LEGGI SCARICA STAMPA

LEGGI SCARICA STAMPA
DOSSIER MEDICINA TERRITORIALE

LINK OECD RAPPORTO POLITICHE SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE

WHO/OMS : Global status report on noncommunicable diseases 2010

INSERIRE EMAIL X RICEVERE INDICE E POST GIORNALIERO

indice sintetico GIORNALIERO


BURL BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE LOMBARDIA LINK CONSULTAZIONE
31 maggio 2011

ALL'IDI ANCHE 28 EURO DI TELEFONATE PER PRENOTARE LA VISITA - IDI, TELEFONATE A PAGAMENTO PER PRENOTARE VISITE MEDICHE Messaggero Cronaca di Roma

Messaggero Cronaca di Roma di martedì 31 maggio 2011, pagina 33


ALL'IDI ANCHE 28 EURO DI TELEFONATE PER PRENOTARE LA VISITA - IDI, TELEFONATE A PAGAMENTO PER PRENOTARE VISITE MEDICHE

di Brugnara Luca

________________________________________

La visita può costare cara, molto cara, sé prenotata telefonicamente: anche 15 euro, per salire a 25-28 euro se si aggiunge la disdetta. Il sistema di prenotazione dell'Idi, Istituto dermatologico dell'Immacolata e degli ospedali a lui collegati San Carlo di Nancy, Villa Paola a Capranica, non è al momento inserito nel Recup regionale. Fino allo scorso anno, c'era un numero a tariffa urbana, gestito da personale interno, a cui corrispondeva spesso una linea libera, ma senza risposta. Da gennaio, è stato introdotto un nuovo sistema, con il numero 892501, a pagamento con sovraprezzo, come indicato da un disco preregistrato. Una linea dedicata alle sole prenotazioni, gestita da una sociotà esterna, dove la risposta arriva puntuale. Ma i costi sono esorbitanti: 2,1 centesimi al secondo, a cui si aggiungono 15 centesimi alla risposta. Tradotto in altre cifre, un minuto di conversazione ha il prezzo di 141 centesimi, vale a dire un euro e 41 centesimi.
Ma non è tutto. Come segnalato da alcuni pazienti e lettori al sito del Messaggero, gli operatori a volte «sembrano voler prolungare la durata della chiamata», con richieste estremamente dettagliate. «La telefonata è durata 11 minuti e 55 secondi», lamenta un lettore, Enzo Da Forno. II costo è paria 15 euro e 16 centesimi, compreso lo scatto iniziale. «E aggiungendo la disdetta - prosegue - ho pagato 28 euro». Un caso non isolato, come segnalato da Fernando Lanciano, che assicura di «aver pagato ben 26 euro per tre chiamate», mentre Giovanni Frenguelli afferma.di averne spesi 7, Francesca Costantino «24 euro». Contattando il numero, il disco preregistrato scatta subito, indicando poi anche la spesa in centesimi al secondo. Su tre tentativi effettuati, la chiamata è durata, in due casi, tempi ragionevoli: un minuto e 13 secondi la prima volta, un minuto e trentacinque secondi nel tentativo successivo. Ma nel terzo, la conversazione si è prolungata oltre i 5 minuti, tra attesa iniziale dopo il disco, «con tutti gli operatori momentaneamente occupati», richiesta di dati anagrafici e relativa ripetizione, verifica della possibilità di prenotazione, breve descrizione dell'esame e lettura dell'informativa sulla privacy. Il tutto con estrema gentilezza dell'operatrice, ma altrettanta lentezza. La dirigenza dell'Idi è a conoscenza del problema e ha ricevuto in questi mesi decine di segnalazioni. «Per noi è un danno - precisa il direttore generale dell'Idi, Domenico Temperini - e siamo i primi ad essere dispiaciuti per i pazienti: è chiaro che non si può andare avanti così. Per anni, le prenotazioni telefoniche erano affidate a un numero urbano, curato da personale interno. Per migliorare il servizio e liberare risorse umane, è stato deciso di affidarlo a' una società terza, ma non pensavamo che i costi e le modalità fossero questi. L'Idi non percepisce un solo euro dall'attuale sistema di prenotazione». Tutte le segnalazioni vengono raccolte dalla direzione, per comprendere meglio i problemi. Tra gli obiettivi per il futuro prossimo, c'è quello dell'inserimento dell'Idi e degli ospedali collegati nel Recup regionale. «Abbiamo già inviato due contestazioni formali alla società che gestisce il servizio di prenotazione - conclude Temperini - e ora cercheremo una soluzione a questo disagio per gli utenti, magari tornando a gestire internamente il sistema di prenotazione, con numero a tariffa urbana».

AVVISI AI NAVIGANTI

in RUBRICHE in MATERIALI NOMINE DICEMBRE 2010

RACCOLTA DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA DAL n. 1087 AL N. 1131 - DELIBERE DI NOMINA DEI DIRETTORI GENERALI DELLE ASL LOMBARDE, DELLE AZIENDE OSPEDALIERE E DELL'AREU (12 M)



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 29 DICEMBRE

DELIBERAZIONE N. 1208 DEL 29.12.2010 "....RELAZIONE SEMESTRALE SUL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI STRATEGICI SISS (LUGLIO – DICEMBRE 2010)"



LINK DELIBERE GIUNTA REGIONE LOMBARDIA 22/23 DICEMBRE


DELIBERAZIONE N. 1019 DEL 22.12.2010 - PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE “MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 30 DICEMBRE 2009, N. 33 (TESTO UNICO DELLE LEGGI REGIONALI IN MATERIA DI SANITA’)



DELIBERAZIONE N. 1052 DEL 22.12.2010 - APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI DISCIPLINARE D’INCARICO PER L’AFFIDAMENTO A INFRASTRUTTURE S.P.A. DI INTERVENTO RELATIVO ALL’AZIENDA OSPEDALIERA “OSPEDALE CIVILE DI LEGNANO”.




DELIBERAZIONE N. 1030 DEL 22.12.2010 -DETERMINAZIONI RELATIVE ALLA RETE REGIONALE DI PRENOTAZIONE DI PRESTAZIONI SANITARIE – REVISIONE CORRISPETTIVI



DELIBERAZIONE N. 1045 DEL 22.12.2010 ALBO REGIONALE DEI DIRETTORI DI AZIENDE DI SERVIZI ALLA PERSONA TRIENNIO 2010/2013 DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA DGR N. IX-216/2010



DELIBERAZIONE N. 1054 DEL 23.12.2010 - DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA REALIZZAZIONE DELLA RETE LOMBARDA PER LA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) DELIBERAZIONE N. 1085 DEL 23.12.2010 -PROTOCOLLO D’INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA E GLI IRCCS PUBBLICI LOMBARDI PER LA VALORIZZAZIONE E IL RILANCIO DEL CENTRO DI RICERCA SITO IN NERVIANO



21 DICEMBRE 2010

LINK GIUNTA REGIONE LOMBARDIA: D.G.R. N. IX/1009 15.12.2010 - DETERMINAZIONI CONSEGUENTI ALLA D.G.R. N. IX/189 DEL 30.06.2010 RELATIVA ALL'AGGIORNAMENTO DEGLI ELENCHI DEGLI IDONEI ALLA NOMINA DI DIRETTORE AMMINISTRATIVO, DIRETTORE SANITARIO E DIRETTORE SOCIALE DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE........



LINK DGR 937 (REGOLE 2011)+ALLEGATO 6



LINK DGR 938 (NUOVA DELIBERA IDONEI ALLA NOMINA)



LINK DGR 965 (ADOZIONE PIANO REGIONALE DISABILITA')



LINK DGR 939 (PIANO REGIONALE EDUCAZIONE SANITARIA E ZOOFILA)



LINK DGR 898 (REQUISITI TECNOLOGICI E STRUTTURALI)


DOWNLOAD

DOWNLOAD
OMS EUROPA: Rapporto europeo prevenzione dei maltrattamenti dell'anziano

REGIONE LOMBARDIA

REGIONE LOMBARDIA
CLICCA su immagine X alcune informazioni sul diritto all'esenzione

Trends in maternal mortality: 1990 to 2008

WORLD ALZHEIMER'S DAY 21 SETTEMBRE 2011

Dossier Consiglio Regionale Lombardia Qualità delle azioni regionali di supporto alla famiglia da un punto di vista socio economico. Stato della legislazione regionale e prospettive