LEGGI SCARICA STAMPA

LEGGI SCARICA STAMPA
DOSSIER MEDICINA TERRITORIALE

LINK OECD RAPPORTO POLITICHE SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE

WHO/OMS : Global status report on noncommunicable diseases 2010

INSERIRE EMAIL X RICEVERE INDICE E POST GIORNALIERO

indice sintetico GIORNALIERO


BURL BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE LOMBARDIA LINK CONSULTAZIONE
26 maggio 2011

QUEI PRESTITI A VERDINI DA 15 MILIONI Corriere della Sera

Corriere della Sera di giovedì 26 maggio 2011, pagina 13


QUEI PRESTITI A VERDINI DA 15 MILIONI

di Gerevini Mario

________________________________________

 Il coordinatore nazionale del Pdl, Denis Verdini, 6o anni, ha rimborsato senza tirar fuori un euro il suo imbarazzante debito milionario con il Credito Cooperativo Fiorentino, la banca di cui era padre padrone. I soldi, però, non glieli ha prestati un'altra banca. Ad aprire il portafoglio è stato il compagno di partito Antonio Angelucci, 66 anni. Cioè il benestante deputato con la Ferrari gialla, proprietario con la famiglia di un impero nella sanità, nonché dei quotidiani Libero e Il Riformista. Dal conto corrente 34942 intestato all'imprenditore presso la banca Ubi filiale di Roma 5 è partito un bonifico di 5.077.115,34 euro a favore del Credito Cooperativo Fiorentino per saldare il debito residuo di Verdini e, soprattutto, di sua moglie, Simonetta Fossombroni. Angelucci ha anche concesso ai coniugi un finanziamento da io milioni. Ignoto il tasso d'interesse, ammesso che ci sia e che non sia «politico». Nel 2o10 l'imprenditore dichiarò al fisco redditi per 6,1 milioni, risultando il secondo più ricco di Montecitorio dopo Silvio Berlusconi (4o milioni). La generosità e lo spirito di partito hanno tuttavia un limite: il re delle cliniche romane si è portato a casa un'ipoteca di primo grado su una proprietà immobiliare dei Verdini (con vigneti e oliveti) alle porte di Firenze e un'uguale garanzia sulla loro villa nel Chianti, a San Casciano in Val di Pesa, circondata da 43mila metri quadrati di «bosco ceduo, oliveti e vigneti». Una splendida posizione, quasi sicuramente, e una seconda o una terza casa: «Ma qui i Verdini li vediamo poco — dice un vicino —, più che altro d'estate e qualche volta nei weekend». Poco più in là — dicono — c'è la casa di Maurizio Zamparini, presidente del Palermo Calcio: una reggia più che una casa, con 300 metri di vialetto d'ingresso tra i cipressi. I documenti del catasto fabbricati del Comune di San Casciano confermano l'operazione Verdini-Angelucci. Il coordinatore del Pdl si dev'essere comunque tolto un peso. Dopo la bufera dell'inchiesta «Grandi Eventi», con la scoperta che il Credito Fiorentino aveva erogato decine di milioni di prestiti alle società di Riccardo Fusi, ex patron della Btp e amico di Verdini, la situazione era radicalmente cambiata. Un conto è avere un debito (originario) di 7,5 milioni con la banca di cui sei presidente, nella quale c'è il tuo avvocato e i tuoi amici in cda e il tuo commercialista nel collegio sindacale: è un po' come essere debitore di te stesso. Altra cosa è essere totalmente fuori dalla banca e sentire il fiato «sulle caviglie» dei commissari straordinari di Bankitalia. Cioè quella specie di dobermann della finanza incaricati di difendere il patrimonio e raddrizzare la piccola banca di Campi di Bisenzio che Verdini aveva impostato come fosse la Bank of America. Non è escluso che il rientro di Verdini dal suo debito sia stato imposto proprio dai commissari Angelo Prova-soli e Virgilio Fenaroli. Il finanziamento originario, in valuta e a medio termine, era stato erogato dal Credito Fiorentino alla moglie del suo presidente nel dicembre 2o06 per l'importo di 7,5 milioni con garanzie dichiarate per 15 milioni. Cioè quei beni immobili, quei terreni e quote societarie che Angelucci da tre mesi ha ipotecato o pignorato. In effetti, però, non è molto evidente la qualità di uno dei beni a garanzia «dell'esatta — si legge nei documenti — e puntuale restituzione del finanziamento» da io milioni. Si tratta del pegno sul 100% della Montarti-no srl. Dai bilanci emerge ben poco della consistenza patrimoniale di questa società che potrebbe possedere, a costo storico, oltre ai già citati vigneti e oliveti alle porte di Firenze, anche un'altra residenza che svetta su una collina. All'interno della proprietà c'è un campo da calcio in erba dove il figlio di Verdini organizza tornei di calcio a 5, chiamando a raccolta gli amici dal sito internet della Montartino Cup. Tutto sommato perla famiglia Verdini è cambiato poco. Ieri, se la moglie fosse stata inadempiente quando lui era presidente della banca, che cosa sarebbe successo? Le avrebbero mandato a casa l'ufficiale giudiziario? Le avrebbero portato via la casa nel Chianti? Improbabile. Oggi, un deputato ricco del Pdl si è sostituito alla banca. E Verdini con Sandro Bondi e Ignazio La Russa è uno dei tre coordinatori nazionali del partito.

AVVISI AI NAVIGANTI

in RUBRICHE in MATERIALI NOMINE DICEMBRE 2010

RACCOLTA DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA DAL n. 1087 AL N. 1131 - DELIBERE DI NOMINA DEI DIRETTORI GENERALI DELLE ASL LOMBARDE, DELLE AZIENDE OSPEDALIERE E DELL'AREU (12 M)



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 29 DICEMBRE

DELIBERAZIONE N. 1208 DEL 29.12.2010 "....RELAZIONE SEMESTRALE SUL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI STRATEGICI SISS (LUGLIO – DICEMBRE 2010)"



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 22/23 DICEMBRE


DELIBERAZIONE N. 1019 DEL 22.12.2010 - PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE “MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 30 DICEMBRE 2009, N. 33 (TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI SANITA’)



DELIBERAZIONE N. 1052 DEL 22.12.2010 - APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI DISCIPLINARE D’INCARICO PER L’AFFIDAMENTO A INFRASTRUTTURE S.P.A. DI INTERVENTO RELATIVO ALL’AZIENDA OSPEDALIERA “OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO”.




DELIBERAZIONE N. 1030 DEL 22.12.2010 -DETERMINAZIONI RELATIVE ALLA RETE REGIONALE DI PRENOTAZIONE DI PRESTAZIONI SANITARIE – REVISIONE CORRISPETTIVI



DELIBERAZIONE N. 1045 DEL 22.12.2010 ALBO REGIONALE DEI DIRETTORI DI AZIENDE DI SERVIZI ALLA PERSONA TRIENNIO 2010/2013 DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA DGR N. IX-216/2010



DELIBERAZIONE N. 1054 DEL 23.12.2010 - DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA REALIZZAZIONE DELLA RETE LOMBARDA PER LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) DELIBERAZIONE N. 1085 DEL 23.12.2010 -PROTOCOLLO D’INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA E GLI IRCCS PUBBLICI LOMBARDI PER LA VALORIZZAZIONE E IL RILANCIO DEL CENTRO DI RICERCA SITO IN NERVIANO



21 DICEMBRE 2010

LINK GIUNTA REGIONE LOMBARDIA: D.G.R. N. IX/1009 15.12.2010 - DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA D.G.R. N. IX/189 DEL 30.06.2010 RELATIVA ALL'AGGIORNAMENTO DEGLI ELENCHI DEGLI IDONEI ALLA NOMINA DI DIRETTORE AMMINISTRATIVO, DIRETTORE SANITARIO E DIRETTORE SOCIALE DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE........



LINK DGR 937 (REGOLE 2011)+ALLEGATO 6



LINK DGR 938 (NUOVA DELIBERA IDONEI ALLA NOMINA)



LINK DGR 965 (ADOZIONE PIANO REGIONALE DISABILITA')



LINK DGR 939 (PIANO REGIONALE EDUCAZIONE SANITARIA E ZOOFILA)



LINK DGR 898 (REQUISITI TECNOLOGICI E STRUTTURALI)


DOWNLOAD

DOWNLOAD
OMS EUROPA: Rapporto europeo prevenzione dei maltrattamenti dell'anziano

REGIONE LOMBARDIA

REGIONE LOMBARDIA
CLICCA su immagine X alcune informazioni sul diritto all'esenzione

Trends in maternal mortality: 1990 to 2008

WORLD ALZHEIMER'S DAY 21 SETTEMBRE 2011

Dossier Consiglio Regionale Lombardia Qualità delle azioni regionali di supporto alla famiglia da un punto di vista socio economico. Stato della legislazione regionale e prospettive