LEGGI SCARICA STAMPA

LEGGI SCARICA STAMPA
DOSSIER MEDICINA TERRITORIALE

LINK OECD RAPPORTO POLITICHE SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE

WHO/OMS : Global status report on noncommunicable diseases 2010

INSERIRE EMAIL X RICEVERE INDICE E POST GIORNALIERO

indice sintetico GIORNALIERO


BURL BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE LOMBARDIA LINK CONSULTAZIONE
19 maggio 2011

MAGGIORANZA E UDC FORZANO I TEMPI ALLA CAMERA

Manifesto di mercoledì 18 maggio 2011, pagina 7


MAGGIORANZA E UDC FORZANO I TEMPI ALLA CAMERA - BIOTESTAMENTO, LA MAGGIORANZA HA FRETTA

di Lancari Leo

________________________________________

Presentati più di 2.500 emendamenti, si punta a licenziare il testo di legge entro giovedì Leo Lancarl ROMA per la maggioranza è un argomento di campagna elettorale anche questo e c'è da giurare che lo sfrutterà tutto. E non solo la maggioranza. Con Pdl e Lega, infatti, anche l'Udc punta a usare il testamento biologico come argomento forte per accaparrarsi il voto dei cattolici. Sulla pelle, viene da dire, di tutti gli altri. II biotestamento, così come previsto dal ddl Calabrò approvato dal Senato il 26 marzo del 2010, approda oggi nell'aula di Montecitorio per la discussione finale, mentre fuori dal palazzo a partire dal pomeriggio i medici della Cgil insieme a numerose associazioni terranno un sit in per protestare contro «una legge che impone ai medici di non rispettare la volontà dei cittadini». I tempi della discussione verranno fissati dalla riunione dei capigruppo prevista sempre per oggi, ma governo e maggioranza hanno già anticipato di voler fare in fretta. Salvo sorprese, dunque, al massimo giovedì l'aula potrebbe licenziare definitivamente il testo in modo da poter sfruttare la nuova legge in vista del ballottaggi. «C'è un clima di crociata integralista», denuncia Nichi Vendola lamenla maggioranza ha fretta tando l'impossibilità di poter svolgere una discussione ragionevole su un argomento così delicato. «Personalmente - prosegue il leader di Sel - vorrei essere libero di decidere come oltrepassare la 'linea d'ombra' e non trovarmi prigioniero di un accanimento terapeutico che non rispetta la mia idea della vita». «Una legge pessima - gli fa eco Antonio Palagiano, responsabile sanità dell'Italia dei valori - che viola apertamente i diritti sanciti dalla nostra Costituzione». L'ultimo colpo che peggiora ulte. dormente un testo di per sé già discutibile, è arrivato ieri in commissione Affari sociali con l'approvazione di un emendamento presentato dal capogruppo del Pdl Luca Barani che svuota ulteriormente il testo stabilendo come il paziente possa dare solo un orientamento al suo medico perché gli vengano evitate terapie mediche «sproporzionate o sperimentali». Un limite per altro già previsto dalla legge. E come se non bastasse un altro paletto alla legge arriva da un secondo emendamento di Barani che restringe ancora di più la platea di chi potrà usufruire del biotestamento, limitandola a chi abbia perso «in modo permanente» le capacità di intendere e di volere. «A questo punto andando dal medico si può solo dare una indicazione sauisitamente orientativa», accusa la democratica Donata Lenzi. «La maggioranza la smetta di prenderci in giro e dica che non vuole la legge». Salvo modifiche al calendario l'aula dovrà esaminare in poco più di un giorno più di 2.500 emendamenti presentati dai vari gruppi. «Dall'aula mi aspetto un atteggiamento positivo, anche dall'opposizione, anche da chi non ha fede e si muove secondo principi di etica comune», dice il relatore Domenico Di Virgilio (Pdl). Di atteggiamenti responsabili, per la verità, fino a questo momento la maggioranza non ne ha fatti vedere molti, cercando anzi di limitare al massimo il dibattito e imponendo le sue scelte grazie anche al sostegno dell'Udc. Tra i punti della legge più discussi c'è il mancato riconoscimento di alimentazione e idratazione come terapie, che però potranno essere sospese se dovessero risultare dannose per il paziente, l'obbligo di esprimere le Dat, le Dichiarazioni anticipate di trattamento, solo in maniera scritta o dattiloscritta e con la firma autografata del paziente (esclusi quindi i video e le ricostruzioni postume) e la libertà di decisione per il medico curante, il quale potrà ignorare la Dat del paziente e decidere secondo la sua volontà, prescindendo anche dal parere espresso dal collegio dei medici. Tutti vincoli lontani anni luce dalle richieste avanzate in questi anni da quanti vorrebbero libera scelta su come terminare la propria vita. «Questo governo ha speculato su un tema delicatissimo - corn-menta Palagiano - usurpando il ruolo del Parlamento e calpestando la dignità di quanti, nel nostro Paese, invocano una legge sul biotestamento degna di questo nome».

AVVISI AI NAVIGANTI

in RUBRICHE in MATERIALI NOMINE DICEMBRE 2010

RACCOLTA DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA DAL n. 1087 AL N. 1131 - DELIBERE DI NOMINA DEI DIRETTORI GENERALI DELLE ASL LOMBARDE, DELLE AZIENDE OSPEDALIERE E DELL'AREU (12 M)



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 29 DICEMBRE

DELIBERAZIONE N. 1208 DEL 29.12.2010 "....RELAZIONE SEMESTRALE SUL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI STRATEGICI SISS (LUGLIO – DICEMBRE 2010)"



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 22/23 DICEMBRE


DELIBERAZIONE N. 1019 DEL 22.12.2010 - PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE “MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 30 DICEMBRE 2009, N. 33 (TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI SANITA’)



DELIBERAZIONE N. 1052 DEL 22.12.2010 - APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI DISCIPLINARE D’INCARICO PER L’AFFIDAMENTO A INFRASTRUTTURE S.P.A. DI INTERVENTO RELATIVO ALL’AZIENDA OSPEDALIERA “OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO”.




DELIBERAZIONE N. 1030 DEL 22.12.2010 -DETERMINAZIONI RELATIVE ALLA RETE REGIONALE DI PRENOTAZIONE DI PRESTAZIONI SANITARIE – REVISIONE CORRISPETTIVI



DELIBERAZIONE N. 1045 DEL 22.12.2010 ALBO REGIONALE DEI DIRETTORI DI AZIENDE DI SERVIZI ALLA PERSONA TRIENNIO 2010/2013 DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA DGR N. IX-216/2010



DELIBERAZIONE N. 1054 DEL 23.12.2010 - DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA REALIZZAZIONE DELLA RETE LOMBARDA PER LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) DELIBERAZIONE N. 1085 DEL 23.12.2010 -PROTOCOLLO D’INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA E GLI IRCCS PUBBLICI LOMBARDI PER LA VALORIZZAZIONE E IL RILANCIO DEL CENTRO DI RICERCA SITO IN NERVIANO



21 DICEMBRE 2010

LINK GIUNTA REGIONE LOMBARDIA: D.G.R. N. IX/1009 15.12.2010 - DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA D.G.R. N. IX/189 DEL 30.06.2010 RELATIVA ALL'AGGIORNAMENTO DEGLI ELENCHI DEGLI IDONEI ALLA NOMINA DI DIRETTORE AMMINISTRATIVO, DIRETTORE SANITARIO E DIRETTORE SOCIALE DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE........



LINK DGR 937 (REGOLE 2011)+ALLEGATO 6



LINK DGR 938 (NUOVA DELIBERA IDONEI ALLA NOMINA)



LINK DGR 965 (ADOZIONE PIANO REGIONALE DISABILITA')



LINK DGR 939 (PIANO REGIONALE EDUCAZIONE SANITARIA E ZOOFILA)



LINK DGR 898 (REQUISITI TECNOLOGICI E STRUTTURALI)


DOWNLOAD

DOWNLOAD
OMS EUROPA: Rapporto europeo prevenzione dei maltrattamenti dell'anziano

REGIONE LOMBARDIA

REGIONE LOMBARDIA
CLICCA su immagine X alcune informazioni sul diritto all'esenzione

Trends in maternal mortality: 1990 to 2008

WORLD ALZHEIMER'S DAY 21 SETTEMBRE 2011

Dossier Consiglio Regionale Lombardia Qualità delle azioni regionali di supporto alla famiglia da un punto di vista socio economico. Stato della legislazione regionale e prospettive