LEGGI SCARICA STAMPA

LEGGI SCARICA STAMPA
DOSSIER MEDICINA TERRITORIALE

LINK OECD RAPPORTO POLITICHE SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE

WHO/OMS : Global status report on noncommunicable diseases 2010

INSERIRE EMAIL X RICEVERE INDICE E POST GIORNALIERO

indice sintetico GIORNALIERO


BURL BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE LOMBARDIA LINK CONSULTAZIONE
21 maggio 2011

PANCIA PIATTA, CHE OSSESSIONE Stampa

Stampa di venerdì 20 maggio 2011, pagina 33


PANCIA PIATTA, CHE OSSESSIONE

di Salemi Roselina

________________________________________

La prova costume è uno dei più crudeli riti tribali, e non importa serati)cato in solitudine. E terribile lo stesso. Perciò si moltiplicano le offerte al dio della Pancia Piatta che capricciosamente si nega ai suoi fedeli. Diete di tutti i tipi, programmi di «remise en forme», massaggi, palestra selvaggia e avide consultazioni di manuali come quello, vendutissimo, di Tosca Reno, guru trainer di Madonna, Nicole Kidman, Halle Berry e Sharon Stone (appena uscito in Italia da Piemme con il titolo, confortante «Oggi è meglio di ieri») possono deludere. Adesso c'è una community digitale interattiva (www.nestle-fitness. com/it) che ha come coach d'eccezione la showgirl Rossella Brescia, «il corpo più in forma d'Italia», beata lei. Cliccate e troverete, oltre a una filosofia del benessere fisico e mentale, un metodo (1,2,3 Pancia Piatta) e una serie di videoesercizi per tonificare gli addominali. Un club, una scuola che si propone di educare a uno stile di vita sano ma non punitivo, che alla fine avrà come risultato gioioso quello di guardarsi allo specchio e piacersi un po' di più. Ma la pancia resta un'ossessione. Il gesto di spogliarsi (via i maglioni e i vestitini larghi astutamente inventati dagli stilisti) non è priI nemici giurati Snack, spuntini notturni davanti alla tv, pranzi trangugiati in fretta e soprattutto i superalcolici «happy hour» vo di conseguenze e il sondaggio via web su 512 donne conferma l'angoscia collettiva. Soltanto il 3 per cento dichiara di essere «assolutamente pronta per l'estate». Sei su dieci la mettono al primo posto nei fattori di stress pre-vacanza e se ne preoccupano più che delle gambe o dei fianchi. Come faranno? Il 21 per cento rinuncerà al bikini, il 40 porterà un pareo-tenda, il 13 non andrà al mare, il 10 salterà il pranzo. Sul tornare in forma sono tutte d'accordo: l'opzione «non mi interessa» totalizza lo zero per cento. E la preoccupazione sale. Gli uomini la prendono meglio. Tre su dieci hanno un programma dieta-palestra per perdere cinque chili in un mese (ci sono moltissimi metodi, alcuni veramente sadici), quattro su dieci ricominciano a correre la mattina presto. I più avanzati fanno ricorso al trainer motivazionale (come nel reality «Una famiglia a dieta» su Fox) perché da soli non riescono né a muoversi di più né a mangiare meno. E i pigri-prigrissimi ricorrono al Bodymax, un corsetto rinforzato per lui, messo in vendita in Inghilterra con un certo successo all'inizio di quest'anno. Eppure, almeno in teoria, basta eliminare un elenco di cattive abitudini molto comuni, segnalate dal nutrizionista Nicola Sorrentino: caffè veloce e basta invece della colazione la mattina, snack divorati in ufficio senza badare alle calorie, cena abbondante, vaschette di gelato davanti alla tivù, spuntini notturni per placare l'ansia; e non dimentichiamo l'interminabile happy hour con i suoi insidiosi niattini. Facile a dirsi ma non a farsi, se dalle interviste dell'indagine Multiscopo dell'Istat viene fuori che gli italiani con qualche chilo in più (soprattutto uomini) sono passati dal 33,9 al 36,1 per cento, mentre una ricerca di Hbsc-Italia (Health Behaviour in School-aged Children) su 4000 ragazzi dimostra che comportamenti alimentari sbagliati (alcol, zuccheri e pochissima frutta e verdura) cominciano già tra gli 11 e i 15 anni. Per fortuna ci viene in soccorso la psicologa e psicoterapeuta Alessandra Lancellotti, che ha individuato il trinomio vincente: «Allenamento fisico regolare per produrre endorfine e quindi buonumore, alimentazione equilibrata per perdere peso, approccio mentale sereno», per scoprire, alla fine del programma, che la pancia piatta migliora anche l'autostima. E la prova-costume diventa meno crudele. Coraggio. GRASSO IN CRESCITA Secondo I'Istat gli italiani sovl appeso sono passati dal 33,9 a.136,1 per cento I NUOVI RIMEDI Sempre più popolare la dieta-palestra, anche con il trainer motivazionale  II decalogo Il risveglio Dev'essere lento. Non saltare subito giù dal letto. Medita 5 minuti e decidi quando ritagliare mezzora tutta per te La colazione Niente abbuffate stile «full english breakfast» ma nemmeno un caffè e via. L'ideale? Frutta e cereali integrali Lo stretching Fai alcuni esercizi di allungamento prima di iniziare la giornata:20 minuti, altrimenti 10 e altrettanti quando puoi I pasti Rispetta la regola del 5: tre pasti più due spuntini al giorno. Non è vero che il girovita cala saltando colazionee pranzo La frutta Mangiane più che puoi, e anche la verdura: va bene tutta, a foglia o non, di qualsiasi colore. È la regola dell'arcobaleno La costanza Per formare un'abitudine servono tre settimane. Datti un obiettivo non ambiziosc e perseguilo Lo sport Corri ascoltando la musica con le cuffiette. Cerca di associare attività sportiva a emozioni positive. Ti peserà di meno In gruppo Trova altre persone con cui condividere lo sport: in gruppo si ottengono sempre risultati migliori Gli addominali Per tonificarli fai 30 minuti di esercizi per 5 volte la settimana. Sostengono la schiena e donano alla silhouette Il premio Ogni tanto concediti qualche piccola trasgressione: sarà il tuo premio per aver seguito la tabella di marcia

AVVISI AI NAVIGANTI

in RUBRICHE in MATERIALI NOMINE DICEMBRE 2010

RACCOLTA DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA DAL n. 1087 AL N. 1131 - DELIBERE DI NOMINA DEI DIRETTORI GENERALI DELLE ASL LOMBARDE, DELLE AZIENDE OSPEDALIERE E DELL'AREU (12 M)



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 29 DICEMBRE

DELIBERAZIONE N. 1208 DEL 29.12.2010 "....RELAZIONE SEMESTRALE SUL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI STRATEGICI SISS (LUGLIO – DICEMBRE 2010)"



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 22/23 DICEMBRE


DELIBERAZIONE N. 1019 DEL 22.12.2010 - PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE “MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 30 DICEMBRE 2009, N. 33 (TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI SANITA’)



DELIBERAZIONE N. 1052 DEL 22.12.2010 - APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI DISCIPLINARE D’INCARICO PER L’AFFIDAMENTO A INFRASTRUTTURE S.P.A. DI INTERVENTO RELATIVO ALL’AZIENDA OSPEDALIERA “OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO”.




DELIBERAZIONE N. 1030 DEL 22.12.2010 -DETERMINAZIONI RELATIVE ALLA RETE REGIONALE DI PRENOTAZIONE DI PRESTAZIONI SANITARIE – REVISIONE CORRISPETTIVI



DELIBERAZIONE N. 1045 DEL 22.12.2010 ALBO REGIONALE DEI DIRETTORI DI AZIENDE DI SERVIZI ALLA PERSONA TRIENNIO 2010/2013 DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA DGR N. IX-216/2010



DELIBERAZIONE N. 1054 DEL 23.12.2010 - DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA REALIZZAZIONE DELLA RETE LOMBARDA PER LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) DELIBERAZIONE N. 1085 DEL 23.12.2010 -PROTOCOLLO D’INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA E GLI IRCCS PUBBLICI LOMBARDI PER LA VALORIZZAZIONE E IL RILANCIO DEL CENTRO DI RICERCA SITO IN NERVIANO



21 DICEMBRE 2010

LINK GIUNTA REGIONE LOMBARDIA: D.G.R. N. IX/1009 15.12.2010 - DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA D.G.R. N. IX/189 DEL 30.06.2010 RELATIVA ALL'AGGIORNAMENTO DEGLI ELENCHI DEGLI IDONEI ALLA NOMINA DI DIRETTORE AMMINISTRATIVO, DIRETTORE SANITARIO E DIRETTORE SOCIALE DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE........



LINK DGR 937 (REGOLE 2011)+ALLEGATO 6



LINK DGR 938 (NUOVA DELIBERA IDONEI ALLA NOMINA)



LINK DGR 965 (ADOZIONE PIANO REGIONALE DISABILITA')



LINK DGR 939 (PIANO REGIONALE EDUCAZIONE SANITARIA E ZOOFILA)



LINK DGR 898 (REQUISITI TECNOLOGICI E STRUTTURALI)


DOWNLOAD

DOWNLOAD
OMS EUROPA: Rapporto europeo prevenzione dei maltrattamenti dell'anziano

REGIONE LOMBARDIA

REGIONE LOMBARDIA
CLICCA su immagine X alcune informazioni sul diritto all'esenzione

Trends in maternal mortality: 1990 to 2008

WORLD ALZHEIMER'S DAY 21 SETTEMBRE 2011

Dossier Consiglio Regionale Lombardia Qualità delle azioni regionali di supporto alla famiglia da un punto di vista socio economico. Stato della legislazione regionale e prospettive