LEGGI SCARICA STAMPA

LEGGI SCARICA STAMPA
DOSSIER MEDICINA TERRITORIALE

LINK OECD RAPPORTO POLITICHE SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE

WHO/OMS : Global status report on noncommunicable diseases 2010

INSERIRE EMAIL X RICEVERE INDICE E POST GIORNALIERO

indice sintetico GIORNALIERO


BURL BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE LOMBARDIA LINK CONSULTAZIONE
30 maggio 2011

L'OLANDA VIETA AI TURISTI GLI SPINELLI NEI COFFEE SHOP

Repubblica di lunedì 30 maggio 2011, pagina 47


L'OLANDA VIETA AI TURISTI GLI SPINELLI NEI COFFEE SHOP

di Tarquini Andrea

________________________________________

Tramonta in Olanda un mito-simbolo che, nel bene e nel male, segnò la cultura giovanile della fine del ventesimo secolo: i coffee shop, i locali celebri o famigerati a seconda delle opinioni in cui dagli anni Settanta puoi entrare e ordinare marijuana o hashish come un cappuccino, non saranno più locali pubblici. Dovranno trasformarsi in club privati e saranno vietati ai visitatori stranieri. Il governo conservatore del premier Rutte, piegandosi al pressing della destra radicale di Geerd wlders, ha varato una severa legge antidroga, che appunto pone duri limiti anche ai coffee shop. E che alla fine dell'estate entrerà in vigore. Con queste vacanze estive imminenti, dunque, comincia l'ultima stagione di fumo di fatto libero di droghe leggere per chiunque visiti Amsterdam. Poi, addio al col turismo dello spinello tra Grachten e canali. Finisce così, sullo sfondo della generale svolta a destra olandese, unemblemadellaculturadellaGedoogd, quell'idea di paziente tolleranza verso chi senza disturbarti vive a modo suo, anche con abitudini anticonformiste e che fanno storcere il naso ai benpensanti. Un'idea che dal dopoguerra, e soprattutto dalla fine degli anni Sessanta, aveva fatto dell'Olanda un simbolo e un paradiso dei desideri di piccoli paradisi proibiti di generazioni di giovani e meno giovani. Piccoli paradisi proibiti come appunto le droghe leggere: finora in Olanda possesso e consumo di hashish o marijuana non erano auto- L'opposizione protesta: gli unici che ci guadagnano con questa stretta sono gli spacciatori rizzati esplicitamente, ma comunauetollerati entro certi limiti: nei coffee shop potevano essere immagazzinati fino a 500 grammi, anche se poi polizia e gendarmeria non andavano mai a controllare e pesare pacchi d'erba e pani di hashish. Fino a 5 grammi, il consumo era accettato. La nuova legge non introduce divieti espliciti, ma imporrà ai coffee shop, che sono circa 670 in tutto il regno, di trasformarsi in club privati. Potranno continuare a vendere hashish e marijuana, ma solo ai membri. Ogni volta, dovranno controllare all'ingresso tessera del club e documento d'identità, e ogni coffee shop potrà avere non più di mille-millecinquecento soci. Gli stranieri saranno esclusi: solo cittadini olandesi maggiorenni potranno diventare membri dei club del jointtollerato nel chiuso del locale, ha spiegato il ministro della Giustizia Ivo Opstelten. Finisce un mondo, per la gioventù (oexgioventù) anticonformista europea e mondiale: comunque la si voglia giudicare, per quella cultura o sottocultura il colpo è mortale. I coffee shop sorsero negli anni Settanta. Ad Amsterdam, attorno a Leidseplein — la piazza dei club culturali e dei movimenti alternativi—o nel quartiere del Jordaan, sono i più noti. Nomi famosi, nell'ambiente: da Mellow yellow, che si racconta fu il primo ad aprire, a Bulldog, da Dolphins a Pink Floyd, a Jamaica che sembra risuscitare sogni e motivi di Bob Marley. Pochissimi tra i coffee shop possiedono la licenza di servireanchealcolici (Dolphinsè un'eccezione). Di solito, offrono panini, caffè o te, e su un menu separato diverse varianti di hashish o marijuana, e spesso anche buona musica, adatta all'occasione. I camerieri sono esperti, consigliano volentieri quale assaggio scegliere. I coffee shop non hanno mai avuto l'autorizzazione di farsi pubblicità diretta, quindi hanno sempre vissuto di fama, di reportage dei media, di voci sparse tra gruppi di amici. «Quello dei coffee shop è un movimento per la cultura della dignità umana», ha spiegato più volte un leader storico dell'ambiente, Nol van Schaik. «Fin dall'inizio, abbiamo aiutato a tenere lontani dalle droghe pesanti i giovani chevogliono farsi unafumatina». Logica forse ambigua, ma finora, dicono i gestori dei In tutto il paese sono circa 670 i bar dove il "fumo" viene tollerato coffee shop, ha funzionato: chi poteva andare in un locale, bere un tè e ordinare uno spinello, non era in balia di spregiudicati spacciatori sempre pronti a proporre a sorpresa il primo assaggio di droghe pesanti. «Sappiamo bene che a causa della nuova legge le entrate del turismo rischieranno di calare, specie nelle grandi città, ma vogliamo combattere la criminalità organizzata», dicono i portavoce governativi. Sciocchezze, ribatto-noipartiti d'opposizione: gli unici ad awantaggiarsi del Muro dei coffee shop saranno gli spacciatori. Le cifre LA DEPENALIZZAZIONE La vendita e il consumo di marijuana nei coffee shop venne autorizzata nel 1976 I LIMBI I caffè autorizzati possono tenere al massimo 500 grammi in magazzino IL BUSINESS Il giro d'affari della droga in Olanda è stimato attorno ai 2 miliardi di dollari LE TASSE I rivenditori portano ogni anno 450 milioni di euro nelle casse dello Stato

AVVISI AI NAVIGANTI

in RUBRICHE in MATERIALI NOMINE DICEMBRE 2010

RACCOLTA DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA DAL n. 1087 AL N. 1131 - DELIBERE DI NOMINA DEI DIRETTORI GENERALI DELLE ASL LOMBARDE, DELLE AZIENDE OSPEDALIERE E DELL'AREU (12 M)



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 29 DICEMBRE

DELIBERAZIONE N. 1208 DEL 29.12.2010 "....RELAZIONE SEMESTRALE SUL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI STRATEGICI SISS (LUGLIO – DICEMBRE 2010)"



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 22/23 DICEMBRE


DELIBERAZIONE N. 1019 DEL 22.12.2010 - PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE “MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 30 DICEMBRE 2009, N. 33 (TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI SANITA’)



DELIBERAZIONE N. 1052 DEL 22.12.2010 - APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI DISCIPLINARE D’INCARICO PER L’AFFIDAMENTO A INFRASTRUTTURE S.P.A. DI INTERVENTO RELATIVO ALL’AZIENDA OSPEDALIERA “OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO”.




DELIBERAZIONE N. 1030 DEL 22.12.2010 -DETERMINAZIONI RELATIVE ALLA RETE REGIONALE DI PRENOTAZIONE DI PRESTAZIONI SANITARIE – REVISIONE CORRISPETTIVI



DELIBERAZIONE N. 1045 DEL 22.12.2010 ALBO REGIONALE DEI DIRETTORI DI AZIENDE DI SERVIZI ALLA PERSONA TRIENNIO 2010/2013 DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA DGR N. IX-216/2010



DELIBERAZIONE N. 1054 DEL 23.12.2010 - DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA REALIZZAZIONE DELLA RETE LOMBARDA PER LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) DELIBERAZIONE N. 1085 DEL 23.12.2010 -PROTOCOLLO D’INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA E GLI IRCCS PUBBLICI LOMBARDI PER LA VALORIZZAZIONE E IL RILANCIO DEL CENTRO DI RICERCA SITO IN NERVIANO



21 DICEMBRE 2010

LINK GIUNTA REGIONE LOMBARDIA: D.G.R. N. IX/1009 15.12.2010 - DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA D.G.R. N. IX/189 DEL 30.06.2010 RELATIVA ALL'AGGIORNAMENTO DEGLI ELENCHI DEGLI IDONEI ALLA NOMINA DI DIRETTORE AMMINISTRATIVO, DIRETTORE SANITARIO E DIRETTORE SOCIALE DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE........



LINK DGR 937 (REGOLE 2011)+ALLEGATO 6



LINK DGR 938 (NUOVA DELIBERA IDONEI ALLA NOMINA)



LINK DGR 965 (ADOZIONE PIANO REGIONALE DISABILITA')



LINK DGR 939 (PIANO REGIONALE EDUCAZIONE SANITARIA E ZOOFILA)



LINK DGR 898 (REQUISITI TECNOLOGICI E STRUTTURALI)


DOWNLOAD

DOWNLOAD
OMS EUROPA: Rapporto europeo prevenzione dei maltrattamenti dell'anziano

REGIONE LOMBARDIA

REGIONE LOMBARDIA
CLICCA su immagine X alcune informazioni sul diritto all'esenzione

Trends in maternal mortality: 1990 to 2008

WORLD ALZHEIMER'S DAY 21 SETTEMBRE 2011

Dossier Consiglio Regionale Lombardia Qualità delle azioni regionali di supporto alla famiglia da un punto di vista socio economico. Stato della legislazione regionale e prospettive