LEGGI SCARICA STAMPA

LEGGI SCARICA STAMPA
DOSSIER MEDICINA TERRITORIALE

LINK OECD RAPPORTO POLITICHE SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE

WHO/OMS : Global status report on noncommunicable diseases 2010

INSERIRE EMAIL X RICEVERE INDICE E POST GIORNALIERO

indice sintetico GIORNALIERO


BURL BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE LOMBARDIA LINK CONSULTAZIONE
25 maggio 2011

RISPOSTE FACOLTATIVE E DATI ANONIMI Italia Oggi

Italia Oggi di mercoledì 25 maggio 2011, pagina 30


RISPOSTE FACOLTATIVE E DATI ANONIMI

di Ciccia Antonio

________________________________________

Risposte facoltative e dati anonimi ispondere ai questionari e facoltativo e i risultati vanno diffusi solo in forma anonima o aggregata: queste le regole principali della customer satisfaction sanitaria. Il Garante della privacy ha fissato un do-decalogo per gli organismi sanitari pubblici (asl e ospedali) e privati, quando svolgono indagini sulla qualità dei servizi sanitari offerti ai cittadini. Fa parte di apposite Linee Guida (provvedimento n. 182 del 5 maggio 2011, pubblicato sulla Gazzetta. Ufficiale di oggi 25 maggio 2011). Alle linee guida è allegato un modello di informativa da fornire agli intervistati. Innanzi tutto non c'è alcun obbligo di rispondere ai questionari. I sondaggi per verificare la customer satisfaction degli assistiti si possono effettuare per telefono, per posta, per email, tramite questionari cartacei o form su siti istituzionali; le domande possono riguardare esclusivamente informazioni sulla qualità del servizio (accoglienza, tempi di attesa, informazioni ricevute, comfort della struttura), senza entrare nella valutazione degli aspetti sanitari delle prestazioni e delle cure erogate. Passando al dodecalogo, in primo luogo si deve ridurre al minimo l'utilizzo di dati personali e di dati identificativi degli utenti in relazione agli scopi del sondaggio e nel rispetto del principio di necessità (questionari nominativi solo se necessario). Nelle successive fasi di elaborazione e di memorizzazione dei dati raccolti bisogna adottare cautele volte ad impedire l'identificazione degli interessati. La terza regola impone il rispetto del principio di indispensabilità nell'utilizzo di dati idonei a rivelare lo stato di salute degli utenti: l'indispensabilità si valuta in base al conseguimento degli scopi del sondaggio. In ogni caso vigono il divieto di utilizzare dati idonei a rivelare la vita sessuale e il divieto di utilizzare i dati personali raccolti per profilare gli utenti, anche al fine di invio di materiale promozionale relativo a prodotti o servizi. Una prescrizione specifica per gli organismi sanitari pubblici impone l'osservanza dei regolamenti adottati specificamente per il trattamento dei dati sensibili Per le regioni deve essere osservato il divieto di raccogliere dati direttamente identificativi degli utenti: le regioni, infatti, non erogano direttamente servizi sanitari. Gli assessorati regionali alla sanità, possono condurre direttamente indagini di customer satisfaction anche in collaborazione con le aziende sanitarie, ma a condizione di raccogliere soltanto dati anonimi o, comunque, non direttamente identificativi degli utenti. Gli organismi sanitari privati devono previamente acquisire il consenso degli utenti e devono osservare le prescrizioni delle autorizzazioni generali del Garante n. 2/2009 e 5/2009. I soggetti esterni, che collaborano all'indagine, poi, devono essere designati responsabili del trattamento; mentre va designato come incaricato del trattamento il personale preposto alla somministrazione del questionario, impartendo opportune istruzioni nel caso di indagini effettuate mediante interviste telefoniche. Agli interessati va fornita l'informativa sul modello di quella elaborata dal Garante e allegata alle linee guida.

AVVISI AI NAVIGANTI

in RUBRICHE in MATERIALI NOMINE DICEMBRE 2010

RACCOLTA DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA DAL n. 1087 AL N. 1131 - DELIBERE DI NOMINA DEI DIRETTORI GENERALI DELLE ASL LOMBARDE, DELLE AZIENDE OSPEDALIERE E DELL'AREU (12 M)



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 29 DICEMBRE

DELIBERAZIONE N. 1208 DEL 29.12.2010 "....RELAZIONE SEMESTRALE SUL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI STRATEGICI SISS (LUGLIO – DICEMBRE 2010)"



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 22/23 DICEMBRE


DELIBERAZIONE N. 1019 DEL 22.12.2010 - PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE “MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 30 DICEMBRE 2009, N. 33 (TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI SANITA’)



DELIBERAZIONE N. 1052 DEL 22.12.2010 - APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI DISCIPLINARE D’INCARICO PER L’AFFIDAMENTO A INFRASTRUTTURE S.P.A. DI INTERVENTO RELATIVO ALL’AZIENDA OSPEDALIERA “OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO”.




DELIBERAZIONE N. 1030 DEL 22.12.2010 -DETERMINAZIONI RELATIVE ALLA RETE REGIONALE DI PRENOTAZIONE DI PRESTAZIONI SANITARIE – REVISIONE CORRISPETTIVI



DELIBERAZIONE N. 1045 DEL 22.12.2010 ALBO REGIONALE DEI DIRETTORI DI AZIENDE DI SERVIZI ALLA PERSONA TRIENNIO 2010/2013 DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA DGR N. IX-216/2010



DELIBERAZIONE N. 1054 DEL 23.12.2010 - DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA REALIZZAZIONE DELLA RETE LOMBARDA PER LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) DELIBERAZIONE N. 1085 DEL 23.12.2010 -PROTOCOLLO D’INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA E GLI IRCCS PUBBLICI LOMBARDI PER LA VALORIZZAZIONE E IL RILANCIO DEL CENTRO DI RICERCA SITO IN NERVIANO



21 DICEMBRE 2010

LINK GIUNTA REGIONE LOMBARDIA: D.G.R. N. IX/1009 15.12.2010 - DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA D.G.R. N. IX/189 DEL 30.06.2010 RELATIVA ALL'AGGIORNAMENTO DEGLI ELENCHI DEGLI IDONEI ALLA NOMINA DI DIRETTORE AMMINISTRATIVO, DIRETTORE SANITARIO E DIRETTORE SOCIALE DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE........



LINK DGR 937 (REGOLE 2011)+ALLEGATO 6



LINK DGR 938 (NUOVA DELIBERA IDONEI ALLA NOMINA)



LINK DGR 965 (ADOZIONE PIANO REGIONALE DISABILITA')



LINK DGR 939 (PIANO REGIONALE EDUCAZIONE SANITARIA E ZOOFILA)



LINK DGR 898 (REQUISITI TECNOLOGICI E STRUTTURALI)


DOWNLOAD

DOWNLOAD
OMS EUROPA: Rapporto europeo prevenzione dei maltrattamenti dell'anziano

REGIONE LOMBARDIA

REGIONE LOMBARDIA
CLICCA su immagine X alcune informazioni sul diritto all'esenzione

Trends in maternal mortality: 1990 to 2008

WORLD ALZHEIMER'S DAY 21 SETTEMBRE 2011

Dossier Consiglio Regionale Lombardia Qualità delle azioni regionali di supporto alla famiglia da un punto di vista socio economico. Stato della legislazione regionale e prospettive