LEGGI SCARICA STAMPA

LEGGI SCARICA STAMPA
DOSSIER MEDICINA TERRITORIALE

LINK OECD RAPPORTO POLITICHE SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE

WHO/OMS : Global status report on noncommunicable diseases 2010

INSERIRE EMAIL X RICEVERE INDICE E POST GIORNALIERO

indice sintetico GIORNALIERO


BURL BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE LOMBARDIA LINK CONSULTAZIONE
24 maggio 2011

LA GIUNGLA DI TICKET ED ESENZIONI - IL PUZZLE DI TICKET ED ESENZIONI Sole 24 Ore Sanita'

Sole 24 Ore Sanita' di martedì 24 maggio 2011, pagina 2


LA GIUNGLA DI TICKET ED ESENZIONI - IL PUZZLE DI TICKET ED ESENZIONI

di Bartoloni Marzio - Del Bufalo Paolo

________________________________________

L'ultima fotografia dell'Agenas conferma il fai-da-te regionale D puzzle di ticket ed esenzioni Variano gli importi, al Sud si paga di più - E sugli esenti Babele di norme ABolzano in pronto soccorso si rischia di pagare un conto salatissimo: fino a 100 euro di ticket contro i 7 del Friuli. Visite ed esami in Campania, Calabria e Sardegna costano di più: dai 46 ai 50 euro rispetto a una media nel resto d'Italia di 36 euro. Per una prescrizione di medicinali in Puglia si arriva a sborsare fino a 6,5 euro per ricetta (6 in Calabria), mentre in 9 Regioni non si paga nulla. Poi c'è il caso della Basilicata, "porto franco" dei ticket: si paga solo la franchigia di 36 euro sulla specialistica, prevista dalla legge nazionale. Per i lucani farmaci e pronto soccorso sono gratis. Ai tempi del federalismo sembra sempre più chiaro come il proclamato universalismo delle cure stia diventando uno slogan d'antan. La realtà, invece, sembra fatta da differenze regolatorie e di compartecipazione che impazzano da un capo all'altro della Penisola, con il Sud a pagare quasi sempre il conto più salato. Senza parlare della Babele delle esenzioni dove il fai-da-te regionale spicca ancora di più. E dove tra l'altro è appena scoppiata l'ultima grana con un complicato rimpallo di responsabilità tra medici e MI per capire a chi tocca verificare se il cittadino ha davvero diritto all'esenzione dal ticket per reddito (vedi articolo a fianco). L'ultima aggiornatissima fotografia delle palestre regionali dei ticket arriva dall'Agenas che ha monitorato come ogni anno in un dettagliato report la compartecipazione dei cittadini alla spesa sanitaria (in questo caso su specialistica e pronto soccorso con dati al 10 aprile). Sui farmaci gli ultimi dati sono, invece, di Federfarma e fotografano la situazione a maggio. Che non si tratti di poche briciole lo dicono i numeri: nonostante alla fine ben due terzi degli italiani riescono a conquistarsi una qualche esenzione, a conti fatti, spendiamo oltre 4,3 miliardi per i ticket e le franchigie. Gli ultimi dati ufficiali risalgono alla Finanziaria 2007 che introdusse il super-ticket di 10 euro sulla specialistica (da aggiungere alla franchigia) che i cittadini finora non hanno mai pagato visto che il Governo si è sempre affannato a trovare le risorse per coprirlo. Ma dal 1 giugno le cose potrebbero cambiare se non si troveranno i circa 500 milioni di copertura necessari per evitare questo mini-salasso su visite ed esami. Più nel dettaglio e aggiornando i dati, il ticket sui farmaci costa agli italiani 985 milioni (2010), quelli sulla specialistica e sul pronto soccorso 3,35 miliardi (2009), di cui 3,2 miliardi per le franchigie e 149 milioni peri codici bianchi a cui non segue ricovero. Ma la vera giungla sono le esenzioni. Rispetto alle regole nazionali (v. pagina 5) ogni Regione ha modulato le categorie esenti o prevedendo tra queste eccezioni e puntualizzazioni.Cosi che a esempio per i farmaci si passa dalle circa 11 categorie esenti del Molise alle venticinque di Lombardia e Campania. Non è dato sapere quanti cittadini appartengono a ciascuna categoria, ma la stima generale degli esenti si aggira sul 60-75% degli assistiti. Diversissima la modulazione delle categorie esenti. In Lombardia, Liguria e Molise sono esenti anche i «deportati da campi di sterminio», mentre in alcune Regioni non pagano le vittime del terrorismo e della criminalità organizzata a cui in Campania si aggiungono le vittime delle stragi e del dovere. Sempre in Campania sono esenti anche gli obiettori di coscienza in servizio civile e gli extracomunitari iscritti al Ssn «con permesso di soggiorno per richiesta di asilo politico o umanitario» e i disoccupati. Meno articolata, ma pur sempre varia la situazione dei ticket sul pronto soccorso, pagati in linea di massima dai codici bianchi senza ricovero. Ma in Calabria la regola vale anche per i codici verdi, in Toscana c'è anche una categoria intermedia di basse urgenze con "codice azzurro" e a Bolzano sotto ticket sono tutti i «casi non urgenti e/o non giustificati» senza distinzione di colore. Sul versante esenzioni ci si riferisce alla normativa nazionale, ma a esempio il Friuli prevede una vasta gamma di ticket ma senza alcuna categoria esente, mentre la Sicilia di categorie esenti ne specifica diciotto. Poche infine le varianti per la franchigia sulla specialistica ambulatoriale: le esenzioni sono quelle nazionali con l'aggiunta in alcuni casi (v. tabella a pagina 5) di patologie rare in più rispetto a quelle previste a livello nazionale, procedure di screening a scopo preventivo o situazioni economiche di disagio come la cassa integrazione.

AVVISI AI NAVIGANTI

in RUBRICHE in MATERIALI NOMINE DICEMBRE 2010

RACCOLTA DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA DAL n. 1087 AL N. 1131 - DELIBERE DI NOMINA DEI DIRETTORI GENERALI DELLE ASL LOMBARDE, DELLE AZIENDE OSPEDALIERE E DELL'AREU (12 M)



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 29 DICEMBRE

DELIBERAZIONE N. 1208 DEL 29.12.2010 "....RELAZIONE SEMESTRALE SUL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI STRATEGICI SISS (LUGLIO – DICEMBRE 2010)"



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 22/23 DICEMBRE


DELIBERAZIONE N. 1019 DEL 22.12.2010 - PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE “MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 30 DICEMBRE 2009, N. 33 (TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI SANITA’)



DELIBERAZIONE N. 1052 DEL 22.12.2010 - APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI DISCIPLINARE D’INCARICO PER L’AFFIDAMENTO A INFRASTRUTTURE S.P.A. DI INTERVENTO RELATIVO ALL’AZIENDA OSPEDALIERA “OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO”.




DELIBERAZIONE N. 1030 DEL 22.12.2010 -DETERMINAZIONI RELATIVE ALLA RETE REGIONALE DI PRENOTAZIONE DI PRESTAZIONI SANITARIE – REVISIONE CORRISPETTIVI



DELIBERAZIONE N. 1045 DEL 22.12.2010 ALBO REGIONALE DEI DIRETTORI DI AZIENDE DI SERVIZI ALLA PERSONA TRIENNIO 2010/2013 DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA DGR N. IX-216/2010



DELIBERAZIONE N. 1054 DEL 23.12.2010 - DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA REALIZZAZIONE DELLA RETE LOMBARDA PER LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) DELIBERAZIONE N. 1085 DEL 23.12.2010 -PROTOCOLLO D’INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA E GLI IRCCS PUBBLICI LOMBARDI PER LA VALORIZZAZIONE E IL RILANCIO DEL CENTRO DI RICERCA SITO IN NERVIANO



21 DICEMBRE 2010

LINK GIUNTA REGIONE LOMBARDIA: D.G.R. N. IX/1009 15.12.2010 - DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA D.G.R. N. IX/189 DEL 30.06.2010 RELATIVA ALL'AGGIORNAMENTO DEGLI ELENCHI DEGLI IDONEI ALLA NOMINA DI DIRETTORE AMMINISTRATIVO, DIRETTORE SANITARIO E DIRETTORE SOCIALE DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE........



LINK DGR 937 (REGOLE 2011)+ALLEGATO 6



LINK DGR 938 (NUOVA DELIBERA IDONEI ALLA NOMINA)



LINK DGR 965 (ADOZIONE PIANO REGIONALE DISABILITA')



LINK DGR 939 (PIANO REGIONALE EDUCAZIONE SANITARIA E ZOOFILA)



LINK DGR 898 (REQUISITI TECNOLOGICI E STRUTTURALI)


DOWNLOAD

DOWNLOAD
OMS EUROPA: Rapporto europeo prevenzione dei maltrattamenti dell'anziano

REGIONE LOMBARDIA

REGIONE LOMBARDIA
CLICCA su immagine X alcune informazioni sul diritto all'esenzione

Trends in maternal mortality: 1990 to 2008

WORLD ALZHEIMER'S DAY 21 SETTEMBRE 2011

Dossier Consiglio Regionale Lombardia Qualità delle azioni regionali di supporto alla famiglia da un punto di vista socio economico. Stato della legislazione regionale e prospettive