardi di dollari nel 2008: un incremento di oltre due volte anche se aggiustato per l'inflazione) ci pone davanti a un bivio importante tra razionalizzazione e razionamento delle risorse.

I costi crescenti, legati ai nuovi farmaci e all'incremento del numero di pazienti seguiti, impongono sempre più appropria-tezza, non solo nella scelta dei trattamenti ma più in generale nell'utilizzo delle risorse. L'oncologia è stata negli ultimi 10 anni protagonista di importanti innovazioni, sia nel campo della terapia sia in quello dell'organizzazione delle cure oncologiche. Pensiamo alla rivoluzione dei farmaci biologici - costosissimi - che hanno, in alcuni casi, migliorato in maniera radicale la prospettiva dei pazienti e al grande impegno con il quale l'orcologia italiana ha affrontato alcuni problemi emergenti, dalla presa in carico complessiva di un numero crescente di pazienti (una maggior sopravvivenza sta generando l'effetto paradossale di un carico crescente di attività sulle strutture oncologiche, ospedali e distretti), allo sviluppo dell'area delle cure palliative, alle innovazioni introdotte con l'Aifa per far fronte al fortissimo aumento dei costi dei trattamenti.

Razionalizzazione, dicevo, che si può attuare, ad esempio, nell'utilizzo dei costosissimi farmaci a bersaglio molecolare con una maggior diffusione della far-macogenetica, che ne studia l'efficacia tenendo conto del patrimonio genetico del singolo individuo, o attraverso tre altri ambiti: una progettazione accurata dei percorsi diagnostico-assistenziali e terapeutici, un maggior utilizzo delle metodiche di "health technology assessment" e una più estesa informatizzazione (anche questo è un campo nel quale l'oncologia italiana ha innovato molto senza però un piano generale che integrasse le innovazioni).

La comunità scientifica si interroga sempre più spesso su quale sia la soglia del beneficio per un paziente e quale sia il corretto rapporto tra i costi da sostenere e il beneficio atteso. E per costi non intendiamo solo quelli economici ma anche quelli che il paziente sopporta per gli effetti delle terapie o per il fatto di essere "legato" a una struttura sanitaria È importante considerare di più la qualità della vita e sforzarci di capire qual sia l'attitudine del paziente che ci sta davanti: la personalizzazione può intendersi anche in questo senso. Da questo punto di vista il XV Congresso nazionale Cipomo si sforza di fare alcune proposte nella gestione dei percorsi diagnostico-terapeutici, nel più appropriato utilizzo dei farmaci, nel rapporto con i medici di famiglia per i pazienti che eseguono solo controlli, e sono potenzialmente guariti, e in altri campi.

Queste proposte vengono discusse anche con i rappresentanti delle istituzioni. Servono risorse economiche, ma servono anche ingegno, programmazione, capacità di innovazione, un approccio etico e relazionale a questi temi. Serve la capacità di indi-rizzare i pazienti nel loro percorso all'interno della struttura evitando le ridondanze. Il dirigente ospedaliero deve saper ingegnerizzare questi processi per inseguire il miglior risultato complessivo. Il Cipomo ha favorito l'evoluzione culturale dei primari e il diffondersi di quelle competenze manageriali senza le quali è oggi impossibile dirigere un reparto. Crescono continuamente il numero di visite oncologiche, il numero di trattamenti prescritti; aumenta il numero di pazienti con neoplasie che accede ai Pronto soccorso per complicanze o che ha bisogno dei servizi di assistenza domiciliare, cresce anche l'impiego delle tecnologie ad alto costo (ad esempio la Pet), la prevalenza (il numero di pazienti vivi con una diagnosi di neoplasia) ma cresce anche la cltura manageriale dei dirigenti, che responsabilmente si fanno carico della gestione delle risorse avendo ben presente che non sono infinitamente espansibili. Proponiamo alle istituzioni un patto tra galantuomini: noi ci impegniamo a seguire con sempre maggior rigore l'oncologia basata sull'evidenza; chiediamo in cambio che chi ci governa segua con altrettanto rigore politiche di organizzazione dei servizi basate sull'evidenza. Condivido un'affermazione di Gray e Ricciardi: "La sanità del XX secolo è stata dominata dai medici e dai concetti di efficacia ed efficienza. La sanità del XXI secolo sarà dominata dai pazienti e dal concetto di valore".

* Portavoce dei XV Congresso Cipomo e direttore Dipartimento di oncologia Aou S. Maria della Misericordia - Udine

AVVISI AI NAVIGANTI

in RUBRICHE in MATERIALI NOMINE DICEMBRE 2010

RACCOLTA DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA DAL n. 1087 AL N. 1131 - DELIBERE DI NOMINA DEI DIRETTORI GENERALI DELLE ASL LOMBARDE, DELLE AZIENDE OSPEDALIERE E DELL'AREU (12 M)



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 29 DICEMBRE

DELIBERAZIONE N. 1208 DEL 29.12.2010 "....RELAZIONE SEMESTRALE SUL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI STRATEGICI SISS (LUGLIO – DICEMBRE 2010)"



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 22/23 DICEMBRE


DELIBERAZIONE N. 1019 DEL 22.12.2010 - PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE “MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 30 DICEMBRE 2009, N. 33 (TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI SANITA’)



DELIBERAZIONE N. 1052 DEL 22.12.2010 - APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI DISCIPLINARE D’INCARICO PER L’AFFIDAMENTO A INFRASTRUTTURE S.P.A. DI INTERVENTO RELATIVO ALL’AZIENDA OSPEDALIERA “OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO”.




DELIBERAZIONE N. 1030 DEL 22.12.2010 -DETERMINAZIONI RELATIVE ALLA RETE REGIONALE DI PRENOTAZIONE DI PRESTAZIONI SANITARIE – REVISIONE CORRISPETTIVI



DELIBERAZIONE N. 1045 DEL 22.12.2010 ALBO REGIONALE DEI DIRETTORI DI AZIENDE DI SERVIZI ALLA PERSONA TRIENNIO 2010/2013 DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA DGR N. IX-216/2010



DELIBERAZIONE N. 1054 DEL 23.12.2010 - DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA REALIZZAZIONE DELLA RETE LOMBARDA PER LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) DELIBERAZIONE N. 1085 DEL 23.12.2010 -PROTOCOLLO D’INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA E GLI IRCCS PUBBLICI LOMBARDI PER LA VALORIZZAZIONE E IL RILANCIO DEL CENTRO DI RICERCA SITO IN NERVIANO



21 DICEMBRE 2010

LINK GIUNTA REGIONE LOMBARDIA: D.G.R. N. IX/1009 15.12.2010 - DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA D.G.R. N. IX/189 DEL 30.06.2010 RELATIVA ALL'AGGIORNAMENTO DEGLI ELENCHI DEGLI IDONEI ALLA NOMINA DI DIRETTORE AMMINISTRATIVO, DIRETTORE SANITARIO E DIRETTORE SOCIALE DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE........



LINK DGR 937 (REGOLE 2011)+ALLEGATO 6



LINK DGR 938 (NUOVA DELIBERA IDONEI ALLA NOMINA)



LINK DGR 965 (ADOZIONE PIANO REGIONALE DISABILITA')



LINK DGR 939 (PIANO REGIONALE EDUCAZIONE SANITARIA E ZOOFILA)



LINK DGR 898 (REQUISITI TECNOLOGICI E STRUTTURALI)


DOWNLOAD

DOWNLOAD
OMS EUROPA: Rapporto europeo prevenzione dei maltrattamenti dell'anziano

REGIONE LOMBARDIA

REGIONE LOMBARDIA
CLICCA su immagine X alcune informazioni sul diritto all'esenzione

Trends in maternal mortality: 1990 to 2008

WORLD ALZHEIMER'S DAY 21 SETTEMBRE 2011

Dossier Consiglio Regionale Lombardia Qualità delle azioni regionali di supporto alla famiglia da un punto di vista socio economico. Stato della legislazione regionale e prospettive