LEGGI SCARICA STAMPA

LEGGI SCARICA STAMPA
DOSSIER MEDICINA TERRITORIALE

LINK OECD RAPPORTO POLITICHE SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE

WHO/OMS : Global status report on noncommunicable diseases 2010

INSERIRE EMAIL X RICEVERE INDICE E POST GIORNALIERO

indice sintetico GIORNALIERO


BURL BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE LOMBARDIA LINK CONSULTAZIONE
17 maggio 2011

COSÌ 150 ANNI D'UNITÀ D'ITALIA HANNO MIGLIORATO LA SALUTE Sole 24 Ore Sanita'

Sole 24 Ore Sanita' di martedì 17 maggio 2011, pagina 11


COSÌ 150 ANNI D'UNITÀ D'ITALIA HANNO MIGLIORATO LA SALUTE

di ...

________________________________________

DALLE SCOPERTE SCIENTIFICHE ALLE, LEGGI SANITARIE Così 150 anni d'Unità d'Italia hanno migliorato la salute In un volume la marcia (incompiuta) degli italiani verso il benessere alaria, tubercolosi e pellagra questi i flagelli che funestavano il nostro Paese al momento della proclamazione del Regno d'Italia, cui a ondate si sommavano colera, salmonella e febbre tifoide. Mali contro i quali i medici poco potevano fare, sprovvisti com'erano delle conoscenze su cause e cure possibili. Da allora, e dalla Rivoluzione che proprio a metà dell'Ottocento si verificò in Medici- na, con il forte imprinting conferito da personaggi come Claude Bernard e Rudolph Virchow, tutt6 è cambiato. Da allora fu teorizzata, cioè, l'importanza di conferire alla scienza medica una base scientifica, e successivamente furono messi a punto i vaccini e vennero scoperti chemioterapici e antibiotici. Parte da qui, dalla situazione sanitaria alla proclamazione del Regno d'Italia, l'excursus di Walter Panini, esperto di Sanità internazionale, dedicato ai "150 annidi Sanità italiana' e realizzato con il contributo del gruppo farmaceutico AlfaWassermann. . Con capitoli dedicati alle singole malattie che in prevalenza affliggevano la popolazione più povera, il volume dedica mini-monografie alle figure di medici attivi in politica da Giovanni Lanza ad Agostino Bertani, da Giulio Bizzozero a Guido Baccelli, da Angèlo Celli a Paolo Mantegazza Fino al premio Nobel Camillo Golgi. Ma perché si arrivasse a una norma che provasse a unificare il Paese sul piano dell'assistenza sanitaria ci vollero 27 anni: si trattava della Legge Crispi-Pagliani, che prevedeva una Dire-zione generale di Sanità presso il ministero dell'Interno. Cruciale il contributo di Crispi anche alla nascita Ancora t le spereq Tmgmai dei primi nuclei ospedalieri, con la legge del 17 luglio 1890 sulle "Istituzioni pubbliche di beneficenza". «L'Italia — ricorda Pasini — fu una delle nazioni che dette il contributo più importante alla nascita degli ospedali intesi come luoghi di carità, cura e assistenza». L'Italia della Sanità pubblica era partita dopo la costituzione del Regno d'Italia, con il regio decreto 14/9/1862 venne promulgato il nuovo Regolamento perla facoltà di Medicina, che pose fine alla separazione dell'insegnamento della medicina e della chirurgia. Il 10 luglio 1910 viene istituito l'Ordine dei medici; nel 1878 era nata la Società italiana d'igiene mentre nel 1833 era stato istituito il Corpo sanitario dell'Esercito. E cosa via, fino a una doppia svolta: da punto di vista istituzionale, la nascita del ministero della Sanità nel 1958; dall'altro, sotto il profilo epidemiologico, la netta diminuzione delle malattie infettive registrata sempre a metà Novecento, con il contemporaneo aumento delle patologie cronico-degenerative. La storia più recente è nota e oggi si tratta di affrontare le nuove sfide del federalismo. Una scommessa tutta da giocare perché, chiarisce Pasini, «nonostante l'eccellente legge di riforma 833 del 1978 che consenti l'accesso alle cure per tutti i cittadini italiani, troppe sono ancora le sperequazioni in termini di qualità di cure prestate, di servizi territoriali e di iniziative nel campo della prevenzione e di promozione della salute». Sfide che, a parere dell'autore, andranno affrontate sotto la bandiera dell'Unione europea roppe uazioni

AVVISI AI NAVIGANTI

in RUBRICHE in MATERIALI NOMINE DICEMBRE 2010

RACCOLTA DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA DAL n. 1087 AL N. 1131 - DELIBERE DI NOMINA DEI DIRETTORI GENERALI DELLE ASL LOMBARDE, DELLE AZIENDE OSPEDALIERE E DELL'AREU (12 M)



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 29 DICEMBRE

DELIBERAZIONE N. 1208 DEL 29.12.2010 "....RELAZIONE SEMESTRALE SUL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI STRATEGICI SISS (LUGLIO – DICEMBRE 2010)"



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 22/23 DICEMBRE


DELIBERAZIONE N. 1019 DEL 22.12.2010 - PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE “MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 30 DICEMBRE 2009, N. 33 (TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI SANITA’)



DELIBERAZIONE N. 1052 DEL 22.12.2010 - APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI DISCIPLINARE D’INCARICO PER L’AFFIDAMENTO A INFRASTRUTTURE S.P.A. DI INTERVENTO RELATIVO ALL’AZIENDA OSPEDALIERA “OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO”.




DELIBERAZIONE N. 1030 DEL 22.12.2010 -DETERMINAZIONI RELATIVE ALLA RETE REGIONALE DI PRENOTAZIONE DI PRESTAZIONI SANITARIE – REVISIONE CORRISPETTIVI



DELIBERAZIONE N. 1045 DEL 22.12.2010 ALBO REGIONALE DEI DIRETTORI DI AZIENDE DI SERVIZI ALLA PERSONA TRIENNIO 2010/2013 DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA DGR N. IX-216/2010



DELIBERAZIONE N. 1054 DEL 23.12.2010 - DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA REALIZZAZIONE DELLA RETE LOMBARDA PER LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) DELIBERAZIONE N. 1085 DEL 23.12.2010 -PROTOCOLLO D’INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA E GLI IRCCS PUBBLICI LOMBARDI PER LA VALORIZZAZIONE E IL RILANCIO DEL CENTRO DI RICERCA SITO IN NERVIANO



21 DICEMBRE 2010

LINK GIUNTA REGIONE LOMBARDIA: D.G.R. N. IX/1009 15.12.2010 - DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA D.G.R. N. IX/189 DEL 30.06.2010 RELATIVA ALL'AGGIORNAMENTO DEGLI ELENCHI DEGLI IDONEI ALLA NOMINA DI DIRETTORE AMMINISTRATIVO, DIRETTORE SANITARIO E DIRETTORE SOCIALE DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE........



LINK DGR 937 (REGOLE 2011)+ALLEGATO 6



LINK DGR 938 (NUOVA DELIBERA IDONEI ALLA NOMINA)



LINK DGR 965 (ADOZIONE PIANO REGIONALE DISABILITA')



LINK DGR 939 (PIANO REGIONALE EDUCAZIONE SANITARIA E ZOOFILA)



LINK DGR 898 (REQUISITI TECNOLOGICI E STRUTTURALI)


DOWNLOAD

DOWNLOAD
OMS EUROPA: Rapporto europeo prevenzione dei maltrattamenti dell'anziano

REGIONE LOMBARDIA

REGIONE LOMBARDIA
CLICCA su immagine X alcune informazioni sul diritto all'esenzione

Trends in maternal mortality: 1990 to 2008

WORLD ALZHEIMER'S DAY 21 SETTEMBRE 2011

Dossier Consiglio Regionale Lombardia Qualità delle azioni regionali di supporto alla famiglia da un punto di vista socio economico. Stato della legislazione regionale e prospettive