LEGGI SCARICA STAMPA

LEGGI SCARICA STAMPA
DOSSIER MEDICINA TERRITORIALE

LINK OECD RAPPORTO POLITICHE SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE

WHO/OMS : Global status report on noncommunicable diseases 2010

INSERIRE EMAIL X RICEVERE INDICE E POST GIORNALIERO

indice sintetico GIORNALIERO


BURL BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE LOMBARDIA LINK CONSULTAZIONE
29 maggio 2011

INTERVISTA A LUCA ANTONINI - "IL FEDERALISMO? UN FRENO ALLE TASSE" Giornale Milano

Giornale Milano di venerdì 27 maggio 2011, pagina 41


INTERVISTA A LUCA ANTONINI - "IL FEDERALISMO? UN FRENO ALLE TASSE"

di Cottone Sabrina

________________________________________

«La sanità è uno degli aspetti più importanti del federalismo. E la sanità italiana è una delle migliori del mondo». Luca Antonini, presidente della Commissione tecnica paritetica per l'attuazione del federalismo fiscale, si dice convinto: «Il federalismo va a razionalizzare profondamente il settore della sanità». Crede che il federalismo possa davvero riequilibrare il rapporto tra le Regioni? «Abbiamo regioni che funzionano molto bene e altre che funzionano molto male. Fare il federalismo in un contesto di questo tipo significa razionalizzare un sistema che è costato molto a tutti gli italiani. Ad esempio, l'ultimo governo Prodi stanziò 12 miliardi di euro per 5 regioni extra deficit sanitario del Sud». Come sono stati utilizzati quei 12 miliardi? «Con quei 12 miliardi quell'anno si poteva ridurre di un terzo l'Irap e così agevolare le imprese. Oppure si poteva abbassare l'aliquota Irpef dal 23 al 20 per cento. Invece i fondi sono finiti in questo ripiano che non ha quasi avuto risultato. Queste 5 regioni continuano a essere in deficit e con altissimi tassi di migrazione sanitaria. Il federalismo rafforzerà il principio del "chi rompe paga"». Che cosa vuol dire nel concreto che chi rompe paga? «Se un presidente di Regione non risana il deficit, dovrà aumentare l'addizionale l'Irpef fino al 3 per cento. A quel punto dovrà vedersela con i suoi elettori. Nello stesso tempo vengono introdotti i costi standard, in modo da rendere evidente il fabbisogno e lo spreco. A quel punto il quadro diventa molto chiaro: gli sprechi fanno aumentare le tasse e questo costringerà un presidente di Regione a intervenire per razionalizzare la sanità». Come sarà possibile per gli elettori fare queste verifiche? «Sarà introdotto l'inventario di fine legislatura. Stefano Cal-doro, presidente della Regione Campania, quando ha vinto le elezioni ci ha messo sei mesi per capire il deficit, il buco della gestione precedente e i suoi contenziosi spaventosi. La Campania spende 250 milioni di euro l'anno di avvocati solo per la sanità! Tutto questo è venuto alla luce perché Caldoro ha dovuto chiamare gli ispettori del Tesoro che gli hanno quantificato il deficitprecedente». E con il federalismo fiscale che cosa cambierà nelle verifiche di bilancio? «Diventa obbligatorio pubblicare 20 giorni prima delle elezioni il bilancio del proprio deficit sanitario, certificato sia dagli organi interni che istituzionali dello Stato. In questo modo l'elettore diventa consapevole di quale è stata la gestione precedente. Oggi non avviene assolutamente così. Noi abbiamo avuto presidenti di Regione come Raffaele Fitto in Puglia mandati via nonostante avesse risanato il deficit, chiudendo 21 piccoli ospedali inutili. L'elettore non è in grado di giudicare perché i risultati non si vedono». E le sanzioni per i governatori incapaci? «Se un governatore non rispetta per due anni in modo im *** motivato il piano di rientro della sanità e aumenta l'addizionale irpef al 3 per cento, cioè fa pagare agli elettori lo spreco, può essere rimosso dal governo e si va a nuove elezioni regionali. Se un partito ricandida quel presidente rimosso nei 10 anni successivi, perde il 30 per cento del finanziamento pubblico». La sanità lombarda è destinata ad avere benefici specifici dal federalismo? «La sanità lombarda è ottima. La Lombardia da tempo è su queste posizioni: adesso si tratta di prendere spunto da questo modello. E efficiente e spende meno degli standard delle tre regioni benchmark, che saranno individuate sulla base dei risultati 2011. Alle regioni benchmark, tra le quali molto probabilmente ci sarà la Lombardia, vengono garantiti alcuni premi. Saranno previsti meccanismi di premio per le re -gioni che hanno istituito cen - trali d'acquisto, cosa che evita di pagare una siringa indifferentemente uno o quattro euro. Viene introdotto il sistema di prezzi di riferimento» Qual è il principale cambiamento che vedranno i cittadini lombardi? «I lombardi non pagheranno più i ripiani statali delle Regioni in deficit». C'è chi teme che il federalismo fiscale si risolverà in tasse e costi in più per i cittadini. «È profondamente sbagliato. Il federalismo rende trasparente la spesa, che può essere confrontata. Gli standard sono noti e a quel punto l'amministratore che aumenta le tasse viene ferocemente giudicato. Se lasciamo la situazione così come è, cioè incontrollata, bisognerà aumentare le tasse. Invece il federalismo consente di diminuire le tasse. Aumenteranno sono le tasse di chi spreca, ma gli sprechi saranno diventati trasparenti e gli elettori potranno intervenire». Governo Prodi Stanziò 12 miliardi per aiutare cinque Regioni Controlli Introdurremo l'inventario di fine legislatura

AVVISI AI NAVIGANTI

in RUBRICHE in MATERIALI NOMINE DICEMBRE 2010

RACCOLTA DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA DAL n. 1087 AL N. 1131 - DELIBERE DI NOMINA DEI DIRETTORI GENERALI DELLE ASL LOMBARDE, DELLE AZIENDE OSPEDALIERE E DELL'AREU (12 M)



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 29 DICEMBRE

DELIBERAZIONE N. 1208 DEL 29.12.2010 "....RELAZIONE SEMESTRALE SUL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI STRATEGICI SISS (LUGLIO – DICEMBRE 2010)"



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 22/23 DICEMBRE


DELIBERAZIONE N. 1019 DEL 22.12.2010 - PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE “MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 30 DICEMBRE 2009, N. 33 (TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI SANITA’)



DELIBERAZIONE N. 1052 DEL 22.12.2010 - APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI DISCIPLINARE D’INCARICO PER L’AFFIDAMENTO A INFRASTRUTTURE S.P.A. DI INTERVENTO RELATIVO ALL’AZIENDA OSPEDALIERA “OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO”.




DELIBERAZIONE N. 1030 DEL 22.12.2010 -DETERMINAZIONI RELATIVE ALLA RETE REGIONALE DI PRENOTAZIONE DI PRESTAZIONI SANITARIE – REVISIONE CORRISPETTIVI



DELIBERAZIONE N. 1045 DEL 22.12.2010 ALBO REGIONALE DEI DIRETTORI DI AZIENDE DI SERVIZI ALLA PERSONA TRIENNIO 2010/2013 DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA DGR N. IX-216/2010



DELIBERAZIONE N. 1054 DEL 23.12.2010 - DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA REALIZZAZIONE DELLA RETE LOMBARDA PER LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) DELIBERAZIONE N. 1085 DEL 23.12.2010 -PROTOCOLLO D’INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA E GLI IRCCS PUBBLICI LOMBARDI PER LA VALORIZZAZIONE E IL RILANCIO DEL CENTRO DI RICERCA SITO IN NERVIANO



21 DICEMBRE 2010

LINK GIUNTA REGIONE LOMBARDIA: D.G.R. N. IX/1009 15.12.2010 - DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA D.G.R. N. IX/189 DEL 30.06.2010 RELATIVA ALL'AGGIORNAMENTO DEGLI ELENCHI DEGLI IDONEI ALLA NOMINA DI DIRETTORE AMMINISTRATIVO, DIRETTORE SANITARIO E DIRETTORE SOCIALE DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE........



LINK DGR 937 (REGOLE 2011)+ALLEGATO 6



LINK DGR 938 (NUOVA DELIBERA IDONEI ALLA NOMINA)



LINK DGR 965 (ADOZIONE PIANO REGIONALE DISABILITA')



LINK DGR 939 (PIANO REGIONALE EDUCAZIONE SANITARIA E ZOOFILA)



LINK DGR 898 (REQUISITI TECNOLOGICI E STRUTTURALI)


DOWNLOAD

DOWNLOAD
OMS EUROPA: Rapporto europeo prevenzione dei maltrattamenti dell'anziano

REGIONE LOMBARDIA

REGIONE LOMBARDIA
CLICCA su immagine X alcune informazioni sul diritto all'esenzione

Trends in maternal mortality: 1990 to 2008

WORLD ALZHEIMER'S DAY 21 SETTEMBRE 2011

Dossier Consiglio Regionale Lombardia Qualità delle azioni regionali di supporto alla famiglia da un punto di vista socio economico. Stato della legislazione regionale e prospettive