LEGGI SCARICA STAMPA

LEGGI SCARICA STAMPA
DOSSIER MEDICINA TERRITORIALE

LINK OECD RAPPORTO POLITICHE SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE

WHO/OMS : Global status report on noncommunicable diseases 2010

INSERIRE EMAIL X RICEVERE INDICE E POST GIORNALIERO

indice sintetico GIORNALIERO


BURL BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE LOMBARDIA LINK CONSULTAZIONE
24 maggio 2011

TOMMASO SI SALVERÀ. MEDICI OTTIMISTI DOPO IL TRAPIANTO-BIS Stampa Torino

Stampa Torino di martedì 24 maggio 2011, pagina 67


TOMMASO SI SALVERÀ. MEDICI OTTIMISTI DOPO IL TRAPIANTO-BIS

di Accossato Marco-Laugeri Claudio

________________________________________

I papà e la mamma di Tommaso finalmente sorridono. Le condizioni del figlioletto di 9 mesi migliorano. Questa volta il trapianto sembra andato a buon fine. Nel cuore, nelle parole di Andrea Rolandi e della moglie Nikoletta c'è la gratitudine per i genitori di Elena, che hanno autorizzato l'espianto degli organi della bimba di 22 mesi morta ad Ancona dopo esser stata dimenticata in auto dal padre: lei non è riuscita a sopravvivere, ma ha ridato speranza ad altri bambini e ad altre famiglie. E così è stato.

«Siamo abbastanza ottimisti» dice il professor Mauro Salizzoni, a capo dell'équipe di specialisti che sabato ha trapiantato su Tommaso il fegato di Elena. E' un gruppo di medici di altissimo livello, che riunisce competenze particolari. Come quella di operare bimbi dell'età di Tommaso: «Intervenire su un bambino che pesa 5 chili comporta l'applicazione di principi diversi da quelli messi in atto per operare una persona di 50 o 60 - spiega il professor Salizzoni -. I tessuti sono diversi, ma anche le arterie, potrei paragonarle per dimensioni a spaghetti finissimi».

Tommaso è ricoverato nel reparto di terapia intensiva per i trapianti di fegato. «E' intubato, una scelta obbligata. Da sveMigliora il bimbo salvato dal fegato di Elena glio sarebbe portato ad agitarsi e sarebbe difficile praticare le so potrà tornare a casa. cure necessarie», aggiunge il primario. E' alimentato attraverso flebo, riceve dosaggi vari di immuno-soppressori e antibiotici, un macchinario provvede a regolare la respirazione. «Normale prassi, dopo questo tipo di operazione», tranquillizza il professor Salizzoni.

L'operazione che ha salvato Tommaso è stata un «ri-trapianto», perla precisione. Il secondo intervento in meno di 24 ore, proprio nel giorno in cui il ministero della Salute ha comunicato alle Molinette che giovedì il ministro Ferruccio Fazio premierà l'ospedale di corso Bramante come primo centro trapianti d'Italia. Una cerimonia in occasione della presentazione della Giornata Nazionale perla Donazione e Trapianto di Organi. La difficoltà dell'intervento per salvare Tommaso «era legata all'organo da trapiantare - spiega il primario -. Le dimensioni di un fegato destinato a un bambino non possono essere le stesse di quello prelevato da un adulto». Era necessario utilizzare una porzione di organo, oppure ridurre a dimensioni minime il fegato di un adulto. Oppure la terza opzione: trapiantare il fegato di un bimbo della stessa età di Tommaso o poco più grande. La soluzione che ha salvato il bimbo di Savona è arrivata quando ormai le speranze di salvezza era ridotte al lumicino. Aveva 12 ore di vita o poco più. Sei le ha passate in sala operatoria.

AVVISI AI NAVIGANTI

in RUBRICHE in MATERIALI NOMINE DICEMBRE 2010

RACCOLTA DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA DAL n. 1087 AL N. 1131 - DELIBERE DI NOMINA DEI DIRETTORI GENERALI DELLE ASL LOMBARDE, DELLE AZIENDE OSPEDALIERE E DELL'AREU (12 M)



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 29 DICEMBRE

DELIBERAZIONE N. 1208 DEL 29.12.2010 "....RELAZIONE SEMESTRALE SUL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI STRATEGICI SISS (LUGLIO – DICEMBRE 2010)"



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 22/23 DICEMBRE


DELIBERAZIONE N. 1019 DEL 22.12.2010 - PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE “MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 30 DICEMBRE 2009, N. 33 (TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI SANITA’)



DELIBERAZIONE N. 1052 DEL 22.12.2010 - APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI DISCIPLINARE D’INCARICO PER L’AFFIDAMENTO A INFRASTRUTTURE S.P.A. DI INTERVENTO RELATIVO ALL’AZIENDA OSPEDALIERA “OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO”.




DELIBERAZIONE N. 1030 DEL 22.12.2010 -DETERMINAZIONI RELATIVE ALLA RETE REGIONALE DI PRENOTAZIONE DI PRESTAZIONI SANITARIE – REVISIONE CORRISPETTIVI



DELIBERAZIONE N. 1045 DEL 22.12.2010 ALBO REGIONALE DEI DIRETTORI DI AZIENDE DI SERVIZI ALLA PERSONA TRIENNIO 2010/2013 DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA DGR N. IX-216/2010



DELIBERAZIONE N. 1054 DEL 23.12.2010 - DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA REALIZZAZIONE DELLA RETE LOMBARDA PER LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) DELIBERAZIONE N. 1085 DEL 23.12.2010 -PROTOCOLLO D’INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA E GLI IRCCS PUBBLICI LOMBARDI PER LA VALORIZZAZIONE E IL RILANCIO DEL CENTRO DI RICERCA SITO IN NERVIANO



21 DICEMBRE 2010

LINK GIUNTA REGIONE LOMBARDIA: D.G.R. N. IX/1009 15.12.2010 - DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA D.G.R. N. IX/189 DEL 30.06.2010 RELATIVA ALL'AGGIORNAMENTO DEGLI ELENCHI DEGLI IDONEI ALLA NOMINA DI DIRETTORE AMMINISTRATIVO, DIRETTORE SANITARIO E DIRETTORE SOCIALE DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE........



LINK DGR 937 (REGOLE 2011)+ALLEGATO 6



LINK DGR 938 (NUOVA DELIBERA IDONEI ALLA NOMINA)



LINK DGR 965 (ADOZIONE PIANO REGIONALE DISABILITA')



LINK DGR 939 (PIANO REGIONALE EDUCAZIONE SANITARIA E ZOOFILA)



LINK DGR 898 (REQUISITI TECNOLOGICI E STRUTTURALI)


DOWNLOAD

DOWNLOAD
OMS EUROPA: Rapporto europeo prevenzione dei maltrattamenti dell'anziano

REGIONE LOMBARDIA

REGIONE LOMBARDIA
CLICCA su immagine X alcune informazioni sul diritto all'esenzione

Trends in maternal mortality: 1990 to 2008

WORLD ALZHEIMER'S DAY 21 SETTEMBRE 2011

Dossier Consiglio Regionale Lombardia Qualità delle azioni regionali di supporto alla famiglia da un punto di vista socio economico. Stato della legislazione regionale e prospettive