LEGGI SCARICA STAMPA

LEGGI SCARICA STAMPA
DOSSIER MEDICINA TERRITORIALE

LINK OECD RAPPORTO POLITICHE SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE

WHO/OMS : Global status report on noncommunicable diseases 2010

INSERIRE EMAIL X RICEVERE INDICE E POST GIORNALIERO

indice sintetico GIORNALIERO


BURL BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE LOMBARDIA LINK CONSULTAZIONE
19 maggio 2011

POLICLINICO IN TILT. MEDICI IN AFFANNO PER I DOPPI TURNI - TURNI E CANTIERI: CAOS-POLICLINICO Sole 24 Ore Lombardia

Sole 24 Ore Lombardia di mercoledì 18 maggio 2011, pagina 1


POLICLINICO IN TILT. MEDICI IN AFFANNO PER I DOPPI TURNI - TURNI E CANTIERI: CAOS-POLICLINICO

di Sperandio Silvia

________________________________________

Policlinico in tilt Medici in affanno per i doppi turni L'ospedale più antico di Milano sta per trasformarsi in un enorme cantiere. Il primo a partire è il pronto soccorso, che a giugno dovrebbe trasferirsi in un prefabbricato. Poi cominceranno le altre demolizioni in vista del nuovo ospedale nei 2015. Ai disagi del cantiere si aggiungono i super turni dei medici e un monte ferie da smaltire che vale 6 milioni di euro. Sperandio • pagina 7 Turni e cantieri: caos-Policlinico La Cgil: anche 19 giorni senza riposo -11 monte ferie vale 6 milioni di curo 235,7 milioni ncosto. E la spesa da sostenere per costruire il building centrale f.111 A1i0 Silvia Sparandio La terra giallo ocra sprofonda in un'ampia voragine dietro il vecchio padiglione Guardia del Policlinico. Dopo sette annidi ritardi, stop and go e lungaggini burocratiche, il cantiere del pronto soccorso si è finalmente riaperto. Quest'estate, secondo i programmi, le ruspe entreranno in azione per demolire ciò che resta degli edifici ormai fatiscenti che si affacciano sul grande cratere. Per entrare nel nuovo padiglione Guardia, però, bisognerà aspettare almeno due anni, spiegano dalla direzione dell'ospedale. Si annunciano, dunque, mesi e mesi di lavori durante i quali il flusso delle emergenze non potrà arrestarsi ma dovrà continuare al ritmo attuale che è di 5omila accessi l'anno. Per questo, l'intera attività verrà presto trasferita in un Le ruspe in anone. Sono ripartiti i lavori per il nuovo pronto soccorso che costerà 30,7 milioni di euro prefabbricato allestito ad hoc. Uno spostamento temporaneo che servirà a consentire lo svolgimento dei lavori. Poi, in futuro, la struttura verrà utilizzata anche per i successivi interventi di riqualificazione che entro il 2015 dovrebbero trasformare il volto dell'ospedale più antico di Milano (si veda l'altro articolo in pagina). Ma i disagi per il personale - in tutto 3.600 dipendenti, con 900 medici e zmila infermieri- saranno inevitabili. Soprattutto in una situazione già bollente per i ritmi e l'organizzazione del lavoro: anni di ferie arretrate e super turni dei camici bianchi nelle aree più critiche dell'ospedale. Monte ferie da 6 milioni «Si annuncia una fase difficile, per due anni vivremo in condizioni stressanti, con variabili non facilmente prevedibili- afferma Bruno Zecca, dottore del pronto soccorso e rappresentante Cgil medici del Policlinico -. A tutto questo si aggiunge una situazione pesante dal punto di vista dell'organizzazione del lavoro: in primis c'è il residuo delle ferie di medici, infermieri e tecnici Un monte ferie che l'azienda ha quantificato in sei milioni di euro. Una cifra record. Ci sono servizi, come la geriatria, che per smaltire le ferie dovrebbero chiudere al pubblico per almeno due mesi». Il tema, decisamente complesso, è stato affrontato insieme da sindacati e vertici aziendali, ed è stato sottoscritto un documento comune che indica gli obiettivi da raggiungere. «Il problema è reale - dice il direttore generale Luigi Macchi, in carica dal luglio scorso -e si è stratificato negli anni: ora, d'accordo con i sindacati, puntiamo a uno smaltimento graduale del3o% delle ferie nel prossimo triennio». Ma non è questo l'unico tema caldo sul tappeto. In un ospedale che sta per trasformarsi in un enorme cantiere, pesano anche i turni di guardia in alcuni reparti, in primis il pronto soccorso. Turn over esasperati «La realtà è a macchia di leopardo, e riguarda 'anche le emergenze- dice il responsabile Cgil -. Qualche esempio? Ci sono medici che hanno lavorato ininterrottamente per 19 giorni; altri che in due settimane hanno fatto 3 o 4 turni di notte. In pratica, questo vuol dire lavorare per dodici ore e poi, di mattina, fare il giro di visite dei pazienti Alla fine il turno è durato sedici ore». Una questione scottante, soprattutto perché si tratta di aree ad alto rischio clinico, dove il confine tra la vita e la morte di una persona dipende in gran parte dalla lucidità e dalla rapidità decisionale degli operatori sanitari. È possibile quantificare con esattezza questo fenomeno? «A noi risulta che in alcuni reparti il 30% dei medici lavori 5o-60 ore settimanali, a fronte di un contratto che ne prevede 38 - sottolinea Zecca -. Per questo abbiamo chiesto alla direzione di fornirci il totale delle ore timbrate per ogni uni-tàoperativa. Ma ancora non abbiamo risposta». Secondo la Cgil, il problema deriva da carenze organizzative mai risolte nel corso degli anni. «In passato abbiamo sollevato questo tema senza poter arrivare a un punto fermo. Ora, con la nuova direzione, abbiamo avviato un dialogo anche su questo». «La Cgil avrà i dati richiesti - replica il direttore generale dell'ospedale - perché l'impostazione che abbiamo dato è tesa alla massima trasparenza». slIvia.sperandio@ilsole24ore.com 900 I camici bianchi Il totale dei dottori che lavorano all'ospedale Maggiore di Milano 2mila Gli infermieri Il numero complessivo del personale infermieristico in forza al Policlinico 3.600 I dipendenti Le persone contrattualizzate all'ospedale Maggiore 30,7 milioni Il nuovo pronto soccorso Ilcosto per riqualificare il padiglione Guardia 3(.)mila Accessi al pronto soccorso È la media annuale delle emergenze 6 milioni Il valore del monte ferie Il dato quantificato dalla direzione per il residuo 900 I posti letto Il totale previsto perla nuova Fondazione Ca' Granda

AVVISI AI NAVIGANTI

in RUBRICHE in MATERIALI NOMINE DICEMBRE 2010

RACCOLTA DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA DAL n. 1087 AL N. 1131 - DELIBERE DI NOMINA DEI DIRETTORI GENERALI DELLE ASL LOMBARDE, DELLE AZIENDE OSPEDALIERE E DELL'AREU (12 M)



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 29 DICEMBRE

DELIBERAZIONE N. 1208 DEL 29.12.2010 "....RELAZIONE SEMESTRALE SUL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI STRATEGICI SISS (LUGLIO – DICEMBRE 2010)"



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 22/23 DICEMBRE


DELIBERAZIONE N. 1019 DEL 22.12.2010 - PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE “MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 30 DICEMBRE 2009, N. 33 (TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI SANITA’)



DELIBERAZIONE N. 1052 DEL 22.12.2010 - APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI DISCIPLINARE D’INCARICO PER L’AFFIDAMENTO A INFRASTRUTTURE S.P.A. DI INTERVENTO RELATIVO ALL’AZIENDA OSPEDALIERA “OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO”.




DELIBERAZIONE N. 1030 DEL 22.12.2010 -DETERMINAZIONI RELATIVE ALLA RETE REGIONALE DI PRENOTAZIONE DI PRESTAZIONI SANITARIE – REVISIONE CORRISPETTIVI



DELIBERAZIONE N. 1045 DEL 22.12.2010 ALBO REGIONALE DEI DIRETTORI DI AZIENDE DI SERVIZI ALLA PERSONA TRIENNIO 2010/2013 DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA DGR N. IX-216/2010



DELIBERAZIONE N. 1054 DEL 23.12.2010 - DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA REALIZZAZIONE DELLA RETE LOMBARDA PER LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) DELIBERAZIONE N. 1085 DEL 23.12.2010 -PROTOCOLLO D’INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA E GLI IRCCS PUBBLICI LOMBARDI PER LA VALORIZZAZIONE E IL RILANCIO DEL CENTRO DI RICERCA SITO IN NERVIANO



21 DICEMBRE 2010

LINK GIUNTA REGIONE LOMBARDIA: D.G.R. N. IX/1009 15.12.2010 - DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA D.G.R. N. IX/189 DEL 30.06.2010 RELATIVA ALL'AGGIORNAMENTO DEGLI ELENCHI DEGLI IDONEI ALLA NOMINA DI DIRETTORE AMMINISTRATIVO, DIRETTORE SANITARIO E DIRETTORE SOCIALE DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE........



LINK DGR 937 (REGOLE 2011)+ALLEGATO 6



LINK DGR 938 (NUOVA DELIBERA IDONEI ALLA NOMINA)



LINK DGR 965 (ADOZIONE PIANO REGIONALE DISABILITA')



LINK DGR 939 (PIANO REGIONALE EDUCAZIONE SANITARIA E ZOOFILA)



LINK DGR 898 (REQUISITI TECNOLOGICI E STRUTTURALI)


DOWNLOAD

DOWNLOAD
OMS EUROPA: Rapporto europeo prevenzione dei maltrattamenti dell'anziano

REGIONE LOMBARDIA

REGIONE LOMBARDIA
CLICCA su immagine X alcune informazioni sul diritto all'esenzione

Trends in maternal mortality: 1990 to 2008

WORLD ALZHEIMER'S DAY 21 SETTEMBRE 2011

Dossier Consiglio Regionale Lombardia Qualità delle azioni regionali di supporto alla famiglia da un punto di vista socio economico. Stato della legislazione regionale e prospettive