LEGGI SCARICA STAMPA

LEGGI SCARICA STAMPA
DOSSIER MEDICINA TERRITORIALE

LINK OECD RAPPORTO POLITICHE SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE

WHO/OMS : Global status report on noncommunicable diseases 2010

INSERIRE EMAIL X RICEVERE INDICE E POST GIORNALIERO

indice sintetico GIORNALIERO


BURL BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE LOMBARDIA LINK CONSULTAZIONE
21 maggio 2011

PROCESSO ALLE PATATE Corriere della Sera

Corriere della Sera di venerdì 20 maggio 2011, pagina 33


PROCESSO ALLE PATATE

di Cavalli Giovanni

________________________________________

 Il nemico pubblico numero i del girovita medio americano sono loro. Gli «spuds». Ovvero (in slang) le patate. Ne è convinto il governo federale che le ha messe sulla lista nera degli alimenti. E vorrebbe eliminarle dalle mense scolastiche in favore di vegetali più sani. Riporta il Wall Street Journal che il Dipartimento dell'Agricoltura intende bandirle dalla colazione e limitarle a pranzo. Razionando hash browns (frittelle), mashed potatoes (purè al burro) e soprattutto le french fries (patatine fritte). Maine e Idaho, i maggiori produttori, sono in allarme. La senatrice Susan Collins si è presentata in aula con una patata in una mano e un cespo di lattuga nell'altra sostenendo che la prima ha il doppio di vitamina C: «Dunque cos'ha il dipartimento contro questo spud?», ha chiesto ufficialmente. Il processo alle patate è aperto. I nutrizionisti italiani partecipano al dibattimento. Filippo Ongaro, vicepresidente dell'Associazione italiana medici antiaging (antietà), ex medico degli astronauti, invoca i principi della nutrigenomica, che studia gli effetti dei cibi sui processi cellulari e accusa: «La patata è un alimento inutile. Aveva senso in tempi di povertà, perché sazia e costa poco. Non apporta tante calorie, vero, ma ha un alto indice di glicemia che costringe il pancreas a produrre insulina». Ongaro, autore di Mangia che ti passa per Piemme, sostiene che il tubero in questione «è tutto carboidrati, pochissima vitamina C, poche fibre e sali minerali». La colloca al vertice della piramide alimentare. «Non sono necessarie, al massimo vanno consumate una o due volte alla settimana, mai con la pasta e il pane. A parità di calorie, molto meglio le verdure». Nel collegio dei difensori siede invece il professor Giorgio Calabrese, docente di Nutrizione umana alla Cattolica di Piacenza: «Le patate non sono così colpevoli, contengono una buona dose di potassio, che fa bene ai muscoli e al cuore, e l'amido, zucchero complesso che dà gradevolezza, sazietà ed energia senza appesantire. Il problema degli americani è che le mangiano solo fritte. Mi arrabbio con quelle mamme che le considerano una verdura. Non lo sono. Però al forno, alla griglia, lesse, sono un ottimo alimento per i bambini. Gli mettano accanto carote, pomodori, del lattughino e vedranno come i loro figli impareranno a mangiare sano». E si intenerisce citando «la patata di Ispica, vicino Ragusa. Dura tre mesi. Una bontà». Premette che in campo alimentare è bene non prendere consigli dagli americani «che non ne azzeccano una», Lorenzo Donini, professore di Scienza dell'alimentazione alla Sapienza. «La patata non è un alimento particolarmente ricco di vitamine e aminoacidi nobili, però fa parte della nostra tradizione e non è nemmeno tanto ingrassante: dalle 6o alle 85 calorie per ioo grammi». E qui si consolano i produttori italiani: il raccolto annuale, secondo la Cia (confederazione agricoltori), è di 2 milioni di tonnellate. Il tubero non deve diventare, spiega Donini, «un capro espiatorio di una società obesogena, il cui vero problema è la sedentarietà e la dieta ricca di alimenti di origine animale. Un paio di volte alla settimana si può portare in tavola». Ricorda il celebre chef Filippo La Mantia che «in Sicilia si dice: chi mangia pane e patate non muore mai. La patata è la principessa della tavola, fa bene, si presta a centinaia di ricette, io la amo». Lui ci fa pure il panino: «Con insalatina, capperetto, acciughina e olio crudo, una delizia. Un mondo senza patate non si può pensare, sarebbe tristissimo».

AVVISI AI NAVIGANTI

in RUBRICHE in MATERIALI NOMINE DICEMBRE 2010

RACCOLTA DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA DAL n. 1087 AL N. 1131 - DELIBERE DI NOMINA DEI DIRETTORI GENERALI DELLE ASL LOMBARDE, DELLE AZIENDE OSPEDALIERE E DELL'AREU (12 M)



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 29 DICEMBRE

DELIBERAZIONE N. 1208 DEL 29.12.2010 "....RELAZIONE SEMESTRALE SUL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI STRATEGICI SISS (LUGLIO – DICEMBRE 2010)"



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 22/23 DICEMBRE


DELIBERAZIONE N. 1019 DEL 22.12.2010 - PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE “MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 30 DICEMBRE 2009, N. 33 (TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI SANITA’)



DELIBERAZIONE N. 1052 DEL 22.12.2010 - APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI DISCIPLINARE D’INCARICO PER L’AFFIDAMENTO A INFRASTRUTTURE S.P.A. DI INTERVENTO RELATIVO ALL’AZIENDA OSPEDALIERA “OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO”.




DELIBERAZIONE N. 1030 DEL 22.12.2010 -DETERMINAZIONI RELATIVE ALLA RETE REGIONALE DI PRENOTAZIONE DI PRESTAZIONI SANITARIE – REVISIONE CORRISPETTIVI



DELIBERAZIONE N. 1045 DEL 22.12.2010 ALBO REGIONALE DEI DIRETTORI DI AZIENDE DI SERVIZI ALLA PERSONA TRIENNIO 2010/2013 DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA DGR N. IX-216/2010



DELIBERAZIONE N. 1054 DEL 23.12.2010 - DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA REALIZZAZIONE DELLA RETE LOMBARDA PER LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) DELIBERAZIONE N. 1085 DEL 23.12.2010 -PROTOCOLLO D’INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA E GLI IRCCS PUBBLICI LOMBARDI PER LA VALORIZZAZIONE E IL RILANCIO DEL CENTRO DI RICERCA SITO IN NERVIANO



21 DICEMBRE 2010

LINK GIUNTA REGIONE LOMBARDIA: D.G.R. N. IX/1009 15.12.2010 - DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA D.G.R. N. IX/189 DEL 30.06.2010 RELATIVA ALL'AGGIORNAMENTO DEGLI ELENCHI DEGLI IDONEI ALLA NOMINA DI DIRETTORE AMMINISTRATIVO, DIRETTORE SANITARIO E DIRETTORE SOCIALE DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE........



LINK DGR 937 (REGOLE 2011)+ALLEGATO 6



LINK DGR 938 (NUOVA DELIBERA IDONEI ALLA NOMINA)



LINK DGR 965 (ADOZIONE PIANO REGIONALE DISABILITA')



LINK DGR 939 (PIANO REGIONALE EDUCAZIONE SANITARIA E ZOOFILA)



LINK DGR 898 (REQUISITI TECNOLOGICI E STRUTTURALI)


DOWNLOAD

DOWNLOAD
OMS EUROPA: Rapporto europeo prevenzione dei maltrattamenti dell'anziano

REGIONE LOMBARDIA

REGIONE LOMBARDIA
CLICCA su immagine X alcune informazioni sul diritto all'esenzione

Trends in maternal mortality: 1990 to 2008

WORLD ALZHEIMER'S DAY 21 SETTEMBRE 2011

Dossier Consiglio Regionale Lombardia Qualità delle azioni regionali di supporto alla famiglia da un punto di vista socio economico. Stato della legislazione regionale e prospettive