LEGGI SCARICA STAMPA

LEGGI SCARICA STAMPA
DOSSIER MEDICINA TERRITORIALE

LINK OECD RAPPORTO POLITICHE SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE

WHO/OMS : Global status report on noncommunicable diseases 2010

INSERIRE EMAIL X RICEVERE INDICE E POST GIORNALIERO

indice sintetico GIORNALIERO


BURL BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE LOMBARDIA LINK CONSULTAZIONE
21 maggio 2011

AMMALATI DI SESSO - QUEL DEMONE DEL POTERE CHE FA TORNARE SELVAGGI Galimberti Umberto Repubblica

Repubblica di venerdì 20 maggio 2011, pagina 41


AMMALATI DI SESSO - QUEL DEMONE DEL POTERE CHE FA TORNARE SELVAGGI

di Galimberti Umberto

________________________________________

Cè chi dipende dalla droga, chi dall'alcol, chi dal gioco, ultimamente anche da Internet, e chi, infine dal sesso. Per questi ultimi è stata coniata l'espressione"sexual addiction" che significa "eccesso di pulsione sessuale" con riferimento a quelle persone che il linguaggio popolare da sempre chiama "maniaci sessuali", perché hanno il sesso in cima ai loro pensieri e, appena se ne offre l'occasione, ai loro comportamenti. Non si tratta di un raptus o di un improvviso crollo dei freni inibitori, quanto piuttosto di un'arcaica e primitiva modalità di esercitare il "potere" che, in alcuni soggetti, né i processi di civilizzazione, né la cultura, né l'educazione, né tanto meno la loro sensibilità rimasta legata a questi primitivismi, sono riusciti a far evolvere. Riscontriamo infatti casi di maniacalità sessuale o in personaggi poco acculturati che non hanno altro modo di imporsi e, quindi, di riconoscersi un certo valore, se non attraverso l'esercizio reiterato della pratica sessuale che non rifugge, in casi estremi, anche dalla violenza, oppure in personaggi che già dispongono di un potere, talvolta di un enorme potere, che però dilaga ilagafinoaquelleforme, le più primitive, che hanno nella pratica sessuale reiterata, quando non addirittura nell'aggressione sessuale, la forma più elementare dell'esercizio di potere. Lo vediamo negli animali che appena si incontrano, se non scatenano subito l'aggressività, focalizzano immediatamente gli organi sessuali, obbedendo a quello che in loro detta la natura. La quale li prevede esclusivamente come funzionari della specie, che li seleziona o nella forma dell'aggressività (mors tua vita mea) o nella forma della sessualità indifferenziata, per garantirsi la propria continuità a prescindere dal riconoscimento della specificità degli individui. Il grande lavoro, prima delle religioni, poi dei processi di civilizzazione, è consistito sostanzialmente nel porre freni sia all'aggressività indiscriminata sia alla sessualità selvaggia, trasferendo questa pulsionalità ineliminabile dal livello animale e bestiale al livello umano e sociale. Questa è la ragione per cui, a livello umano, l'aggressività diventa competizione che, se vincente, garantisce identità e riconoscimento a cui gli uomini massimamente tendono. Ce lo ricorda Hegel là dove annota che mentre gli animali uccidono per soddisfare la fame, gli uomini uccidono per avere il riconoscimento del loro potere e della loro superiorità. Questo per l'aggressività, mentre per la sessualità, religioni e percorsi di civiIizsa7ione hanno portato al riconoscimento dell'individuo, al suo primato rispetto al genere, per cui attenzione a quei maschi che parlano delle «donne» e non di «questa» o «quella» donna, perché in costoro il processo di civilizzazione non si è ancora compiuto, e la loro condizione psichica non si è ancora emancipata dallo stadio di una potenziale sessualità indifferenziata non dissimile da quella animale. Questa dovrebbe essere la carta d'identità da con *** segnare a quanti frequentano le prostitute dove, sotteso allo scambio sessuale, fa la sua comparsa il potere del denaro che tutto può comprare. Anzi, forse il godimento più che nel piacere dei sensi, trova la sua soddisfazione proprio nell'esercitare questo potere. «Sexual addiction», allora, più che una coazione sessuale risponde a un bisogno incontenibile di verificare in ogni occasione il proprio potere, in quella forma primitiva e animale che è la potenza sessuale, sia nel caso di coloro che, non avendo nella società altro riconoscimento, lo cercano nell'aggressione sessuale, sia in coloro che, saturi di riconoscimenti sociali, voglio -no sperimentare il loro potere anche in quei bassifondi delle loro pulsioni che, nel mondo animale, trovano la loro espressione nella pratica sessuale indifferenziata. In questi casi la sessualità non è il «tema», ma il «luogo», il più segreto, il più nascosto, il più impenetrabile, in cui poter assaporare l'illimitatezza del proprio potere. E qui fa la sua comparsa la figura del «limite» che chi è socialmente misconosciuto vuole oltrepassare, e chi ne è socialmente saturo tendenzialmente non conosce, e perciò deborda come il giocatore d'azzardo che non riesce a trattenersi anche dopo una vincita. Ma quando diciamo «limite» dobbiamo pensare non sono alla società, ma anche alla natura che concede una potenza sessuale per un certo periodo della vita e non per tutta la vita. Oggi però, grazie agli additivi chimici, questo limite può essere artificialmente oltrepassato, e per chi è invaso dal demone del potere che cosa c'è di più gratificante che celebrare la propria potenza sessuale al di là del limite che la natura per ciascuno di noi ha disposto? Qui il bisogno incontenibile di potere raggiunge il suo orgasmo, che non è tanto nel piacere sessuale, quanto nel toccare con mano l'oltrepassamento del limite posto dalla natura, in personalità che non hanno mai conosciuto le figure del sentimento, rimasto primitivo e non evoluto, indifferenziato e incapace di cogliere l'espressione di un volto, la qualità di uno sguardo, il significato di una parola, l'atmosfera di un incontro, perché già prima il loro sguardo è offuscato e ottenebrato dall'opacità della came, resa inespressiva e quindi inidonea a una scena d'amore, perché non è l'amore che si cerca, ma il piacere della prop ria potenza, impropriamente chiamata «potenza sessuale».

AVVISI AI NAVIGANTI

in RUBRICHE in MATERIALI NOMINE DICEMBRE 2010

RACCOLTA DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA DAL n. 1087 AL N. 1131 - DELIBERE DI NOMINA DEI DIRETTORI GENERALI DELLE ASL LOMBARDE, DELLE AZIENDE OSPEDALIERE E DELL'AREU (12 M)



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 29 DICEMBRE

DELIBERAZIONE N. 1208 DEL 29.12.2010 "....RELAZIONE SEMESTRALE SUL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI STRATEGICI SISS (LUGLIO – DICEMBRE 2010)"



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 22/23 DICEMBRE


DELIBERAZIONE N. 1019 DEL 22.12.2010 - PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE “MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 30 DICEMBRE 2009, N. 33 (TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI SANITA’)



DELIBERAZIONE N. 1052 DEL 22.12.2010 - APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI DISCIPLINARE D’INCARICO PER L’AFFIDAMENTO A INFRASTRUTTURE S.P.A. DI INTERVENTO RELATIVO ALL’AZIENDA OSPEDALIERA “OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO”.




DELIBERAZIONE N. 1030 DEL 22.12.2010 -DETERMINAZIONI RELATIVE ALLA RETE REGIONALE DI PRENOTAZIONE DI PRESTAZIONI SANITARIE – REVISIONE CORRISPETTIVI



DELIBERAZIONE N. 1045 DEL 22.12.2010 ALBO REGIONALE DEI DIRETTORI DI AZIENDE DI SERVIZI ALLA PERSONA TRIENNIO 2010/2013 DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA DGR N. IX-216/2010



DELIBERAZIONE N. 1054 DEL 23.12.2010 - DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA REALIZZAZIONE DELLA RETE LOMBARDA PER LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) DELIBERAZIONE N. 1085 DEL 23.12.2010 -PROTOCOLLO D’INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA E GLI IRCCS PUBBLICI LOMBARDI PER LA VALORIZZAZIONE E IL RILANCIO DEL CENTRO DI RICERCA SITO IN NERVIANO



21 DICEMBRE 2010

LINK GIUNTA REGIONE LOMBARDIA: D.G.R. N. IX/1009 15.12.2010 - DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA D.G.R. N. IX/189 DEL 30.06.2010 RELATIVA ALL'AGGIORNAMENTO DEGLI ELENCHI DEGLI IDONEI ALLA NOMINA DI DIRETTORE AMMINISTRATIVO, DIRETTORE SANITARIO E DIRETTORE SOCIALE DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE........



LINK DGR 937 (REGOLE 2011)+ALLEGATO 6



LINK DGR 938 (NUOVA DELIBERA IDONEI ALLA NOMINA)



LINK DGR 965 (ADOZIONE PIANO REGIONALE DISABILITA')



LINK DGR 939 (PIANO REGIONALE EDUCAZIONE SANITARIA E ZOOFILA)



LINK DGR 898 (REQUISITI TECNOLOGICI E STRUTTURALI)


DOWNLOAD

DOWNLOAD
OMS EUROPA: Rapporto europeo prevenzione dei maltrattamenti dell'anziano

REGIONE LOMBARDIA

REGIONE LOMBARDIA
CLICCA su immagine X alcune informazioni sul diritto all'esenzione

Trends in maternal mortality: 1990 to 2008

WORLD ALZHEIMER'S DAY 21 SETTEMBRE 2011

Dossier Consiglio Regionale Lombardia Qualità delle azioni regionali di supporto alla famiglia da un punto di vista socio economico. Stato della legislazione regionale e prospettive