LEGGI SCARICA STAMPA

LEGGI SCARICA STAMPA
DOSSIER MEDICINA TERRITORIALE

LINK OECD RAPPORTO POLITICHE SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE

WHO/OMS : Global status report on noncommunicable diseases 2010

INSERIRE EMAIL X RICEVERE INDICE E POST GIORNALIERO

indice sintetico GIORNALIERO


BURL BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE LOMBARDIA LINK CONSULTAZIONE
29 maggio 2011

DIRIGENTI, FARMACISTI E IL RE DELLE CLINICHE Stampa Torino

Stampa Torino di sabato 28 maggio 2011, pagina 53


DIRIGENTI, FARMACISTI E IL RE DELLE CLINICHE

________________________________________

Dirigenti, farmacisti e il re delle cliniche Chi sono le persone al centro dell'inchiesta azzette e gare truccate. E' quello di Vito Plastino il nome e il volto più noto nell'inchiesta della Finanza sul nuovo scandalo che ha travolto la Sanità piemontese. Da sempre molto vicino al centrodestra, oggi commissario dell'Asl To5, Plastino è stato direttore sanitario del Sant'Anna-Regina Margherita dall'autunno del 1998 alla primavera del 2006, quando ai vertici dell'azienda ospedaliera materno-infantile è arrivata la dottoressa Mannella D'Innocenzo, lei stessa coinvolta in un'altra inchiesta della procura. La sua posizione sarebbe tra le più gravi, accanto a quella di Piero Gambarino (uomo di fiducia dell'assessore regionale alla Sanità, Ferrero) e del dottor Marco Mozzati, dirigente medico alle Molinette e direttore della Chirurgia orale della Dental School (struttura assolutamente estranea ai fatti contestati). Mozzati è uno dei dentisti dello studio privato Siom, cui erano intestate le fatture illecite.

«Una vicenda sconcertante, tanto più in un momento in cui la Sanità piemontese chiede a tutti pesanti sacrifici economici per far quadrare i bilanci», è il commento di Gabriele Ideo, segretario regio- nale di Cittadinanzattiva - Tribunale diritti del Malato.

Gambarino, che oggi appare l'uomo attorno a cui ruotava parte di questa inchiesta tripla, era a stretto contatto con l'assessore: era stato nominato in quota Pdl nella Scr, la Società di Committenza Regionale che gestisce gli appalti, dov'è stato fino a febbraio di quest'anno, prima di passare in assessorato.

Presidente di Federfarma Piemonte dal 2002, Luciano LE REAZIONI «Vicende inaccettabili in un periodo in cui si taglia sui bilanci» Platter (che nelle intercettazioni non compare mai) è invece - insieme a Marco Cossolo - una delle due persone a cui sono stati concessi da subito gli arresti domiciliari. Titolare di una farmacia, da oltre trent'anni Platter si occupa di sindacato a vari livelli: nel 1996 è stato eletto presidente dell'Associazione titolari di farmacia di Torino e provincia, poi ai vertici di Federfarma Piemonte, ma anche a livello nazionale ha ricoperto numerose cariche. «Attendiamo con fiducia le conclusion della magistratura, sperandc sia fatta chiarezza nel più brevE tempo possibile», commenta a proposito di Platter e Cossolo i presidente dell'Ordine dei Farmacisti, Mario Giaccone. «A livello pevsonale - aggiunge - pos so aggiungere che durante i lun ghi anni di impegno a favorE della categoria e dei colleghi ha avuto modo di apprezzare l'integrità e la dedizione di entram bi nella legittima tutela delli farmacia». Rieletto per la seconda volti sindaco di Carignano, Marco Cossolo è l'altro farmacisti coinvolto nello scandalo: segre tario di Federfarma Torino avrebbe dovuto insediarsi lune dì come primo cittadino di Cari grano, dove vive e dove ha urn farmacia. Ultimi due nomi finit nel mirino delle Fiamme Gialli sono quello del sindaco di Cava gnolo, Franco Sampò, e Pier francesco Camerlengo, figlio del «re» delle cliniche privatePietro Camerlengo.

AVVISI AI NAVIGANTI

in RUBRICHE in MATERIALI NOMINE DICEMBRE 2010

RACCOLTA DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA DAL n. 1087 AL N. 1131 - DELIBERE DI NOMINA DEI DIRETTORI GENERALI DELLE ASL LOMBARDE, DELLE AZIENDE OSPEDALIERE E DELL'AREU (12 M)



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 29 DICEMBRE

DELIBERAZIONE N. 1208 DEL 29.12.2010 "....RELAZIONE SEMESTRALE SUL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI STRATEGICI SISS (LUGLIO – DICEMBRE 2010)"



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 22/23 DICEMBRE


DELIBERAZIONE N. 1019 DEL 22.12.2010 - PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE “MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 30 DICEMBRE 2009, N. 33 (TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI SANITA’)



DELIBERAZIONE N. 1052 DEL 22.12.2010 - APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI DISCIPLINARE D’INCARICO PER L’AFFIDAMENTO A INFRASTRUTTURE S.P.A. DI INTERVENTO RELATIVO ALL’AZIENDA OSPEDALIERA “OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO”.




DELIBERAZIONE N. 1030 DEL 22.12.2010 -DETERMINAZIONI RELATIVE ALLA RETE REGIONALE DI PRENOTAZIONE DI PRESTAZIONI SANITARIE – REVISIONE CORRISPETTIVI



DELIBERAZIONE N. 1045 DEL 22.12.2010 ALBO REGIONALE DEI DIRETTORI DI AZIENDE DI SERVIZI ALLA PERSONA TRIENNIO 2010/2013 DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA DGR N. IX-216/2010



DELIBERAZIONE N. 1054 DEL 23.12.2010 - DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA REALIZZAZIONE DELLA RETE LOMBARDA PER LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) DELIBERAZIONE N. 1085 DEL 23.12.2010 -PROTOCOLLO D’INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA E GLI IRCCS PUBBLICI LOMBARDI PER LA VALORIZZAZIONE E IL RILANCIO DEL CENTRO DI RICERCA SITO IN NERVIANO



21 DICEMBRE 2010

LINK GIUNTA REGIONE LOMBARDIA: D.G.R. N. IX/1009 15.12.2010 - DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA D.G.R. N. IX/189 DEL 30.06.2010 RELATIVA ALL'AGGIORNAMENTO DEGLI ELENCHI DEGLI IDONEI ALLA NOMINA DI DIRETTORE AMMINISTRATIVO, DIRETTORE SANITARIO E DIRETTORE SOCIALE DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE........



LINK DGR 937 (REGOLE 2011)+ALLEGATO 6



LINK DGR 938 (NUOVA DELIBERA IDONEI ALLA NOMINA)



LINK DGR 965 (ADOZIONE PIANO REGIONALE DISABILITA')



LINK DGR 939 (PIANO REGIONALE EDUCAZIONE SANITARIA E ZOOFILA)



LINK DGR 898 (REQUISITI TECNOLOGICI E STRUTTURALI)


DOWNLOAD

DOWNLOAD
OMS EUROPA: Rapporto europeo prevenzione dei maltrattamenti dell'anziano

REGIONE LOMBARDIA

REGIONE LOMBARDIA
CLICCA su immagine X alcune informazioni sul diritto all'esenzione

Trends in maternal mortality: 1990 to 2008

WORLD ALZHEIMER'S DAY 21 SETTEMBRE 2011

Dossier Consiglio Regionale Lombardia Qualità delle azioni regionali di supporto alla famiglia da un punto di vista socio economico. Stato della legislazione regionale e prospettive