LEGGI SCARICA STAMPA

LEGGI SCARICA STAMPA
DOSSIER MEDICINA TERRITORIALE

LINK OECD RAPPORTO POLITICHE SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE

WHO/OMS : Global status report on noncommunicable diseases 2010

INSERIRE EMAIL X RICEVERE INDICE E POST GIORNALIERO

indice sintetico GIORNALIERO


BURL BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE LOMBARDIA LINK CONSULTAZIONE
19 maggio 2011

BIOTESTAMENTO, VELTRONI SALVA LA MAGGIORANZA

Manifesto di giovedì 19 maggio 2011, pagina 6


BIOTESTAMENTO, VELTRONI SALVA LA MAGGIORANZA

di C.L.

________________________________________

A togliere le castagne dal fuoco a Pdl e Lega ci pensa Walter Veltroni. L'ex segretario prende la parola alla Camera e a nome del pd chiede di spostare la discussione sul testamento biologico in programma per il pomeriggio. «Meglio rinviare» dice, spiegando che il Pd «vuole votare» il ddl Calabrò ma non «sotto il fuoco» delle polemiche per le elezioni amministrative. Veltroni non parla a braccio. II suo è un intervento lungo, preparato a tavolino e in cui cita anche La Pira ma il cui nocciolo sta nell'appello che rivolge alla maggioranza perché, spiega, «eviti questo errore: affrontare un tema così delicato nell'asprezza dello scontro politico e nel rischio di esporlo a strumentalizzazioni». Pdl e Lega non si fanno scappare il ramoscello d'ulivo offerto dal Pd. Come si capisce subito dopo, quando a prendere la parola è Fabrizio Cicchitto. Il capogruppo del Pdl infatti ringrazia Veltroni e incassa il rinvio che toglie maggioranza e governo dall'imbarazzo di dover affrontare la campagna elettorale per i ballottaggi con i giornali pieni dello scontro parlamentare su una legge altamente impopolare. «Non vogliano che un tema come questo si intrecci con altre vicende», si affretta a spiegare Cicchitto che ha già fiutato l'aria. Una mossa a sorpresa quella fatta da Veltroni. Fino a ieri mattina la maggioranza era determinata a portare a casa la legge sul biotestamento, convinta in questo modo di potersi conquistare il voto dei cattolici. I numeri non mancano di certo, tant'è che subito dopo il rinvio - deciso senza neanche fissare una nuova data - il sottosegretario alla salute Eugenia Roccella si affretta a garantire che comunque il testo verrà approvato, grazie anche ai voti garantiti dall'Udc di Pierferdinando Casini. All'improvvisa retromarcia ha contribuito sicuramente più di un fattore. A partire dalle defezioni fatte registrare dai responsabili, che ieri hanno provocato la caduta della maggioranza sulle quattro mozioni sul carcere e che non garantirebbero più la solidità della maggioranza. Ma anche la richiesta, avanzata in mattinata dal Pd, di mettere il voto segreto su praticamente tutti gli emendamenti presentati al testo. Fatti due calcoli, il rischio di per, dere la faccia su quello che è ormai diventato uno dei provvedimenti simbolo della legislatura era troppo alto. Tenuto conto anche dei dubbi sulla legge espressi nelle scorse settimane da alcuni esponenti del Pdl, primo fra tutti Sandro Bondi con un intervento sul Foglio di Giuliano Ferrara. Far slittare tutto, mettere «in sonno» un tema diventato improvvisamente troppo scomodo deve essere apparsa quindi la soluzione più indolore per tutti, a partire proprio dal Pd che deve fare i conti con almeno sette deputati favorevoli al testo Calabrò e dal Terzo polo, diviso tra i finiani contrari alla legge e Udc e Api che la sostengono. Al punto che più di un deputato in serata non nascondeva i suoi dubbi circa la possibilità che l'offerta veltroniana possa essere stata concordata visto che - a quanto pare - già prima del voto nei corridoi di Montecitorio si dava per scontato che la discussione sarebbe saltata. «Volete far slittare l'esame del biotestamento solo perché vi conviene, perché avete capito che vi fa perdere voti, che non è una legge popolare?», chiede infatti polemicamente il radicale Maurizio Turco. Posizione che trova d'accordo anche l'Italia dei Valori. «Pur apprezzando le parole di Veltroni non condivido il rinvio», dice il responsabile sanità, Antonio Palagiano. «Avrei preferito che gli italiani andassero ai ballottaggi sapendo ciò che gli verrà propinato dopo il voto».

AVVISI AI NAVIGANTI

in RUBRICHE in MATERIALI NOMINE DICEMBRE 2010

RACCOLTA DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA DAL n. 1087 AL N. 1131 - DELIBERE DI NOMINA DEI DIRETTORI GENERALI DELLE ASL LOMBARDE, DELLE AZIENDE OSPEDALIERE E DELL'AREU (12 M)



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 29 DICEMBRE

DELIBERAZIONE N. 1208 DEL 29.12.2010 "....RELAZIONE SEMESTRALE SUL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI STRATEGICI SISS (LUGLIO – DICEMBRE 2010)"



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 22/23 DICEMBRE


DELIBERAZIONE N. 1019 DEL 22.12.2010 - PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE “MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 30 DICEMBRE 2009, N. 33 (TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI SANITA’)



DELIBERAZIONE N. 1052 DEL 22.12.2010 - APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI DISCIPLINARE D’INCARICO PER L’AFFIDAMENTO A INFRASTRUTTURE S.P.A. DI INTERVENTO RELATIVO ALL’AZIENDA OSPEDALIERA “OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO”.




DELIBERAZIONE N. 1030 DEL 22.12.2010 -DETERMINAZIONI RELATIVE ALLA RETE REGIONALE DI PRENOTAZIONE DI PRESTAZIONI SANITARIE – REVISIONE CORRISPETTIVI



DELIBERAZIONE N. 1045 DEL 22.12.2010 ALBO REGIONALE DEI DIRETTORI DI AZIENDE DI SERVIZI ALLA PERSONA TRIENNIO 2010/2013 DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA DGR N. IX-216/2010



DELIBERAZIONE N. 1054 DEL 23.12.2010 - DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA REALIZZAZIONE DELLA RETE LOMBARDA PER LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) DELIBERAZIONE N. 1085 DEL 23.12.2010 -PROTOCOLLO D’INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA E GLI IRCCS PUBBLICI LOMBARDI PER LA VALORIZZAZIONE E IL RILANCIO DEL CENTRO DI RICERCA SITO IN NERVIANO



21 DICEMBRE 2010

LINK GIUNTA REGIONE LOMBARDIA: D.G.R. N. IX/1009 15.12.2010 - DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA D.G.R. N. IX/189 DEL 30.06.2010 RELATIVA ALL'AGGIORNAMENTO DEGLI ELENCHI DEGLI IDONEI ALLA NOMINA DI DIRETTORE AMMINISTRATIVO, DIRETTORE SANITARIO E DIRETTORE SOCIALE DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE........



LINK DGR 937 (REGOLE 2011)+ALLEGATO 6



LINK DGR 938 (NUOVA DELIBERA IDONEI ALLA NOMINA)



LINK DGR 965 (ADOZIONE PIANO REGIONALE DISABILITA')



LINK DGR 939 (PIANO REGIONALE EDUCAZIONE SANITARIA E ZOOFILA)



LINK DGR 898 (REQUISITI TECNOLOGICI E STRUTTURALI)


DOWNLOAD

DOWNLOAD
OMS EUROPA: Rapporto europeo prevenzione dei maltrattamenti dell'anziano

REGIONE LOMBARDIA

REGIONE LOMBARDIA
CLICCA su immagine X alcune informazioni sul diritto all'esenzione

Trends in maternal mortality: 1990 to 2008

WORLD ALZHEIMER'S DAY 21 SETTEMBRE 2011

Dossier Consiglio Regionale Lombardia Qualità delle azioni regionali di supporto alla famiglia da un punto di vista socio economico. Stato della legislazione regionale e prospettive